La notizia è di ieri e ha (parzialmente) il sapore di una sorpresa: Milan ceduto, dopo 30 anni e 6 mesi, a una terza cordata cinese che non è né quella rappresentata da Galatioto né quella che era uscita negli ultimi giorni sui giornali.

La firma è solo per l’accordo preliminare: 740 milioni, di cui circa il 30% che va ad azzerare i debiti, mentre altri 350 ne verranno investiti, tra cui 100 in questa stagione per il mercato. Cifra importante che arriverà né più né meno sotto forma di penale, se il gruppo acquirente (di cui fa parte anche il fondo sovrano della Cina per gli investimenti) dovesse rinunciare al closing all’ultimo. La prova dello sblocco della trattativa probabilmente è arrivato con l’acquisto di Gustavo Gomez; chi diceva che le due trattative in corso erano false aveva anche parzialmente ragione, ma non per i motivi che avrebbe voluto (leggasi scusa per non investire, siamo a posto così, eccetera). Entro fine anno dovrebbe arrivare il closing, intanto entrano un po’ di soldi per questo mercato e quello di gennaio.

Ad aprile scrissi, dopo la caduta per 2-1 a Verona, che era arrivato il momento della fine: dopo 3 mesi e poco più il “grande giorno” sembra essere arrivato. Berlusconi rimarrà presidente onorario, scelta giusta dopo 30 anni di onorato servizio; nuovo ad dovrebbe essere l’ex direttore generale di Napoli e Inter Marco Fassone. Cadono quindi (a meno di colpi di scena) le teste dei due ad Galliani e Barbara Berlusconi. Sul mercato, i primi 15 milioni arrivano con la firma del preliminare, e altri 85 entro poco più di un mese, si spera ben prima in modo da poter condurre qualche trattativa dell’ultim’ora (su tutti l’argentino ex Bayern, ora al Besiktas, Sosa, dato per molto vicino). Ci sarà da piazzare un centrale, avendone ben 5 – più l’infortunato Zapata – per 2 posti in rosa ora come ora; a questo punto sia De Sciglio reduce da un ottimo Europeo, sia Bacca potrebbero restare.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014