Continua la caccia nel safari rossonero.
L’aquila è scappata,
Il grifone ha resistito
L’asinello è nel sacco.
Ora tocca alla Zebra…
… poi, a soccombere, sarà ancora il Biscione.
DALLO STADIO OLIMPICO DI TORINO, JUVENTUS – MILAN
IL CLASSICO!

https://i1.wp.com/static.sky.it/static/images/sezioni/sport/calcio_italiano/16esima%20giornata/juve_milan/ambrosini_gol_juve_milan_548.jpg?resize=285%2C179In scena a Torino il duecentosessantunesimo derby d’Italia. Per molti anni, la maggior parte degli ultimi, questa era la partita del campionato. Oggi non solo la troviamo inferiore al derby di Milano, ma anche alla nostra partita di Lunedì contro un Napoli secondo in classifica. Arriviano quindi al classico numero 261 due squadre radicalmente diverse, il Milan capolista, reduce da un secco e rotondo successo contro la ex-seconda in classifica e che Mercoledì andrà a giocarsi il passaggio ai quarti di Champions, e una Juventus in crisi, reduce da due sconfitte consecutive, fuori dall’Europa (League) già da Novembre e nel frattempo eliminata anche dalla Coppa Italia. Il Milan ha quindi, nell’unica partita del torneo che tra l’altro celebrerà i 150 anni dell’Unità d’Italia con magliette ad-hoc, la possibilità vincendo di mantenere il distacco sull’Inter, sicuramente vittoriosa contro un Genoa decimato da dubbie decisioni arbitrali a Catania, a cinque punti allineando di fatto i calendari. Alle Milanesi rimarranno, infatti, dopo questa partita, da affrontare, oltre al derby, due big a testa: Napoli e Lazio per l’Inter, Roma e Udinese per il Milan, entrambe in collocazioni di calendario simili ma non vicine. 5 punti possono quindi dire già scudetto, vuol dire potersi concedere, in caso di pareggio al derby, due sconfitte o addirittura una sconfitta e due pari nelle rimanenti nove partite con la sicurezza di alzare il massimo riconoscimento italiano a fine stagione. Per farlo bisognerà espugnare per il secondo anno di fila Torino, impresa difficile, ma che quasi sempre ha coronato gli scudetti rossoneri.

IL MILANFuori Merkel, che non sarà a disposizione per la sfida di Torino, rimangono in infermeria Antonini, Bonera, Ambrosini, Pirlo e Inzaghi. Per gli ultimi tre si parla di rientro eventuale ad Aprile, dopo la sosta, forse per il derby. Recuperano Strasser e Legrottaglie, solo tribuna per loro insieme a Zambrotta (che si sta allenando in gruppo ma non è ancora al 100%). Confermato quindi a sinistra Jankulovski dopo la buona prestazione di Lunedì, a destra agirà Abate, al centro Nesta e Thiago. Centrocampo muscolare con Gattuso, Van Bommel (sempre più ottimo acquisto) e Boateng che agirà da mezz’ala (Flamini risparmiato per Londra?). Robinho quindi ancora trequartista, dietro a Ibra e Pato. Cassano in panchina, nonostante i 90′ contro il Napoli e il fatto che a Londra, mercoledì, non potrà giocare.

LA JUVENTUS – Squalificato Pepe, indisponibile tra gli altri Grosso, a sinistra vedremo Sorensen, terzino giovane, ma da non sottovalutare, considerato che nello scontro con l’Inter ha annullato Samuel Eto’o. Centrali Chiellini e Barzagli (avrei preferito la pippa Bonucci), Traorè a destra. Centrocampo in linea, composto da Krasic, Felipe Melo, Marchisio e Martinez, in attacco l’ex Matri campione d’Europa 2003 e d’Italia 2004 con la maglia del Milan, e Luca Toni. Recuperato in extremis Aquilani ma dovrebbe partire dalla panchina. Attenzione a non sottovalutare la Juve nonostante il Canyon di distanza in classifica, la loro stagione probabilmente finirà qui, stasera è attesa una prova più che altro d’orgoglio. La Juve è infatti grande con le grandi e piccola con le piccole, proprio perché ha difficoltà a fare la partita, ma si trova a suo agio quando la partita la fanno gli altri. Il 2-1 dell’andata, ottenuto senza uno straccio di gioco a San Siro, dove meritava probabilmente di essere sotto tre gol dopo 15 minuti insegna.

L’INTER – Stasera in campo scenderanno anche loro. Per la prima volta con gli odiati rivali, con le sciarpe bianconere al collo. Chissà che effetto gli farà. Chissà, se come contro Napoli, negheranno episodi arbitrali solari e si schiereranno a favore dell’ex rivale. Per loro probabilmente serata strana, anche e forse più di quella di Manchester nel 2003.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.