Penultima fatica della fase a gironi per l’Italia di Ventura. Si gioca all’Olimpico di Torino, ore 20.45, con l’obbligo dei tre punti anche se il secondo posto è di fatto acquisito.

Il perché è presto detto: a fare fede per i sorteggi dei playoff sarà il ranking Fifa del 16 ottobre (l’Italia ora è 17°, al riparo) che dividerà otto squadre tra teste di serie e non. Già, otto: escludendo i punti acquisiti con la sesta in classifica, la peggiore seconda saluterà la compagnia. Ad oggi, le due squadre papabili per rimanere fuori sono Galles e Bosnia, nei gruppi D e H, con l’Italia avanti a loro di ben 5 punti in questa particolare classifica in attesa di scendere in campo tra stasera e domani. All’andata a Skopje finì 2-3; a cancellare due minuti di follia costati i gol di Nestorovski e Hasani (la Macedonia conduceva 2-1) ci pensò Immobile con due reti, al 75′ e al 92′. Proprio sulle spalle del laziale dovrà reggersi l’attacco azzurro, vista l’assenza di Belotti.

3-4-3 probabile per Ventura, anche se con due terzini come esterni di centrocampo per evitare troppi sbilanciamenti. Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Darmian, Gagliardini, Parolo, Zappacosta; Verdi, Immobile, Insigne. 4-4-2 più tradizionale per la Macedonia con: Dimitrievski; Musliu, Velkoski, Zajkov, Ristovski; Spirovski, Hasani, Bardhi, Alioski; Pandev, Nestorovski. Coppia d’attacco “italiana” proveniente da Genoa e Palermo, da dove arriva anche la prima riserva Trajkovski. Arbitro della partita il portoghese Martins. Sugli altri campi, Spagna-Albania dovrebbe sancire l’eliminazione balcanica e il definitivo passaggio del turno iberico. Già certe del pass da ieri sera Germania e Inghilterra, dopo il Belgio; serve un punto alla Polonia.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche “Destinazione” da ottobre 2014

  • Vittorio

    Ma che caz debbo commentare! Mi basta la bile che mi procura Montella.