Milano, 2 maggio 2004, stadio San Siro. Milan e Roma si giocano lo scudetto in una singola partita. Rossoneri favoriti visto che negli ultimi mesi hanno sempre comandato la classifica, dimostrando la loro netta superiorità sui giallorossi a gennaio, il giorno dell’Epifania, nella gara di andata, dove gli uomini di Carlo Ancelotti si imposero per 2-1 dopo una partita capolavoro.
Ancelotti rinuncia all’albero di natale e fa fuori Rui Costa, al suo posto Tomasson che si schiera quindi al fianco del bomber Shevchenko. Classico schema invece quello utilizzato da Capello, che conferma la strana coppia Totti-Cassano davanti. Il Milan passa in vantaggio già al primo minuto: Cafu sulla destra dà a Kakà, che salta due uomini e dal fondo lascia partire un cross preciso per Sheva che di testa piazza il pallone dove Pelizzoli non può arrivare. Il Milan domina l’intero primo tempo e dimostra di meritare i 6 punti di vantaggio sulla Roma, e al 42′ ancora Sheva si trova solo davanti a Pelizzoli, ma clamorosamente tira al lato.

Nella ripresa entra D’Agostino per Candela e la partita cambia, con la Roma che si fa più pericolosa. Al 53′ accade di tutto: Totti calcia una punizione che secondo lui viene respinta con il braccio da Sheva, con conseguenti vigranti proteste giallorosse. L’arbitro fa proseguire il gioco, che però viene fermato dai tifosi romanisti, che lanciano di tutto in campo e costringono il direttore di gara a sospendere la gara.

La partita prosegue tra vari nervosismi, con gli ospiti che provano a raddrizzare la gara senza però rendersi mai pericolosi. Il triplice fischio di Messina è una vera e propria liberazione per i tifosi rossoneri, che dopo lo scudetto conquistato con Zaccheroni qualche anno prima possono nuovamente gioire.

Milan: Dida; Cafu, Nesta, Maldini, Costacurta; Gattuso, Pirlo, Seedorf (50’st Kaladze); Kakà (42’st Rui Costa); Tomasson (35’st Ambrosini), Shevchenko. Allenatore: Ancelotti
Roma:Pelizzoli; Panucci, Zebina, Samuel, Candela (1’st D’Agostino); Mancini, Emerson, Dacourt, Lima (34’st De Rossi); Totti, Cassano (28’st Delvecchio). Allenatore: Capello
Reti: Shevchenko al 1′

Posted by elbonito