sp8kalDove non arrivano le gambe arriva la fortuna: dopo la partita del Camp Nou le incognite erano la tenuta fisica e la durata dopo due partite così ravvicinate, il calendario ci è venuto incontro assegnandoci una delle partite più facili che potevamo affrontare. Nonostante questo partiamo male e troviamo il vantaggio solo grazie all’ennesima genialata di Aronica che ben pensa di trattenere Balotelli per la maglia – bravo Balo a far vedere il contatto al direttore di gara e a procurarsi un rigore che definire solare è poco. Da lì in poi poco o nulla – nel senso che prima arriviamo scarsamente a rete mancando l’ultimo passaggio poi, tra fine primo tempo ed inizio secondo le energie calano ed è addirittura il Palermo a fare la partita.

La chiave di tutto arriva sul secondo gol ed arriva ancora con Balotelli – più fortunato che bravo ma comunque presente dove doveva essere nel momento in cui doveva esserci cosa che visto l’attacco del Milan di quest’anno è tutt’altro che scontata: dopo il 2-0 il Palermo non ci crede più e usciamo finalmente aspettando il 90′ riuscendo a creare ancora tre-quattro palle gol e portando a casa tre punti tutt’altro che scontati visti i trascorsi degli scorsi anni dopo un’eliminazione dalla Champions, tre punti che viste le vittorie di Napoli e Fiorentina – rivali più accreditate per il secondo posto – erano d’obbligo.

La gestione della partita lascia invece, come sempre, alquanto a desiderare: se il Palermo avesse pareggiato non avrebbe rubato nulla. Bene Zapata, male Bonera che solo una persona poco sana di mente come il nostro allenatore può preferire a Yepes in un eventuale tentativo di turnover. A dire la verità della partita di oggi si salvano veramente in pochi: Balotelli, Montolivo, Flamini, Abate e Zapata: male De Sciglio che non ha la scusante di Barcellona e, soprattutto, male El Sharaawy le cui partite sufficienti da dicembre 2012 si contano sulle dita di una mano monca e che si permette anche di entrare stizzito negli spogliatoi quando viene cambiato; già dissi a suo tempo che il ragazzo aveva bisogno di un bel bagno di umiltà, oggi lo confermo ancora una volta.

Il problema è rimasto comunque davanti dove Boateng ha buttato via troppi palloni, Muntari è stato inguardabile mentre Balotelli è stato costretto a fare reparto da solo per oltre 60 minuti di partita: Nocerino è stato probabilmente già ceduto altrimenti non si spiegherebbe il suo mancato impiego, specie dopo non aver giocato nella gara di martedì. Centrocampo dove come già detto si salvano solo un Flamini sempre più in crescita dimostrando di essere stato un giocatore di livello superiore al resto del gruppo e un Montolivo sempre più sontuoso che, anche oggi, non ha perso un pallone ma che ha dovuto troppe volte ripiegare in compiti difensivi vista la pochezza di Bonera.

Prendiamo e portiamo a casa questi tre punti in attesa di tempi migliori che arriveranno con l’assenza di impegni infrasettimanali. Tra noi e il momento della verità, ovvero gli scontri consecutivi con Fiorentina, Napoli e Juventus – leggasi le migliori squadre del campionato con il Milan – rimane la trasferta di Verona contro il Chievo. Partite in cui possiamo arrivare soddisfatti dato che vincere 2-0 giocando così dà comunque l’idea della forza di questa squadra che può continuare ad ambire legittimamente al quel posto in classifica che rispecchia il suo valore – quello occupato attualmente dal Napoli, prossimo avversario a San Siro.

MILAN-PALERMO 2-0 (primo tempo 1-0)
MARCATORI: Balotelli su rigore all’8’ e al 21’ s.t.
MILAN (4-3-3): Abbiati; Abate, Bonera, Zapata, De Sciglio; Flamini, Montolivo, Muntari; Boateng (dal 37’ s.t. Traore), Balotelli, El Shaarawy (dal 13’ s.t. Niang) (Amelia, Mexes, Antonini, Yepes, Salamon, Zaccardo, Ambrosini, Nocerino, Bojan, Robinho). All.: Allegri
PALERMO (3-5-2): Sorrentino; Munoz, Von Bergen, Aronica; Morganella, Rios, Donati (dal 37’ s.t. Viola), Kurtic (dal 26’ s.t. Fabbrini), Garcia (dal 1’ s.t. Nelson); Ilicic; Dybala (Benussi, Brichetto, Anselmo, Faurlin, Sanseverino, Formica, Sperduti, Boselli, Malele). All.: Sannino
ARBITRO: Peruzzo. Ass: Viazzi,Liberto. IV: Altomare. Add: Calvarese, Fabbri.
NOTE: Spettatori 41.584 per un incasso di 1.098.848,39 euro. Ammoniti Zapata e Aronica per c.n.r.; angoli 6-6; recuperi 1’ p.t., 3’ s.t.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.