Fischio d’inizio alle 12.30 (diretta Dazn) per Milan-Parma, la partita del ritorno in campo a soli due giorni e mezzo dal “pericolo scampato” con il Dudelange.

Ci eravamo lasciati con un “due risultati e mezzo su tre” in Europa, ci ritroviamo con la sfida alla vera rivelazione di questo inizio campionato: sesto posto, comprensivo di uno 0-1 a San Siro in casa dell’Inter. Risultato che non permette ai rossoneri di sottovalutare gli emiliani, risaliti in A a tre anni di distanza dal fallimento del 2015. L’ultimo precedente di quell’anno è un 3-1 per il Milan, seguito del 4-5 al Tardini all’andata. Unici ex in campo crociato sono il difensore Massimo Gobbi e mister Roberto D’Aversa, entrambi prodotti del vivaio milanista. Fa ancora parte della dirigenza anche Hernan Crespo, al Milan nella stagione 2004-05; il giocatore più famoso degli emiliani è sicuramente l’ex Roma e Arsenal Gervinho.

22 i convocati milanisti, tra cui ci sono sia Kessié sia Bakayoko. Gazzetta e Rai danno per fatto un “pericoloso” spostamento di Abate al centro della difesa. G. Donnarumma; Calabria, Abate, Zapata, Rodriguez; Kessié, Mauri, Bakayoko; Suso, Cutrone, Calhanoglu l’undici probabile del Milan. 4-3-3 speculare per il Parma con: Sepe; Iacoponi, B. Alves, Bastoni, Gagliolo; Grassi (Rigoni), Stulac, Barillà; Biabiany, Inglese, Gervinho. Arbitra Calvarese di Teramo, assistito al Var dal duo Valeri-Peretti. Da tenere d’occhio in chiave europea Sassuolo-Udinese alle 15, Chievo-Lazio alle 18 e Roma-Inter alle 20.30.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014