https://i1.wp.com/inter.theoffside.com/files/2009/08/trofeo_tim_2008-09.jpg?resize=326%2C218San Nicola, ore 20.45. Sarà forse un trofeo Tim per la prima volta ridimensionato quello che vede al via, come da tradizione, le tre squadre più titolate del calcio Italiano. Tre squadre che si trovano in tre posizioni radicalmente diverse, ad una settimana abbondante dal via del Torneo.

IL MILAN – Sfumati Fabregas e Schweinsteiger, presente in campo ieri a Monaco, il budget del mercato di 39 milioni rimane comunque intatto. Mancherà Ibrahimovic, infortunato col Malmoe ma non dovrebbe essere a rischio per Cagliari. Per il resto la formazione è e rimane quella campione d’Italia, con i problemi a centrocampo di cui sappiamo. Approfitto della situazione per rimarcare quanto ho letto in giro nell’ambiente rossonero, in particolare di un pessimismo strano per quanto riguarda il centrocampo. Siamo sinceri: in quanti si aspettavano di ricucirlo in un solo mercato? L’obiettivo del mercato era rinforzarsi per l’Europa, invece il gap con il Barça è addirittura aumentato. Al momento siamo forse inferiori a Real, Barça, United e Chelsea. Con le altre ce la giochiamo almeno alla pari. Ma la situazione non è forse la stessa delle vittorie in coppa dei campioni? Per eliminare questo Barça, lo sappiamo tutti, c’è bisogno di arbitraggi stile Inter 2010. Ma non per questo dobbiamo fasciarci la testa su un campionato che ci vede grandi favoriti. Per quanto riguarda stasera Allegri ha preferito convocare diversi giovani, come da tradizione in questo triangolare. Per quanto riguarda invece i criticoni gli consiglio di farsi un semestre da interisti e di iniziare a godersi le vittorie.

L’INTER – Conclusosi il ciclo aperto grazie a Calciopoli l’Inter si presenta forse sul viale del tramonto. Forse, perché in fondo la situazione non è tanto diversa da quella attraversata dal Milan Leonardiano. Eppure noi lo sapevamo già da tempo: la politica di Moratti lasciava più buchi in bilanci che trofei. Ora l’Inter si è trovata a dover smantellare un progetto costruito su tanti ingaggi pesanti (dopotutto si preferivano i prescritti alle grandi europee solo per la pecunia) alla vigilia del FFP ha dovuto, giocoforza, mettersi al pari delle altre. Lasciato a casa Eto’o, sempre più vicino al campionato Russo e con un Lucio fresco di rinnovo fino al 2014 (ne vale la pena per un giocatore quasi finito?) e un Maicon fuori per quaranta giorni. La sensazione è che se possano vincere qualcosa questa stagione, a meno di clamorosi regali, è solamente stasera. E poi… loro giocano in casa no?

LA JUVENTUS – E’ la vera incognita di questo campionato. Potrebbe occupare tranquillamente qualsiasi dei primi 8 posti. La mia principale perplessità sui bianconeri riguarda la presenza di Pirlo con le due ali Krasic e Martinez a causa dei compiti di copertura che gli dovrebbero essere attribuiti e che, a mio parere suffragato dai soli cinque contrasti vinti in carriera, non è in grado di avere. Sarà proprio stasera la prima di Andra contro la sua ex-squadra. Juventus che si presenta rimaneggiata con le assenze di Toni, Chiellini, Martinez e Quagliarella. Dei bianconeri parleremo più approfonditamente comunque con il trofeo Berlusconi.

PROGRAMMA – Tre gare da 45′, aprirà Inter-Juventus a seguire il Milan prima contro la perdente e poi la vincente di tale incontro. Tre punti in caso di vittoria al 45°, due in caso di vittoria ai rigori e uno agli sconfitti. Campione in carica l’Inter che ha vinto sei trofei su dieci disputati.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.