Mercoledì 19 aprile 1989, stadio San Siro. Il Milan di Sacchi sta per diventare famoso in tutto il pianeta calcistico. I rossoneri ricevono in casa per la semifinale di ritorno di Coppa Campioni il fortissimo Real Madrid di Butragueno e Hugo Sanchez, considerato la squadra più forte del mondo. All’andata era finita 1-1, in una partita scandalosa che il Milan aveva dominato dal primo all’ultimo minuto, ma che finì in parità a causa di alcune decisioni arbitrali a dir poco discutibili. Sacchi deve fare a meno di Evani e mette Ancelotti, pupillo del mister in virtù della sua grande capacità di adattarsi a ogni ruolo.

Il Milan parte alla grande e fa capire subito agli avversari chi è il più forte: Donadoni è strepitoso sulla fascia e mette al centro per Van Basten, che di testa non centra la porta. La rete del vantaggio arriva al 18′ con Ancelotti, che riceve da Gullit, salta due giocatori e da 30 metri fa partire una botta che si infila sotto la traversa. Il raddoppio arriva sette minuti dopo con Rijkaard, che mette dentro con un imperioso stacco di testa su cross di Mauro Tassotti, il più grande terzino destro del mondo allora. La partita si chiude al 45′ quando la più grande ala destra italiana di tutti i tempi, Donadoni, dalla sinistra stordisce il suo marcatore e mette al centro un cross al bacio per Gullit, che di testa batte ancora Buyo.
Il quarto gol arriva al 49′, ed è tutto olandese: Rijkaard lancia per Gullit, che di testa fa da torre a Van Basten, che in area con due marcatori vicini a lui controlla con calma e mette dentro con un gran tiro sotto la traversa. Il quinto gol arriva al 59′ con Donadoni, che dalla destra converge al centro senza che nessuno lo riesca a prendere e di sinistro incrocia un tiro che batte ancora il portiere.

Una partita pazzesca, in cui il Milan dimostra la sua immensa superiorità e soprattutto che consacra alcuni campionissimi ancora adesso irragiungibili: Baresi, Maldini, Van Basten, Gullit, Rijkaard, Donadoni sono tutt’ora giocatori assolutamente irraggiungibili.

Un consiglio ai giovani: guadatevi questa partita per intero, perché una squadra come quel Milan, probabilmente, per una serie di motivi non la vedrete mai più.

MILAN: Galli, Tassotti, Maldini, An. Colombo (64′ F. Galli), Costacurta, Baresi, Donadoni, Rijkaard, Van Basten, Gullit (56′ Virdis), Ancelotti. All.: Sacchi
REAL MADRID: Buyo, Chendo, Gordillo, Michel, Sanchis, Gallego, Butragueno, Schuster, Sanchez, Martin Vazquez, Llorente. All.: Beenhakker
Arbitro: Ponnet
Reti: 18′ Ancelotti, 25′ Rijkaard, 45′ Gullit, 49′ Van Basten, 59′ Donadoni.

Posted by elbonito