Dopo il Napoli, il Torino prima di un calendario di sfide salvezza e scontri diretti in chiave Europa League. Squadre in campo alle 20.45 al Grande Torino, già Comunale, alla stessa ora di altre 7 partite (ormai un “evento” raro).

I granata di Walter Mazzarri sono decimi con 46 punti, quindi già ampiamente salvi e con una remota possibilità di tornare ancora sotto per l’Europa (molto difficile avendo quattro squadre davanti). L’andata è stata anche l’ultima partita prima dell’esonero di Vincenzo Montella: uno 0-0 accolto dai fischi di San Siro. Sono cambiati entrambi i protagonisti in panchina, e fortunatamente da allora il Milan ha recuperato qualche posizione arrivando fino alla sesta. I granata sono il terzultimo scoglio importante prima di Atalanta e Fiorentina. Ci sono gli stessi convocati di domenica, più Bonucci che torna dalla squalifica. Toro privo invece di Lyanco e Milinkovic.

3-4-2-1 per il Torino con: Sirigu; N’Koulou, Burdisso, Moretti; De Silvestri, Rincon, Baselli, Ansaldi; Falque, Ljajic; Belotti. Due ballottaggi nel 4-3-3 del Milan. G. Donnarumma; Abate (Calabria), Bonucci, Zapata, Rodriguez; Kessié, Biglia, Bonaventura; Suso, Kalinic (Cutrone), Calhanoglu. Squadre in campo conoscendo già il risultato di Benevento-Atalanta che si gioca alle 18; Fiorentina-Lazio e Sampdoria-Bologna completano il calendario EL. Arbitro della partita Maresca di Napoli, il duo Banti-Schenone lo assiste al Var.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014