0MJKFLCP--630x365Ci sono modi e modi di uscire dalla Champions League – sicuramente abbiamo scelto il peggiore. Non me ne importa niente se era il Barcellona, il Real o il Napoli di Maradona: mai nessuno era riuscito a ribaltare un 2-0 in Champions League quindi si entra nella storia e si entra, ancora, in negativo. Non è ammissibile tanto il risultato quanto l’approccio alla partita: identico a quello vissuto a Londra l’anno scorso – la squadra in campo ci è entrata solo quando era troppo tardi. Non è ammissibile, in fondo, non riuscire a fare gol ad una squadra che ne ha preso spesso almeno uno e uscire dal Camp Nou peggio di come abbiano fatto Celtic, Spartak Mosca e Benfica.

Il Barcellona ha dimostrato che la lezione dell’andata – perché noi questa squadra comunque l’abbiamo battuta – gli è servita. Oggi non è stato il Barcellona di tre settimane fa anche e soprattutto per aver saputo aggiungere il tiro da fuori – ed è proprio su due tiri da fuori, o comunque da lontano, che arrivano tre dei quattro gol (l’ultimo è un contropiede). Purtroppo non li abbiamo uccisi, anzi li abbiamo fortificati e sappiamo del paradiso arbitrale di cui godono al Camp Nou materializzatosi stasera in un fuorigioco di Messi sul secondo gol e in un rigore negato al Milan per mani di Pique, subito dopo il palo di Niang.

C’è stata sicuramente un po’ di sfortuna, vedi il palo di Niang che avrebbe sicuramente potuto cambiare la partita ma c’è stata molta responsabilità della squadra. Non si può andare al Camp Nou facendo i passaggi in orizzontale nei primi 30 metri di campo – la palla va tirata via e va tirata lunga specie in questo campo: abbiamo regalato troppe occasioni senza nemmeno dovergli fare la fatica di doverli far ripartire. Non si possono sprecare i calci piazzati, battendo un angolo a due tocchi e crossando facile per il portiere o non provando a crossare in mezzo una punizione dalla trequarti specie contro questa squadra e specie se devi segnare un gol: su cinque calci piazzati tre sono stati sprecati malamente.

Insomma guai ad essere fatalisti e guai a dire che erano troppo forti – cosa che sarà la scusa per i prossimi giorni – un risultato di tale dimensione non si può giustificare unicamente con una buona prestazione del Barcellona ma anche e soprattutto con una pessima prestazione dei nostri sia dal punto di vista psicologico che tattico: guai a lasciarla passare come se fosse una cosa normale altrimenti al prossimo scontro contro una big si farà la stessa fine. Si è arrivati a giocare il ritorno del Barcellona sia con la testa di chi è già qualificato, sia giocando come se al posto del Barcellona ci fosse il Napoli o la Fiorentina e questo non va assolutamente bene: non può essere Allegri l’allenatore di un progetto vincente nel futuro, ma questo lo avevamo già detto all’inizio dell’estate.

Il Barcellona ha comunque dato una risposta a tutti coloro che lo davano in crisi realizzando qualcosa di storico e confermando come questa squadra sia ancora la squadra da battere. Ciò mi lascia tranquillo sia per il proseguo della coppa (specie per quell’altra italiana che finora sta giocando l’Europa League) sia per ripartire dal risultato di San Siro e ricordarci che comunque questi li abbiamo battuti: stasera poteva finire un ciclo – non solo non è finito ma ne sono pure usciti più forti e difficilmente sbaglieranno un’altra partita da qua alla finale.

BARCELLONA – MILAN 4-0
Barcellona (4-3-3): Victor Valdes; Dani Alves, Piqué, Mascherano (33′ st Puyol), Jordi Alba; Busquets, Xavi, Iniesta; Pedro (39′ st Adriano), Messi, Villa (29′ st Sanchez). A disp.: Pinto, Song, Fabregas, Tello. All.: Roura.
Milan (4-3-3): Abbiati; Abate, Zapata, Mexes, Constant; Flamini (29′ st Flamini), Ambrosini (15′ st Muntari), Montolivo; Boateng, Niang (15′ st Robinho), El Shaarawy. A disp.: Amelia, Bonera, De Sciglio, Nocerino. All.: Allegri.
Arbitro: Kassai (Ung)
Marcatori: 5′ Messi, 40′ Messi, 9′ st Villa, 47′ st Jordi Alba
Ammoniti: Pedro (B), Boateng, Flamini, Mexes (M)

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

33 Comments


  1. Giusto per ricordare

  2. ho pensato alla partita dell’ Inter del 2010. Allegri è una pippa. Un allenatore serio li avrebbe fatti scendere in campo con il coltello fra i denti e probabilmente li avrebbe fatti ammonire tutti. Tralasciando la sveglia e i cambi tardivi. Sotto di 3 goal dovevamo cambiare atteggiamento immediatamente

  3. condivido in pieno.. anche se però penso…al posto di allegri chi prendereste?

      1. Mazzari il cazzo. oltre ad essere scarso è pure scemo.

  4. non è sfortuna il palo cazzo, li si deve segnare senza cazzi e se non segni sei un coglione. stop. niang sei un coglione. avrai pure 18 anni ma resti un coglione.

    pagelle di merda.
    abbiati 7 non fa cagate e fa anche due grandi parate

    abate 6.5 uno dei pochi meritevole della sufficienza piena
    zapata 6 –
    mexes 5.5
    constant 5 all’inizio sembrava un misto tra maldini e roberto carlos alla distanza sembrava un misto tra antonini e acerbi

    ambrosini 4 ROTTAMATELO!
    montolivo 6 decente
    flamini 5 in versione merda

    boateng 3 in versione stramerda da oggi ritorni boamerd a tutti gli effetti…
    el shaarawy 5 ti voglio cmq bene! <3
    niang 2 coglione

    muntari 5 vedi flamini
    bojan 6 stava in giornata si
    robinho 4 se vuoi andare in brasile porcaeva vai!!!!!! quella punizione battuta alla cazzo è l'emblema delle tue due ultime stagioni di merda!!!!!

    allegri 4 in alcuni frangenti nel primo tempo si è preso il contropiede, cioè al camp nou contro il barcelona prendiamo contropiede!! porcaputtana!! cosi come all'andata preparò bene cosi questa volta ha preparato il tutto una merda.

  5. Non è che vi passa per il cervelletto, che potrebbero essere più forti loro?

    1. Ciò non giustifica 4 gol di scarto. Non giustifica aver fatto peggio di tutte le squadre che sono andate a giocare al Camp Nou in questa stagione. Non giustifica buttare via 3 calci piazzati negli ultimi 10′ battendoli corti.

      1. Io non ho visto le altre squadre e nemmeno mi interessano. Ho visto la partita e non ho proprio niente da dire ai giocatori e all’allenatore. Hanno fatto quello che hanno potuto. Il barcellona è più forte e basta!
        Guardare e rimpiangere gli episodi non serve a niente, ci sono in tutte le partite e sempre ci saranno! La perfezione non è di questo mondo!

    2. Si che sono + forti loro, ma gli abbiamo anche facilitato le cose più del dovuto…

      1. Tu dici? Invece io penso che ci abbia fatto sognare il risultato dell’andata: il vero barcellona e questo ed il vero Milan, pure!

        1. Quindi peggio di molti che han giocato al Camp Nou? Chi accetta un 4-0 come se non si potesse fare altro non è un vero tifoso.

        2. Non è il risultato, è quello che si è visto sul campo!

  6. Anche nel 2010 il Barvcellona era più forte dell’ Inter…giocarono pure gran parte di partita in superiorità numerica eppure…

    1. Ma questo Milan è molto, molto, molto diverso da quell’inter. Il paragone non regge! E poi ha vinto la coppa, quindi non credo fosse più forte il barcellona. Perlomeno non come credi tu!

      1. Proprio per questo non poteva il Milan permettersi di fare i passaggini in difesa con quelli che pressavano alti in quella maniera. Avessimo piedi decenti dietro…

        1. Certo, potevano buttarla in avanti alle punte …….. pique, mascherano ……

        2. Provavano a costruire, a fare una manovra come all’andata. Ma oggi erano in palla loro!

        3. Bhe se guardi l’unica vera occasione da gol è arrivata da una spazzata alla viva il parroco, poi peccato per i palo. La serata la si era vista fin da subito che non era delle migliori anche dal lato fortuna. Non c’è stato un rimpallo a favore nostro.

        4. Si è vero, ma non puoi fare tutta la partita così!
          Oggi gli è andato tutto bene e, secondo me, l’unica cosa da rimpiangere, sono le occasioni limpide avute all’andata e non sfruttate!

        5. I tre gol arrivano su intercetti di passaggi orizzontali. Sia Mourinho che Di Matteo la facevano spazzare via. La prendono loro? Pazienza. Sono di nuovo nella loro metà campo e hai tempo di riorganizzare la difesa. Ieri gli abbiamo facilitato le cose.

        6. I tre gol sono arrivati. Ma tu li hai visti giocare oppure hai visto solo gli ailaits?

  7. Brusco risveglio da un sogno impossibile
    All’ippodromo di Barcellona è andata in onda una sfida impossibile. Sembrava che Ribot fosse stato sfidato dal ronzino del contadino che gestiva la tenuta del Caravaggio. Il Milan come un ronzino bolso a confronto del purosangue Barcellona. Non c’entrano le sacche del dottor Fuentes anche se il purosangue correva oltre i limiti di tempo che aveva fatto ultimamente. Certamente era una squadra molto diversa da quella che si era esibita all’ippodromo di San Siro. Forse la biada spagnola non era arrivata a Milano? Oppure il ronzino del Caravaggio era talmente appesantito e forse anche zoppo(grazie Portanova)che proprio non si poteva confrontare con quello catalano? Comunque non mi ero illuso all’andata e non mi devo demoralizzare ora. La squadra con un pizzico di fortuna poteva anche passare il turno. M’Baye Niang ha colpito un palo clamoroso e sulla ripartenza del Barça Messi ha segnato il secondo gol partendo da una posizione di netto offside. Ma la sconfitta è netta e meritata. Oltre agli episodi sfortunati rimangono i soliti errori individuali che ancora una volta il Milan paga grazie alla broccaggine della coppia centrale difensiva ed alla scarsa abitudine a difendere di Constant. Ul terzo gol il rilancio centrale di Zapata è un errore più stupido che ingenuo. Con il Barça che rubava tutte le palle in mezzo al campo era demenziale continuare a puntare sui centrocampisti centrali che, questa sera, non erano mai scesi in campo. Colpa di Allegri? Forse! Ma penso che Ambrosini abbia giocato la sua ultima partita nel Milan e Riccardo Montolivo abbia pagato durissimamente l’emozione di aver giocato al Camp Nou.

  8. non faremo barricate: mavaacagare Allegri!

  9. Non ho molto da recriminare. Loro sono in declino, ma il declino nel calcio dura qualche mese per non dire qualche anno (vedi il Milan di Ancelotti).
    Quindi certe partite fatte bene bene bene le sanno ancora fare, soprattutto in casa.

    E se loro giocano bene, noi andiamo a casa.

    Il mio rammarico è non essere riusciti a tirare di più, mai una volta che abbiamo avuto la possibilità di una conclusione da 25 metri, che non sarà tanto, ma col portiere che si ritrovano magari ci entrava. E le palle inattive del finale cazzo, non puoi sprecare le palle inattive nel finale, il loro tallone da killer (cit.).

    Perdonaci Presidente.

  10. In tutto questo scommetto qualunque cosa che un bel giorno tra una quindicina d’anni verrà fuori che il Barcellona giocava con l’aiutino come Armstrong e che erano coperti come Armstrong e tutto come Armstrong. Non si può correre così. Bravi son bravi, però..

    Spero vadano fuori contro chiunque incontreranno. Barcellona-Juve io tifo Juve.

  11. Comunque niente drammi: contro il Barcellona di ieri passa il Real Madrid, forse il Bayern Monaco e resta da vedere la Juve come se la giocherebbe.

    Le altre escono, per cui non rompete i coglioni con la rosa, Berlusconi, blabla blabla.

    Questa squadra ha un futuro.

    Grazie Presidente.

  12. Per dire: contro il Barça meglio quest’anno che l’anno scorso con Ibra e Van Bommerd e compagnia.

    Avanti così.
    Magari col mio sogno: Pioli in panca.

  13. Se a questa squadra aggiungi quella che ha già (senza gridare il solito Berlusconi compra da tifosotto di infima categoria) e cioè BALOTELLI forse forse passava già ieri.

    Sicuramente si teneva su più palloni di quelli tenuti da Niang. Avevi qualcuno che calciasse da 30 metri, che facesse a botte, forte di testa e non ci sarebbe stato bisogno di battere quei calci d’angolo corti e quella punizione di merda di quell’idiota di Robinho.

    Se poi sei bravo a trovare un centrale nervoso di fisico come Walter Samuel capace di intimidire fisicamente Messi, allora sciambola.

    Manca poco per passare contro questi, non crediate ai Venditori di Tragedie. Merde.

  14. con il risultato dell’andata di quest’anno e il risultato del ritorno dell’anno scorso si passava… l’anno prossimo sarà la volta buona!

  15. Premesso che non voglio fare polemica contro Allegridimerda almeno per questa partita, faccio una critica di concetto sapendo che non sarebbe cambiato nulla: Mattia De Sciglio DEVE giuocare queste partite.

    Perché Maurizio Constant può diventare un buon terzino da campionato, ma è Mattia che se tutto va bene diventerà uno dei primissimi terzini a livello mondiale. E siccome ha 20 anni e non 12 è il caso di lanciarlo, che tanto è di pasta buona, al massimo gioca male ma non si brucia.

    Che se poi non si arriva terzi finisce che Mattia tornerà a giocare la Champions a 22/23 anni quando la gente brava a 22/23 anni la Champions l’ha già giocata e magari pure vinta da titolare.

    Perciò, senza paura, DE SCIGLIO TITOLARE PORCATROIA.

  16. la verità è che il primo tempo non abbiamo giocato e un atteggiamento così remissivo non ha senso

    Niang prima punta e Boateng sulla fascia a destra è stato un esperimento che è fallito anche se il francese ha preso il palo

    per fortuna che poi Allegri ha invertito le posizioni nel corso della partita tra i due calciatori ma le assenze di Pazzini e Balo sono pesate eccome sul risultato

    dispiace che non abbia giocato De Sciglio al posto di Costant , più difensore del francese

    ripeto è tutta la squadra che ha sbagliato atteggiamento fin dall’inizio

    adesso speriamo che domenica con il Palermo Allegri faccia un bel turn over , alcuni visti ieri sera camminavano

Comments are closed.