1477161-niangUn Milan ampiamente rimaneggiato si fa beffe della Reggina, sconfitta per 3-0 con ben poco impegno e anche grandi parate da parte del portiere dei calabresi, Facchin. Niente di che, ovviamente: non si è fatta, particolarmente nel secondo tempo (mentre nel primo si è andati in alcuni casi in affanno), una grandissima fatica, evitando di prendere troppo freddo sotto la neve che scendeva copiosa su Milano. I tre gol sono arrivati con un colpo di testa del grande Yepes su cross di Emanuelsson, con una discesa di Niang e con un tiro dal mezzo dell’area di un Pazzini lasciato completamente solo dalla difesa calabrese. Amaranto che non sono stati, nonostante un ottimo primo tempo, mai concretamente pericolosi, con Abbiati (pare ormai retrocesso al ruolo di secondo di Amelia) spettatore non pagante.

Oltre ai ritorni in campo di Rodney Strasser e del nostro eroe Sulley Muntari dopo lunghi infortuni, è nota assolutamente positiva l’esordio vero e proprio (a parte pochissimi spezzoni in campionato) di M’Baye Niang. Ottima prestazione, condita da un gol e da una grande occasione neutralizzata da Facchin, da parte del giocatore francese, che compierà 18 anni il 19 dicembre. Tanta energia, soprattutto: ora va imbrigliata, gli va messo un paraocchi come ai cavalli più irrequieti. Appurato che non fosse Traorè a giocare, bisognerebbe dargli un’occasione, magari già nei prossimi weekend: l’importante è evitare di cederlo a titolo definitivo, mentre i prestiti, con una dirigenza come la nostra (tanti giocatori buttati e ceduti in interminabili spirali di prestiti), sono sempre un pericolo a Milanello.

Peccato che il nostro geniale e lungimirante condottiero, invece che tentarne l’impiego dal primo minuto, abbia regalato un tempo agli avversari, schierando, insieme a un Pazzini che almeno è riuscito a buttarla in porta (gol in fuorigioco, e a vederlo avevo paura la buttasse fuori), un impalpabile Robinho, mai pericoloso e troppo tardi mandato sotto la doccia. Altre prestazioni negative quelle di un Flamini che, per l’ennesima volta, ha sprecato l’occasione di dimostrare il proprio millantato valore (tanto millantato da valergli anche un signor ingaggio), e di Antonini, la cui congenita incapacità di crossare ha fatto rimpiangere persino Constant. Pensare che nemmeno troppo tempo fa su quelle fasce c’era gente come Cafu e Serginho…

Passiamo il turno, ci dovrebbe essere anche un piccolo premio (niente di che, sicuramente meno del milione di euro andato in fumo con la solita inutile sconfitta con lo Zenit). Ciò che però è più importante di tutto il resto, è che a gennaio, nei quarti di finale, ritroveremo, per il secondo anno di fila in Coppa Italia, la Juventus. Con la possibilità, ancora una volta, di batterli – stavolta davvero, non solo “in parte” come l’anno scorso.

MILAN – REGGINA 3-0 (primo tempo 0-0)
Milan (4-3-3): Abbiati; Abate, Zapata, Yepes (40′ st Acerbi), Antonini; Flamini, Strasser (32′ st Muntari), Emanuelson; Robinho (11′ st Niang), Pazzini, Bojan. A disp.: Coppola, Gabriel, De Sciglio, Nocerino, El Shaarawy. All.: Allegri.
Reggina (3-5-2): Facchin; Freddi, Ely, Bergamelli (38′ st Di Bari); D’Alessandro, Rizzo, Castiglia, Bombagi, Rizzato; Fischnaller (29′ st Hetemaj), Campagnacci (20′ st Barillà). A disp.: Baiocco, Da Silva, Louzada, Viola. All.: Dionigi.
Arbitro: Calvarese
Marcatori: 5′ st Yepes, 34′ st Niang, 36′ st Pazzini
Ammoniti: Bombagi, Freddi (R), Strasser (M)

Posted by bari2020

Vice-direttore del blog. Responsabile dei Post-partita del Milan e della Nazionale e della rubrica di approfondimento sulla Champions League: attivo sul blog da Gennaio 2010.

11 Comments

  1. Turno agevole superato senza difficoltà in Tim Cup

    :-DEra interessante vedere all’opera alcuni giovani provenienti dal settore giovanile del Milan.
    Rodrigo Ely sta imparando ad essere un pizzico più concreto ed a fare qualche ostruzione.
    Nelle giovanili del Milan i ragazzi giocano per divertirsi. Mentre nella serie cadetta una squadra di tradizione, come la Reggina, gioca per ritornare nella massima serie.
    L’under azzurro ha ben figurato controllando bene un discreto Pazzini.
    Non ha colpe sul gol preso dalla Reggina perché l’italo-brasiliano è stato preso in mezzo tra Yepes e Pazzini e nulla ha potuto nel contrasto aereo.
    Sorprendentemente un ragazzo del vivaio, di qualche anno fa’, è stato il migliore in campo. Parliamo di Facchin un portiere attento e reattivo che ha salvato la sua porta da tre possibili marcature milaniste. Veramente bravo questo portierino.
    Poi finalmente la nota più lieta della serata: M’Baye Niang! Il ragazzo ha entusiasmato lo scarso pubblico presente sugli spalti.
    Alla fine il freddo preso è stato ricompensato perchè, oltre al passaggio del turno nella Tim Cup, il francesino è stato una bella e graditissima rivelazione!

  2. bah sta coppa italia resta una competizione di merda, cmq quel babbeo di allegri poteva mettere dall’inizio niang al posto di uno scoglionato robinho, bojan e emanuelson troppo leziosi, abate e antonini scarsi bene zapata con yepes.

    pazzini segna il settimo gol stagionale cosi schifo non sta facendo!

    p.s la difesa di ieri secondo molti tifosotti doveva essere quella tiitolare ad inizio stagione!!!

    il Munta non parte più *___*

    1. bisogna evidenziare che Zapata con a fianco Yepes gioca meglio ,

      cmq sembra che abbiamo già preso un difensore centrale , in odore di taglio è Acerbi

  3. lo dicevano a Milanello che Niang è un bel prospetto

    non si capisce perchè l’incompetente di Livorno non gli concede gli stessi minuti che concedeva l’anno scorso al Faraone invece di perdere tempo con i due svogliati brasiliani

    abbiamo finalmente una prima punta che lotta con un fisico da paura , se non si monta la testa ricordiamoci che è ancora minorenne questo con il Faraone potrebbe far coppia fissa per diversi anni

    e adesso speriamo di vedere all’opera anche Gabriel di cui ne parlano sempre un gran bene

    Ottima la prova del giovane Ely un altro della cantera rossonera che merita di ritornare a Milanello e positiva quella di Strasser un giovane che vista l’assenza di De Jong potrebbe anche trovar spazio

    adesso avanti con un paio di acquisti e cessioni di chi non vuol più stare a Milanello

    in fondo questa rosa non è così scarsa come alcuni Allegriani hanno sempre sostenuto a torto

  4. io un robinho svogliato l’ho visto solo ieri, ogni partita spalate merda su di lui ma a napoli ha fatto l’assist decisivo, con la juve il gol decisivo e con il toro un gran gol, quindi se ci siam ripresi gran merito è anche il suo… in mancanza di altro lui è il miglior attaccante che può affiancare el shaarawy …ovviamente ieri non l’avrei fatto giocare.

    che poi se ne voglia andare vada pure ma fin quando è qui al milan per noi, ora come ora, è fondamentale!

  5. Mai più Nini e Abate.

    Vaffanculo neve vaffanculo Pisciapia.

  6. Niang ha giocato 40 minuti.

    Niang ha fatto gol ed era felice.

    Secondo te Niang reputa Allegri un incompetente?

    Io non capisco.

    Veniamo però a noi… Ho avuto un colloquio (per la prima volta nella mia vita) con un insider, ma cerco conferme da te… Visto che bazzichi Milanello e dintorni.

    Allora…

    PORTIERI
    Arriva Perin e lasciamo andare Abbiati a giugno. Resta da capire se Perin accetta di fare il secondo ad Amelia per un anno.

    DIFESA
    Zapata rimane. Acerbi a giugno non viene confermato, perchè viene sostituito con Ogbonna (già nostra). Forse a gennaio arriva un centrale fuori rosa (Lucio?) per aggiungere giocatori nel reparto).

    CENTROCAMPO
    Stanno facendo di tutto per chiudere De Rossi già a gennaio (prestito con diritto di riscatto). In ogni caso a gennaio non dovrebbe saltare nessuno, Traorè a parte.

    ATTACCO
    Parte Robinho e Niang (nonostante le dichiarazioni di facciata) va in prestito 6 mesi al Genoa. Arrivano Matri e Drogba.
    Pato rescinde consensualmente a giugno e va in Brasile.

    Cosa c’è di vero?

    1. Fosse vera solo la metà di quelle cose saremmo “a posto così”

  7. Il commento sopra è per Boldini.

  8. Il giorno che vedrò De Rossi in una squadra che non sia la Roma mi taglio un coglione.
    Il giorno che vedrò De Rossi in una squadra che non sia la Roma e non sia nemmeno straniera mi taglierò pure l’altro.

    Drogba + Matri mi sembra impossibile soprattutto se non parte Pazzini. Che facciamo? Tre prime punte? (Pato escluso)

    Lucio *__*

  9. minchia! mi accontenterei che siano vere le notizie su perin e angelone ogbonna!!!

    su Lucio sarei contento ma non può giocare in champions 🙁

Comments are closed.