Per chi, come me, si aspettava di rientrare dall’Inghilterra con due sconfitte e cinque-sei pere sul groppone, il doppio 1-1 scaturito tra ieri e oggi all’Emirates Stadium lascia un retrogusto di soddisfazione.

Se non altro non sentiremo le solite cassandre pronte a gettare me…lma alla prima insignificante amichevole persa. Chiariamo, di fango ce n’è tanto, direi fin troppo, ma il gettarne aggratis come ogni tanto succede mi crea un certo fastidio.

Torniamo a questo torneo, torneo in cui pochi titolari, tante riserve e qualche giovane sono riusciti a fermare Lione e Arsenal, che inizieranno i propri campionati rispettivamente tra una e due settimane e che pertanto sono a preparazione quasi del tutto ultimata o comunque molto più avanti di noi. Tutta questa differenza non si è vista, abbiamo faticato, in certi momenti siamo stati in apnea, ma tutto sommato ce la siamo cavata con buona personalità, senza mai crollare del tutto sul piano fisico.

In particolare buona prova di Amelia, decisamente ottima quella di Papastathopulos che finchè sta in campo svolge il doppio lavoro: il suo e quello di Bonera, spaesato e sempre fuori tempo. Ancora un buon Flamini, mentre Seedorf detta legge quando si gioca a ritmi da scampagnata. Nel secondo tempo sulla destra proponiamo una coppia, quella Gattuso-Oddo che non ha nulla da invidiare alle grandi coppie comiche quali Gianni e  Pinotto, De Sica e Boldi, Stanlio e Ollio. Manco a dirlo il gol è tutta colpa del terzino ex Lazio.

La nota più positiva di questo soggiorno in Terra d’Albione sono i giovani. Torniamo infatti con due giocatori che possono tranquillamente far parte della prima squadra, in particolare Merkel (ancor più che Strasser) mi ha piacevolmente impressionato. Per Verdi si tratta ancora di aspettare, deve mangiare tanti spinaci per evitare di crollare ad ogni contrasto.

Nel complesso, si può essere relativamente soddisfatti, continuiamo a lavorare con serenità che la strada è molto molto lunga.

Posted by LaPauraFa80