Tripletta di Ibrahimovic a Palermo

Quattro gol al Palermo e – come già accade troppo spesso in questo campionato quando il Milan non affronta una delle prime sette – partita chiusa dopo trenta minuti. Ne sono bastati ancora meno per capire l’andazzo della gara con i ragazzi di Allegri entrati prepotentemente in campo col piglio di chi doveva reagire ad una  forte ingiustizia subita, con Ignazio Abate che dopo 40” già scodellava palloni in area. I rosanero vengono quindi puniti alle prime ingenuità difensive, con Robinho che recupera la palla persa da Migliaccio e serve ad Ibra che insacca in rete. Da lì la gara è in discesa anche grazie al ritorno dello svedese (“se gliela riduciamo poi chi li sente a quelli là?”) e al gol di Thiago Silva.

La partita di oggi dimostra ancora una volta come quando questa squadra è in condizione fisica sia seconda solamente a Real Madrid e Barcellona e come, ancora una volta, Ibrahimovic sia un valore in più da sfruttare e non un peso (semmai il peso è quello col numero sette, ma questo è un altro discorso). E’ il caso – come sostenevo io dalla scorsa stagione – di considerare appunto la nostra coppia d’attacco principale quella con Robinho con cui il numero 11 si trova meglio data la complementarietà dei valori tecnici. Non che Ibra abbia giocato una grande partita dal punto di vista della corsa – molto spesso, soprattutto nella prima parte di partita, rallentando le azioni – ma ha i colpi da campione per permettersi di farlo. Ad Allegri va – come già dicevo dopo la gara della Lazio in coppa Italia – il merito di essere finalmente riuscito, forse tardivamente, a creare un sistema di gioco in cui tutti rendono e possono giocare versatilmente in più posizioni anche durante la stessa partita – e ne stiamo finalmente raccogliendo i frutti.

Per il resto a centrocampo si conferma la crescita di Emanuelson, uno dei pochi giocatori in grado di dare fluidità di gioco (scommessa vinta da Allegri) e – note dolenti – le ennesime prestazioni inguardabili di Antonini e Bonera. Se contro la Juventus la mancata copertura laterale del terzino – che spesso in fase difensiva tende ad accentrarsi – ci è costata il gol, oggi ci siamo limitati ad attaccare unicamente sulla fascia di Abate nel primo tempo e solamente quando Mesbah – non un fenomeno ma, a differenza del numero 77, almeno un giocatore – è entrato in campo si sono viste le prime incursioni a sinistra. Effetto finito quando dopo il 4-0 la partita si avvia verso l’ennesimo “garbage time della stagione che ci permette di partecipare al solito giochino “vediamo-se-entra-Pippo-Inzaghi“.

In prospettiva scudetto (dove dopo i tabù di Lecce, Genova e Udine ne sfatiamo un altro) ne usciamo sicuramente rafforzati considerato il fatto che di partite relativamente difficili rimangono solamente quelle di Roma e il derby contro i prescritti. Delle 12 gare rimanenti ne giocheremo comunque otto sul campo di San Siro, con Parma, Chievo, Siena e Catania (questa la più insidiosa) da affrontare fuori casa oltre al derby di Milano – con i risultati ottenuti nel girone di andata i punti finali sarebbero 83, più che sufficienti a portarsi a casa il tricolore. In prospettiva Champions League abbiamo affrontato una mini-prova nei 45 minuti finali di partita chiusa utili per la gara di martedì – perché in fondo, tra chi lotta lassù, abbiamo anche un’altra competizione da onorare, noi.

PALERMO-MILAN 0-4 (Primo tempo 0-3)
MARCATORI: Ibrahimovic al 21′, 31′ e 35′ p.t.; Thiago Silva al 13′ s.t.
PALERMO (4-3-1-2): Viviano; Munoz, Migliaccio, Mantovani, E. Pisano; Bertolo (dal 5′ st Aguirregaray), Donati, E. Barreto; Ilicic (dal 40′ st Zahavi),; Miccoli, Budan (dal 14′ st Della Rocca). (Tzorvas, Milanovic, Vasquez, Mehmeti). All.: Mutti.
MILAN (4-3-1-2): Abbiati; Abate, Bonera , Thiago Silva, Antonini (dal 1′ st Mesbah); Nocerino, Ambrosini, Muntari; Emanuelson (dal 9′ st El Shaarawy); Robinho (dal 37′ st Inzaghi), Ibrahimovic. (Amelia, Zambrotta, Yepes, Van Bommel). All.: Allegri.
ARBITRO: Orsato di Schio
NOTE – Spettatori: 22.246, per un incasso di 608.418,00. Ammoniti nessuno. Angoli 10-6 per il Milan. Recuperi: 1′ p.t. e 2′ s.t.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

23 Comments

  1. LaPauraFa80 3 Marzo 2012 at 20:22

    Siamo belli come il sole e forti come la roccia. So’ poeta.

    Ibrahimovic domina. Gli altri sucano.
    E’ tornato in gran spolvero Ignazione!

    1. bettino76

      CONDIVIDO TUTTO.
      IERI IL MILAN HA DIMOSTRATO DI ESSERE UNA DELLE SQUADRE PIU’ IN SALUTE D’EUROPA.
      UNICO APPUNTO L’INTERVISTA DI ANTONINI A MILAN CHANNEL(I SOLI CHE LO CAGANO) DICENDO CHE IL SUO INFORTUNIO NON E’ NIENTE ED E’USCITO X PRECAUZIONE IN VISTA DELL’ARSENAL.
      MA E’ FUORI DI TESTA, E’ TALMENTE IMBRANATO E NON ATLETICAMENTE PRESENTABILE CHE MESBAH SEMBRAVA UNA DIGA.
      CHIEDO VOSTRA OPINIONE IN MERITO
      GRANDE DJAMEL OTTIMO ACQUISTO

      1. LaPauraFa80 4 Marzo 2012 at 12:14

        Betty, son d’accordo che Antonini è una merda, però in campo dà tutto. Che è poco, quasi nulla, ma non mi accanirei. Solo un po’ di pena.

        L’unico corpo estraneo è Pato, si vede lontano un miglio che non c’entra un cazzo con questa squadra.

      2. Diavolo1990
        Diavolo1990 4 Marzo 2012 at 12:54

        @bettino76
        ma ce l’hai proprio con Antonini eh… non è che sei Mesbah in incognito 😀

        1. bettino76

          Carissimi,
          forse con Antonini esagero,ma dopo che l’anno scorso ha regalato 2 goal alla juve ed uno quest’anno con tanto di lasciapassare a Pepe….No!!! proprio non riesco a vederlo.
          Sembra sempre che annaspi su stesso e mai un cross che sia uno,,e’ normale che non lo possa piu’ vedere
          Buona domenica ai cuori rossoneri…e sempre forza Milan

  2. Diavolo1990
    Diavolo1990 3 Marzo 2012 at 21:00

    Nuovo record: soli 18′ prima del solito favorino alla Juventus

  3. A Ibra le soste fanno sempre bene.

    Comunque abbiamo cambiato modo di giocare alla buona ora.

    E finalmente possiamo stare sereni in quel cazzo di recupero

  4. … e il faraoncino quasi mette la firma d’autore (e comunque a Thiago gli ha dipinto la palla sulla capoccia…

  5. LaPauraFa80 4 Marzo 2012 at 09:28

    Pensavo Dramè e mè che perchè la juve arrivi davanti ci sono solo due vie possibili:
    -fottere di tutto e di più, ogni partita.
    -comprarsi Ibrahimovic.

    Ma il mercato è chiuso. Resta il malaffare, ma sono troppo scoppiati , dovrebbero farla troppo grande.

    E se rientrano in tempi ragionevoli Aquilani, Flaminio, Merkel, il Professore, Rino dobbiamo iniziare a fare un pensierino alla finale di Champions.

    Pato può anche non rientrare. In questa squadra così cazzutta non c’entra una minchia. Resti al parco con i suoi 4 sostenitori a menarselo a vicenda.

    1. Diavolo1990
      Diavolo1990 4 Marzo 2012 at 11:31

      Ma il mercato è chiuso. Resta il malaffare, ma sono troppo scoppiati , dovrebbero farla troppo grande.

      L’hanno già fatta eh

      1. LaPauraFa80 4 Marzo 2012 at 11:51

        Ma non basterà, siamo 10 volte più forti. Quindi devono fare 10 volte più porcate.

        1. Si quoto. E’ evidente la differenza. Ora poi che noi stiamoa nche meglio fisicamente di loro la differenza è anche più marcata

  6. non scherziamo

    la rosa del milan 31 calciatori è nettamente superiore

    tra un mese non ci sarà posto per tutti in panchina

    solo per il centrocampo rientreranno Boateng Aquilani Seedorf Flamini Gattuso Merkel senza contare Strasser

    più i vari Emanuelson Nocerino Muntari ed Ambrosini

    concordo in toto con Diavolino nel post , il bistrattato Emanuelson è stato fondamentale in questo ultimo mese difficile
    ma anche il faraone a Udine con quella rete della vittoria ha dato una bella sterzata positiva alla stagione

    adesso possiamo pure allungare visto che loro fisicamente sono a pezzi e cominciano ad accusare pure loro qualche infortunio vedi Chiellini

  7. La nostra rosa è infinitamente superiore a quella della Juventus, con o senza Ibra, con o senza Pato con o senza gli infortuni. Siamo due categorie diverse.

    L’ uomo dei miracoli è Conte che con quella rosa ha retto tanto. Allegri alla fine è virtualmente a pari merito di un allenatore che si trova ad affrontare una ferrari con un’ Alfa Mito. Grosso modo il paragone è quello. Fatta questa premessa doverosa riconosco i meriti ad Allegri per quello che sta facendo in queste partite

    Inutile dire che l’ Ibra visto ieri sera non è l’ Ibra visto in tutta la stagione come del resto il Milan visto nelle ultime uscite è un milan completamente diverso da quello solito.

    C’ è anche da dire che Ibra sta trattando il rinnovo e che lui vorrebbe un aumento al già esagerato ingaggio. Comunque per la cronaca Anche Pato ha fatto tripletta in qualche partita.

  8. LaPauraFa80 4 Marzo 2012 at 17:05

    Comunque per la cronaca Anche Pato ha fatto tripletta in qualche partita.
    Quando?

  9. LaPauraFa80 4 Marzo 2012 at 17:06

    Se ricordo bene, mai.

  10. Bisognerebbe parlare dei motivi del cambiamento. Dopo Milan Arsenal è cambiato qualcosa

  11. Mi sa che hai ragione. Strano però qualcuna me la ricordavo. Cercherò meglio su Internet

  12. bettino76

    Ragazzi ,
    per quanto mi riguarda Pato e’ da cacciare a calci nel di dietro….
    Questo viziato eterno adolescente inzozza la nostra Meravigliosa maglia , permettendosi di far finta di giocare , fregandosene dei compagni e della gente che paga fior di soldi per andare allo stadio o per la Pay tv.

    Indegno!!!

  13. Magari avrà i suoi buoni motivi per fare cosi no?

    C’ è da capirlo. Se l’ allenatore ha deciso di puntare su un prepotente, la tifoseria t’ infama perché ti rompi sempre.

    Si parla sempre di un ragazzo di 22 che sta vivendo una stagione sfortunata riempito di pressioni.

    Secondo me voi che volete la sua testa siete di fuori completamente e non vi ricordate cosa Pato ha fatto al Milan in questi anni

  14. LaPauraFa80 4 Marzo 2012 at 19:13

    Su Pato, come sapete, sto con Betty. Cesso immondo di giocare, non se lo caga più nessuno a Milanello.

    Mentre concordo con Cantera sul fatto che ultimamente Allegri stia giustificando lo stipendio che prende (il più alto in Italia) mettendo in campo una squadra bella, cattiva e con idee. Ma buongiorno Minimiliano!

  15. LaPauraFa80 4 Marzo 2012 at 19:14

    *di giocatore.

  16. Mi sorprende sentirti parlare cosi di Allegri.

    Pensavo era un tuo idolo. Comunque si ora sta giustificando lo stipendio che prende. ORA.
    Fermo restando che il Milan in questo momento ha un monte ingaggi superiore a quello della Juve di 70 miliardi.

Comments are closed.