Domenica 27 marzo 1994, stadio San Paolo, Napoli. Il Milan sfida il Napoli nella 28° giornata di campionato. Rossoneri ovviamente primi in classifica come quasi sempre accadeva in quegli anni, con un vantaggio più che abbondante sulla seconda, e che vengono dalla vittoria nel derby firmata da “Provvidenza” Massaro negli ultimi minuti di gara. Il Napoli invece viene da una stagione di alti e bassi, ormai la grande squadra di Maradona non esiste più e la società ha grossi problemi finanziari.

Il Milan si rende subito pericoloso prima con un bel contropiede che porta un difensore partenopeo a rischiare l’autogol per intercettare un bel passaggio di Simone a Papin (solo in area), e poi ancora con l’attaccante francese, che di testa da pochi passi manda al lato un cross perfetto di Lentini. Il migliore dei rossoneri però è Simone, che prima fa tuto da solo e dal limite dell’area fa partire un tiro centrale che Taglialatela respinge di pugno. Poi sempre Simone riceve da Maldini e da 30 metri fa partire un tiro a giro che si stampa sul palo a portiere battuto. Solo Fonseca per il Napoli prova a spaventare Sebastiano Rossi, ma il suo colpo di testa da distanza ravvicinata finisce alto.

La ripresa non vede molte emozioni e la partita sembra destinata allo zero e zero, risultato che tutto sommato al Milan va più che bene visto il grosso vantaggio che ha in classifica e visto che comunque quello di Napoli non è mai un campo facile da espugnare. Di Canio dalla sinistra fa partire un bel cross per Fonseca che di testa mette il pallone in porta, ma Rossi con un ottimo riflesso devia in angolo.
Al minuto 79, però, la difesa rossonera crolla. Di Canio si trova da solo contro due fenomeni come Tassotti e Baresi, ma è proprio il capitano a commettere una della pochissime ingenuità della sua lunga carriera: l’attaccante azzurro entra in area e prova a ubriacare i due difensori con i suoi consueti dribbling, Baresi però si stacca dalla marcatura e va a coprire il centro dell’area, dove però non c’era nessuno. A quel punto Di Canio riesce a trovare lo spazio per tirare e di sinistro, da posizione defilata, batte il portiere con un tiro a mezza altezza.
NAPOLI: Tagliatatela, Corradini (17′ Nela), Gambaro, Pari, Cannavaro, Bia, Di Canio, Pecchia, Fonseca, Corini, Policano (70′ Buso). All.: Lippi
MILAN: Rossi, Panucci, Maldini, Eranio (85′ Carbone), Costacurta, Baresi, Lentini, Desailly, Papin, Boban (70′ Donadoni), Simone. All.: Capello
Arbitro: Rodomonti
Rete: 79′ Di Canio

Posted by elbonito