Ultimi scampoli di amichevoli estive, poi lunedì si inizierà a fare sul serio con il preliminare di Coppa Italia. Dopo il colpo Romagnoli, con i 5 milioni in più richiesti dalla Roma spalmati sotto forma di bonus, il Milan scende in campo con la necessità di ripartire subito dopo la doppia sconfitta dell’Audi Cup, che ha un po’ spezzato un’estate fino ad allora positiva.

Solita formula: triangolare da 45 minuti a partita, con possibilità di “riposarsi” per la vincente della prima gara. Torna l’Inter, dopo due anni di assenza, a sostituire la Juventus. Sassuolo confermato come terza squadra, dopo la vittoria (!) del 2013 e l’organizzazione nel proprio stadio del torneo. Probabili le classiche 2 formazioni diverse, una per il derby (prima partita) e una per l’altro match col Sassuolo. La conferma del 4-3-1-2 pare essere la più indicata per il derby, con: Diego Lopez; Calabria, Paletta, Mexes, De Sciglio; Poli, De Jong, Bertolacci; Bonaventura; Bacca, Luiz Adriano. Antonelli, Montolivo e Menez fuori, oltre a Niang. Romagnoli, Abate, Suso e gli altri dovrebbero giocare gli altri 45′ con il Sassuolo. Spazio ai nuovi acquisti anche per Mancini e l’Inter. 4-3-1-2 speculare con: Handanovic; Montoya, Ranocchia, Miranda, D’Ambrosio; Brozovic, Medel, Gnoukouri; Hernanes; Icardi, Jovetic. Solo Vidic indisponibile per i cugini.

Vi sarà quindi, in almeno una delle due partite, l’esordio di Alessio Romagnoli, che si è scelto un numero bello impegnativo, il 13 di Alessandro Nesta, poi finito sulla schiena di Francesco Acerbi tre anni fa. Tra storie sul 46 in onore di Valentino Rossi, poi non usato per via della fede nerazzurra dell’asso di Tavullia, e ironie romaniste sulla Rete (evidentemente sono talmente abituati ad acquisti sopravvalutati come Osvaldo, Doumbia e Iturbe da credere che siano tutti così) il Milan ora ha dato una bella scossa al mercato, ma anche l’idea di un progetto per la difesa, con Calabria e Ely in ascesa e il tentativo di recuperare De Sciglio. Non aspettiamoci di vincere proprio subito, anche se dovesse arrivare il tanto agognato regista/mediano: ma le premesse, sia in panchina sia in società, sono le migliori dal 2011 a oggi.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014