Fatal Verona stocazzo. Al netto della differenza di atteggiamento rispetto alla partita di San Siro vs Inter il Milan questa sera ha giocato contro una squadra che ha fatto diventare quella che per lei doveva essere una amichevole in una finalissima di Champions League. Noi ci siamo fatti trovare pronti perché i primi 25 minuti sono stati il miglior approccio di una partita nel 2022 dai tempi di Venezia-Milan.

Il Milan arriverà alla 38esima giornata – l’ultima – con la possibilità di poter diventare campione d’Italia e lo farà comunque vada la prossima. Il Milan sarà almeno secondo in classifica con 80 punti, quota che non si raggiungeva dal 2011-12, migliorando il risultato della scorsa stagione (78). Lo facciamo giocando in condizioni particolari visto che da Milan-Spezia siamo senza rigori, senza rossi per gli avversari e con il VAR a nostro favore spento.

Dopo un buon inizio succede che andiamo sotto perché ci colpiscono in contropiede trovando la difesa scoperta. L’1-0 potrebbe far male ma nonostante tutto non smettiamo di giocare. I due gol sono fotocopia: recupero alto, progressione di Leao, zampata di Tonali – andiamo in situazione di vantaggio al 50esimo, non ci trovavamo lì dai tempi di Milan-Empoli, gol di Kalulu.

Andiamo in sofferenza perché ci troviamo a fare la nostra peggiore partita – quella di dover difendere. Occasioni loro una, il colpo di testa di Lasagna. Pioli poi la raddrizza coi cambi, in particolare toglie Calabria che era un birillo, Leao che era stanco ed ammonito – recuperiamo qualcosa finché Florenzi insacca il 3-1. Partita chiusa, con buona pace del Verona, delle porte chiuse e di qualsiasi cosa gli sia stata promessa.

Rimangono 4 punti tra noi e lo scudetto e il prossimo ostacolo è ancora più difficile – l’Atalanta di Gasperini. L’Atalanta del 5-0, dell’esclusione dalla Champions l’anno di Gattuso. Tutto è cominciato lì, sta a noi chiudere il cerchio domenica a San Siro.

VERONA: Montipò; Gunter, Ceccherini (dal 79? Sutalo), Casale (dal 66? Hongla); Faraoni (dal 66? Depaoli), Tameze, Ilic, Lazovic; Barak, Caprari; Simeone (dal 72? Lasagna). All. Igor Tudor.

MILAN: Maignan; Calabria (dall’84’ Florenzi), Kalulu, Tomori, Theo Hernandez; Tonali, Kessie; Saelemaekers (dal 62? Messias), Krunic (dal 68? Bennacer), Leao (dall’84’ Ibrahimovic); Giroud (dal 62? Rebic). All. Stefano Pioli.

ARBITRO: Daniele Doveri di Roma 1.

GOL: 38? Faraoni (V), 45’+3? e 50? Tonali (M), 86? Florenzi (M).

AMMONITI: Faraoni (V), Leao (M), Ilic (V).

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.