Secondo me nell’ultima settimana Ronaldinho è tornato il grandissimo giocatore che era al Barcellona. Che il brasiliano fosse in netta crescita rispetto all’anno scorso ce n’eravamo accorti eccome da ottobre, visto che già da allora era diventato indispensabile per questa squadra. Ma fino a poco tempo fa Dinho giocava bene, sfornando assist ma senza saltare con continuità l’uomo e non convincendo mai al 100 %, mentre nelle partite con Udinese, Manchester e Bari è stato un fenomeno, un giocatore universale, un vero trascinatore.

Giudicare un giocatore per tre partite è ovviamente sbagliato, e allora consideriamo questo ragazzo per quello che ha fatto per adesso. Una decina di assist, 9 gol.  Non è una punta, eppure è il capocannoniere della squadra insieme a Pato, ha le stesse reti di bomber di razza come Di Vaio e Maccarone. Inoltre ha collezionato 23 presenze, quasi tutte dall’inizio, a dimostrazione della sua continuità, e si è guadagnato la fiducia di allenatore e compagni, cosa che l’anno scorso non era accaduta viste le numerose partite in cui partì dalla panchina.

Penso che Ronaldinho quest’anno possa essere considerato il giocatore più decisivo dell’intero campionato. Nessuno in serie A ha influito in positivo sull’andamento della sua squadra come lui.

Posted by elbonito