La notizia è di ieri e ha (parzialmente) il sapore di una sorpresa: Milan ceduto, dopo 30 anni e 6 mesi, a una terza cordata cinese che non è né quella rappresentata da Galatioto né quella che era uscita negli ultimi giorni sui giornali.

La firma è solo per l’accordo preliminare: 740 milioni, di cui circa il 30% che va ad azzerare i debiti, mentre altri 350 ne verranno investiti, tra cui 100 in questa stagione per il mercato. Cifra importante che arriverà né più né meno sotto forma di penale, se il gruppo acquirente (di cui fa parte anche il fondo sovrano della Cina per gli investimenti) dovesse rinunciare al closing all’ultimo. La prova dello sblocco della trattativa probabilmente è arrivato con l’acquisto di Gustavo Gomez; chi diceva che le due trattative in corso erano false aveva anche parzialmente ragione, ma non per i motivi che avrebbe voluto (leggasi scusa per non investire, siamo a posto così, eccetera). Entro fine anno dovrebbe arrivare il closing, intanto entrano un po’ di soldi per questo mercato e quello di gennaio.

Ad aprile scrissi, dopo la caduta per 2-1 a Verona, che era arrivato il momento della fine: dopo 3 mesi e poco più il “grande giorno” sembra essere arrivato. Berlusconi rimarrà presidente onorario, scelta giusta dopo 30 anni di onorato servizio; nuovo ad dovrebbe essere l’ex direttore generale di Napoli e Inter Marco Fassone. Cadono quindi (a meno di colpi di scena) le teste dei due ad Galliani e Barbara Berlusconi. Sul mercato, i primi 15 milioni arrivano con la firma del preliminare, e altri 85 entro poco più di un mese, si spera ben prima in modo da poter condurre qualche trattativa dell’ultim’ora (su tutti l’argentino ex Bayern, ora al Besiktas, Sosa, dato per molto vicino). Ci sarà da piazzare un centrale, avendone ben 5 – più l’infortunato Zapata – per 2 posti in rosa ora come ora; a questo punto sia De Sciglio reduce da un ottimo Europeo, sia Bacca potrebbero restare.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014

5 Comments

  1. Un nuovo inizio

    Invece per me è proprio la fine. Ho sempre tifato il Presidente Berlusconi prima dei giocatori e dei colori e ho sempre detto che mi sarei fatto da parte insieme ad Egli.

    E così sarà,
    mi congedo dal milanismo con un caloroso abbraccio
    ed un GRAZIE PRESIDENTE grande come il cielo.

    1. Ti aspettavo , La Paura. Non sprecare la tua passione, la tua arguzia e la tua intelligenza.
      Io , data la mia eta’ tifavo Milan dagli anni 50/60 ma Berlusconi , senti Capello, ci ha fatto toccare il cielo. Ha stravinto anche adesso ! Pensa solo che se le cose con i cinesi andranno bene ne avra’ il grande merito. Se dovessero andare male la colpa andra’ a coloro che ( vedi De Benedetti ed altre situazioni ) lo hanno costretto a passare la mano.
      Ti chiedo , se vuoi, di cantare:
      Se prima eravamo in due a cantare papin-papon adesso siamo in tre a cantare papin-papon….
      Qui come altrove, siamo milioni.
      E aspetto Papin 3 , Borgofosco e tutti gli altri che non vogliono smettere di tifare per il Milan ma anche per il piu’ grande dei Presidenti de calcio mondiale di tutti i tempi.
      Con buona pace dei suoi nemici un giorno esistera’ lo Stadio Silvio Berlusconi.

  2. È andato anche lui ed il Milan è ancora lì.
    Grazie di tutto, ma è giusto così e voi, prendetevela nel culo!

    1. Non prendo alcunchè in alcun luogo.

      Semplicemente chiudo con questo sport che invero non mi è mai piaciuto nè ho mai capito. 22 caproni che seguono una palla, ma che roba è ???

      Io ho sempre e solo sostenuto la Presidenza Berlusconi. Conclusa quella, si esaurisce il mio compito.

      Va bene così.

  3. Borgofosco

    Non capisco ma mi adeguo. Ho tifato per il Milan anche quando seduti sul ‘trono’c’era gente come Felice Riva e Giussy Farina…. figuriamoci se smetterò di tifare per il Milan. Certo Berlusconi è stato il più grande di sempre…Infatti defilatosi lui, per motivi ‘politici’,il Milan è andato di male in peggio e non è riuscito ad agguantare il Real Madrid nella competizione continentale(in Italia io da sempre sostengo che se anche avessimo avuto un trio composto da Pelè, Ronaldo(Van Basten) e Maradona, quando ci sono di mezzo quelli là è impossibile vincere scudetti se loro non vogliono(ora rompono anche in Coppa Italia). I meriti di Berlusconi sono già evidenti nel sacrificio economico che ha compiuto nel passaggio di proprietà. La valutazione complessiva del Milan era superiore e doveva essere di 740 milioni al netto dei debiti che dovevano essere a carico degli acquirenti. Silvio ha fatto quest’ultimo regalo a patto che i cinesi rispettino i programmi di rafforzamento per riportare il Milan in cima al mondo. Al momento sono assai scettico sui piani di investimento enunciati. Quindici milioni di euro sono sufficienti soltanto per pagare le spese correnti e gli inservienti che lavorano per il Milan. Vedremo cosa sarà in grado di combinare il ‘genio’ Fassone. Siamo in ritardo su tutto ed i tre acquisti che agognavo non sono arrivati. Ora concordo con te…piuttosto che niente è meglio piuttosto ed allora teniamoci Bacca e De Sciglio e vediamo se almeno nel centrocampista riusciamo ad accontenterei Montella. Va bene così e poi quando arriveranno gli altri 85 milioni…si vedrà come spenderli sperando che si evitino acquisti inutilmente dispendiosi come è sempre avvenuto all’indomani delle eccellenti cessioni a partire da quella di Sheva e Kakà sino a quella di Thiago Silva ed Ibra.

Comments are closed.