Il gol-vittoria è siglato da Emanuelson

Ci sono di quelle partite emozionanti, che ti lasciano con il fiato sospeso, con gli occhi incollati allo schermo ed al pallone per seguire ogni azione, ogni giocata spettacolare. Ci sono partite a metà strada, con momenti più noiosi e momenti più esaltanti, che comunque ti tengono attirato, nell’attesa di un nuovo picco di euforia. E poi ci sono quelle partite assolutamente noiose, nelle quali nessuna delle due squadre ha da chiedere niente, che si trascinano stancamente a centrocampo, in attesa che l’arbitro fischi la fine, per permettere ai giocatori una doccia ristoratrice. E’ indubbio che l’amichevole tra Schalke 04 e Milan appartenga a quest’ultima categoria, tanto da farmi pensare di usare le repliche a rotazione che stanno passando stasera su Premium per un buon sonno. Alla fine è arrivata la vittoria, nell’unica occasione in cui il portiere è stato davvero impegnato.

I primi minuti hanno visto prevalere il Milan, con due belle occasioni con Boateng ed El Shaarawy, tutte sprecate a un passo dal tiro. Poi lo Schalke è uscito alla distanza: dalla mezz’ora alla fine del primo tempo, la compagine di Gelsenkirchen ha dominato, tenendo il pallone sulla tre quarti. Ma, c’è da dirlo, Pukki e Draxler sono diverse spanne sotto Raul e Huntelaar. In difesa non ha certo giovato la prestazione di Bonera, impalpabile e avvezzo a lasciare praterie agli avversari: ben più performante come compagno di reparto per Acerbi, nel secondo tempo, è stato Yepes. Ma di certo ci serve un buon centrale, che sia Yanga-Mbiwa o chiunque altro di buono (sperando che non sia una delle solite croste provenienti dalla Francia). Non si può cominciare una stagione confidando su un 36enne o su Mexes.

A proposito di Mexes, oggi sono tornati a Milanello i reduci dell’Europeo. Anche i reduci dell’Europeo dello Schalke erano assenti: loro, invece, mentalmente, trascinandosi nel campo senza riuscire a toccare pallone. E’ il caso di Papadopoulos, lasciato sul posto dalla triangolazione di Emanuelson e Robinho (due giocatori il cui apporto, solitamente, manda il pallone in curva se non in rimessa laterale), ed è il caso di Huntelaar, entrato nell’ultima mezz’ora per far presenza, pallida brutta copia del giocatore che ha segnato trenta gol nell’ultima Bundesliga, tanto da farci rimpiangere la sua cessione, in questi tempi di magra offensiva. 

Non che le bocche di fuoco rossonere abbiano fatto meglio: si è andati da El Shaarawy scomparso dal campo dopo i primi dieci minuti, a un Boateng invisibile, a Ganz impreciso e sopraffatto da un clima (tutto esaurito, impensabile persino per partite di ben maggiore lignaggio, qui in Italia) da Champions League, allo stesso Robinho: se si esclude l’azione del gol, ha sprecato diversi contropiedi, cercando invece che un facile passaggio il tiro da lontano (su quattro tiri, tre in curva e uno sulla testa di Howedes) o un dribbling di troppo. Il calcio, invece, ci dovrebbe insegnare come, a differenza che in filologia, la lectio difficilior non sia mai da preferire: ma il brasiliano, a quanto pare, non è d’accordo.

SCHALKE 04-MILAN 0-1 (PRIMO TEMPO 0-0)
Marcatore: 64′ Emanuelson
SCHALKE 04 (4-2-4): Hildebrand (Fahrmann); Uchida, Matip, Metzelder, Escudero (Kolasinac); Holtby (Baumjohann), Neustädter (Barnetta); Farfan, Jurado (Fuchs), Pukki, Draxler (Huntelaar).
MILAN (4-3-1-2): Amelia; De Sciglio (Taiwo), Bonera (Yepes), Acerbi, Mesbah (Antonini); Flamini (Traoré), Ambrosini (Valoti), Emanuelson; Boateng (Filkor); Robinho (Ganz), El Shaarawy.
Ammoniti: Antonini (M), Yepes (M), Baumjohann (S).

Posted by bari2020

Vice-direttore del blog. Responsabile dei Post-partita del Milan e della Nazionale e della rubrica di approfondimento sulla Champions League: attivo sul blog da Gennaio 2010.

14 Comments

  1. Diavolo1990

    Ho paura che dopo questo gol insisterà con Emanuelson trequartista.
    Allegri non aveva peraltro mai vinto fuori casa in Europa col Milan in due anni. E’ andato a giocarsi il bonus in una amichevole.

    1. emanuelson ieri non ha giocato mezzapunta… e con l’arrivo di kakà, la mezzapunta sarà lui…

  2. Auxerre-Milan 0-2 (Ibrahimovic, Ronaldinho)

  3. Andrea Colonna 25 Luglio 2012 at 06:10

    Due settimane di preparazione (che sappiamo con Allegri vuol dire fare tanto di quel fondo da entrare a condizione a metà ottobre), formazione nuovissima, ancora svariati primavera, centrocampo dove nessuno del terzetto può fare il regista. Con queste premesse la partita spumeggiante non poteva esserci. Chi vuole le belle partite si guardi le amichevoli del Barcellona o non so, Udinese o Roma contro Rappresentativa Val Camonica. Io ho visto un Milan operaio soffrire ma portare a casa la pelle, una bella azione da goal (che come scritto anche su Twitter ieri e ribadito da Diavolino qui, ci terrà Urby sulla trequarti…) e i nuovi, soprattutto Acerbi,crescere di forma e confidenza. Attendendo Montolivo che è quello che più mi interessa vedere mi godo De Sciglio, un “mio prodotto” visto che ne decanto le doti da anni e che gi l’anno scorso col “presunto” innesto in Prima Squadra lo volevo titolare al posto di Abate

  4. Allegri non aveva peraltro mai vinto fuori casa in Europa col Milan in due anni.

    Auxerre-Milan 0-2, Mercenariovic e Dinho. 😉
    Dinho *.*

    1. Diavolo1990

      Vero, allora lo scorso anno.

  5. visto le ottime prestazioni di de sciglio siamo sicuri che Abate sia meglio del giovane primavera ?

    che poi dicono che Abate interessa al PSG , che sia lui il prossimo sacrificato ?

    voi cosa ne pensate vale la pena vendere Abate per 7/8 mil ?

    1. Borgofosco

      Pe 7/8 milioni no ma vendere Abate per una quindicina di milioni non sarebbe idea così balzana.
      De Sciglio, in prospettiva, è migliore di un Ignazio Abate che fa cross decenti ogni ‘morte di papa’.
      Dico queste cose soprattutto perchè sono stanco di vedere il campano rimediare figuracce nei derby.
      Non siamo romani ma anche ai milanisti scoccia vedere i risolini degli interisti(avveniva già con Dida che però aveva l’attenuante d’aver subito un attentato all’ incolumità fisica)quando Ignazio viene schierato nei derby.
      De Sciglio forse non percorrerà la strada di Paolo Maldini ma ad oggi mi sembra il miglior prodotto del vivaio.

  6. Borgofosco

    Mi prendo altro spazio aggiungendo che non mi sono annoiato. Ho studiato attentamente i movimenti difensivi soprattutto di Francesco Acerbi. In qualcosina è migliorato. Traorè ha confermato di trovarsi meglio in posizione centrale. Se possa fare anche da ‘flangfrutto’ , contenendo le incursioni centrali degli avversari, è tutto da scoprire. Leggermente rinfrancato anche Robinho, forse perchè i tedeschi non premevano con cattiveria(continuo a pensare che il brasiliano non è adatto così come Cassano ai climi ‘infuocati’ con elevato agonismo). Kevin Prince Boateng invece sta prendendo possesso dl quel ruolo di leader che dovrà recitare. E’ ancora lontano, per certi versi immaturo, per sostenere quel ruolo. Ma non mi ha deluso e penso che sia sulla buona strada. Il gioco che Allegri fa attuare alla squadra non entusiasma quei tifosi abituati a vedere giocatori dalle doti tecniche eccelse. Ma questo passa il convento e bisogna fare di necessità virtù. Del resto se nella passata stagione(regalando la sic…svista Muntari) ha vinto una squadraccia come la Juventus… tutto è possibile. Il Milan può diventare meglio della Juventus se Antonio Cassano si decidesse ad assumere quel ruolo che i tifosi italiani vorrebbero assunto dal vero FantAntonio.

    1. condivido

      ma quale Cassano vedremo in questa stagione ?

      non è detto che vedremo il miglior Cassano purtroppo , se devo puntare direi Boateng Pato ed il faraone

  7. Diavolo1990

    Estratto il tabellone della Coppa Italia. Quarti di finale probabili:
    Inter-Napoli
    Udinese-Roma
    Lazio-Parma
    Juventus-Milan

  8. Mi sono rotto i coglioni di giocare in CI contro il Napoli!!!!

    Cazzo,vado a vedermi Juventus – Milan piuttosto!

    1. Diavolo1990

      Stavolta però giochereste a San Siro. Diciamo che con Juve-Milan e Lazio-Parma se come prevedibile ci mandano a casa hanno apparecchiato un’altra finale alla Juve.

      1. cazzo ma sempre la juve ci tocca

Comments are closed.