La partita di oggi non mi lascia per niente tranquillo. Sarà perchè la testa potrebbe già essere a Zurigo, sarà perchè Del Neri ci ha spesso messo in crisi e penso soprattutto all’anno dello scudetto, Milan-Chievo 2-2 con pareggio di Shevchenko al minuto 97: ero allo stadio e credo di non aver mai esultato tanto per un pareggio.
Sarà anche perchè negli ultimi anni abbiamo spesso gettato nel cestino molte occasioni che avrebbero sistemato la nostra classifica. Se vincessimo allora potremmo guardare il derby-d’Italia-tra-lepovere-d’Europa consapevoli del fatto che qualunque risultato potrebbe tornarci utile. Se si vince appunto, troppo spesso siamo mancati proprio nel momento in cui dovevamo dimostrare di esserci.
Dunque la vittoria è d’obbligo, al resto ci penseremo dalle 20.00: un passo alla volta.

La formazione: dovrebbe essere la solita, l’unico dubbio è legato alle condizioni di Thiago Silva, da un lato il rischio di proporlo anche se non al massimo, dall’altro Kakha Kaladze… Anche Huntelaar è acciaccato, quindi data la squalifica di Inzaghi il titolare sarà Borriello. Abate e Zambrotta sulle fasce, con quest ultimo che salterà la trasferta di Champions causa squalifica. La mossa a sorpresa potrebbe essere l’inserimento di Flamini per Ambrosini, ma il capitano è in vantaggio sul francese.

L’avversario: dopo un avvio di campionato ottimo solo una vittoria nelle ultime 5 uscite e nell’ultima giornata è arrivata la sconfitta netta nel derby. Mancherà Palombo per lo stesso motivo di Inzaghi, Tissone sarà il sostituto. Come detto temo soprattutto le mosse di Del Neri, uno che è spesso uscito da San Siro con qualche punto in saccoccia. Se giocherà Kaladze allora Cassano e Pazzini avranno vita facile, ma anche con T.Silva potrebbero metterci in seria difficoltà.

I precedenti: 52 incontri, 34 vittorie del Diavolo, 9 pareggi e altrettante sconfitte. L’anno scorso finì 3-0 per noi, con doppietta di Ronaldinho: primo gol su rigore e secondo dopo una bella azione in contropiede dello stesso Gaucho insieme a Kakà. Sigillo finale di Pippo Inzaghi. L’ultima sconfitta risale all’anno prima, 2-1 per i blucerchiati, gol nostro di Paloschi, secondo e ultimo in campionato con la nostra maglia. Quella fu una delle tante occasioni perse (appunto) quell’anno a San Siro, che ci costarono l’addio alla Champions League.

LE PROBABILI FORMAZIONI DI MILAN-SAMPDORIA

Serie A 15a giornata: Juventus-Inter e Milan-Sampdoria (SKY, Premium, Dahlia)MILAN (4-2-1-3): 1 Dida , 20 Abate , 13 Nesta , 33 Thiago Silva , 15 Zambrotta , 21 Pirlo , 23 Ambrosini , 10 Seedorf , 7 Pato , 22 Borriello , 80 Ronaldinho (30 Storari , 4 Kaladze , 77 Antonini , 19 Favalli , 16 Flamini , 17 Zigoni , 11 Huntelaar) All. Leonardo

Serie A 15a giornata: Juventus-Inter e Milan-Sampdoria (SKY, Premium, Dahlia)SAMPDORIA (4-4-2): 1 Castellazzi , 23 Stankevicius , 28 Gastaldello , 5 Accardi , 3 Ziegler , 20 Padalino , 12 Tissone , 16 Poli , 7 Mannini , 10 Pazzini , 99 Cassano (90 Fiorillo , 8 Zauri , 6 Lucchini , 15 Regini , 19 Franceschini , 11 Bellucci , 9 Pozzi) All. Delneri

Abbiamo una grossa opportunità, sta a noi non sprecarla. Inutile aggiungere altro.

Posted by LaPauraFa80