1256192-27115375-2560-1440Potremmo dire “ci risiamo” ma ormai ai mondiali è abitudine. Un Brasile forse un po’ opaco, sicuramente aiutato e non può essere così quando si vede una gara decisa da un rigore di sana pianta battuto da un giocatore che doveva essere espulso batte una Croazia spuntata che è riuscita a passare in vantaggio su un’autorete di Marcelo e ad andare anche vicino al raddoppio. Il pari arriva sempre nel primo tempo – tiro di Neymar e Pletikosa rivedibile, poi è un rigore negato alla Croazia prima e quello inesistente concesso al Brasile poi a fare la differenza fino al gol di Oscar. Il Brasile, insomma, è stato rimesso prontamente in carreggiata in una partita che, tutto sommato, si può anche definire deludente – non vorrei che questa fosse una prima avvisaglia di un mondiale tipo Corea 2002 in cui la squadra di casa è stata platealmente spinta fino alla semifinale: mi limito a pensare che sia l’ennesimo atto di protagonismo di un arbitro incapace. Chi vivrà, vedrà.

Per il resto si è vista in campo una bella Croazia, spuntata dalla squalifica di Manzdukic ma in cui dietro Vrsalijko non l’ha mai fatta vedere a Daniel Alves, David Luiz dimostra di non valere le enormi cifre che PSG e Chelsea han speso per lui e persino Thiago Silva (che ritengo svalutato di una ventina di milioni dal momento della nostra cessione al PSG) si concede qualche svarione di troppo. La Croazia difende bene, tanto che i brasiliani non entrano quasi mai nell’area avversaria – puntualmente, la prima volta che l’hanno fatto, è arrivato il penalty decisivo.

Resta una partita che ci dice come al Brasile, secondo me, manchi ancora qualcosa per arrivare ai livelli delle altre. La Croazia di oggi è una buona squadra, specie se non deve fare la partita, ma mostra evidenti limiti in porta – da rivedere quando sarà al completo, con il rientro del suo bomber: credo, comunque, che saranno queste formazioni a passare il girone. Due considerazioni in chiusura. Prima: Neymar ha la stessa età di El Sharaawy ma un 92 viene giustamente considerato un giocatore fatto e finito, da noi è ancora un giovane che deve crescere. Seconda: Oscar è un giocatore che ti cambia la partita e, anche oggi, si è visto il suo ingresso decisivo nel secondo tempo. Domani si comincia ad entrare nel vivo, da non perdere Spagna ed Olanda per capire, soprattutto, come sono messe rispetto a questo Brasile.

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

One Comment

  1. E’ la prima partita, quindi aspetterò le successive per farmi un’idea migliore, ma se questo è il Brasile e Neymar il punto forte, dovranno fare dei carpiati umanamente impossibili per farlo proseguire nel torneo. Riassumeranno in via eccezionale Byron Moreno.
    Giusta l’osservazione sui classe 92 (e successive).

Comments are closed.