Stasera, nella splendida e calda cornice del San Nicola di Bari (che, ricordiamo, ha ospitato la finale di Coppa Campioni 1992 e la finale per il 3°posto dei mondiali ’90), va in scena il Trofeo TIM: calcio estivo applicato ai ritmi televisivi del primo decennio del nuovo millennio, con l’ormai collaudata formula delle tre partite da 45 minuti – come spesso accaduto, Inter-Juventus sarà la prima, col Milan ad affrontare prima la perdente e poi la vincente del primo scontro. Quasi il tutto esaurito e traffico prevedibilmente congestionato.

L’obiettivo, oltre ad un trofeino considerato persino porta-jella, vedere quale delle strisciate è più in forma. Ad occhio e croce, si potrebbe puntare tutto sui bianconeri (che hanno vinto il TIM per la prima volta l’anno scorso), già preparati dalla pur facile sfida di Europa League e che, soprattutto, non hanno sul groppone il jet-lag di una tournèe americana. La squadra, inoltre, è quasi la titolare: convocati:
P: Storari, Manninger, Costantino
D: Motta, Chiellini, Bonucci, Grygera, De Ceglie, Legrottaglie, Ferrero
C: Felipe Melo, Sissoko, Marchisio, Lanzafame, Pepe, Martinez
A: Del Piero, Amauri, Trezeguet, Diego
Destinati a fare staffetta gli attaccanti, ma Diego ha già la testa altrove…

Veniamo ai nostri ragazzi, forse i meno quotati. Quattro i Primavera: Oduamadi, Strasser, Novinic, Beretta e il gioiellino Merkel (non facciamoci illusioni – come notato già dai miei “colleghi”, pensate a Fausto Rossi!). Dei “ragazzini terribili”, manca Simone Verdi, il più indiziato ad entrare in prima squadra. Niente trasferta sull’Adriatico anche per Pato e Thiago Silva, reduci dalla nazionale. Il precampionato è andato meno peggio dell’anno scorso, ma, a differenza delle altre due strisciate, non abbiamo lo stimolo di essere a pochi giorni da una prima sfida importante: il prossimo “grande appuntamento” dovrebbe essere (a meno di bidonate) l’arrivo di Boateng di lunedì. I convocati di Allegri:
P: Abbiati, Amelia, Roma
D: Abate, Antonini, Bonera, Oddo, Nesta, Yepes, Papastathopoulos, Zambrotta
C: Merkel, Pirlo, Flamini, Gattuso, Novinic, Strasser, Ambrosini
A: Ronaldinho, Borriello, Beretta, Oduamadi, Inzaghi, Huntelaar
C’è anche la formazione dei rossoneri per la prima partita:
(4-3-3) Amelia; Abate, Nesta, Bonera, Antonini; Gattuso, Pirlo, Ambrosini; Ronaldinho, Borriello, Oduamadi.

Se Atene piange, Sparta non ride. L’inter viene da una tournèe agrodolce: il Panathinaikos (con il quale, ricordiamo, il Milan non ha subito gol) ha imposto un duro stop ad una squadra che sembrava destinata a spaccare il mondo persino nel precampionato. Assenti Muntari, Motta, Zanetti e Santon, ci sarà Sneijder, insieme a baby Coutinho, l’uomo dell’estate che arriva alla prima vera prova, e a Maicon, la cui telenovela si è (finalmente, ci aveva anche rotto le scatole!) spenta. I convocati:
P: Julio Cesar, Castellazzi, Orlandoni
D: Cordoba, Lucio, Maicon, Materazzi, Samuel, Chivu, Biraghi, Benedetti, Natalino
C: Stankovic, Sneijder, Cambiasso, Obi, Coutinho, Mancini, Obiora
A: Eto’o, Milito, Pandev, Obinna, Biabiany.

ALBO D’ORO

2001: Milan
2002-2005: Inter
2006: Milan
2007: Inter
2008: Milan
2009: Juventus

Posted by bari2020

Vice-direttore del blog. Responsabile dei Post-partita del Milan e della Nazionale e della rubrica di approfondimento sulla Champions League: attivo sul blog da Gennaio 2010.