In qualunque post partita degno di nota non si fa che parlare degli errori arbitrali. Dalle serie minori fino a quelle maggiori, passando per il calcio femminile, se una squadra esce sconfitta la colpa non è dei giocatori ma è dell’arbitro. Questa convinzione sta prendendo sempre più quota in Italia mentre nelle altre Nazioni tutto sembra tacere, basti pensare al gol fantasma avvenuto nella partita tra Hoffenheim – Bayer Leverkusen dove uno degli esponenti arbitrali migliori in campo europeo, Brych, assegnò un clamoroso gol fantasma ovviamente non valido. In Germania lo scalpore durò poco…ma se fosse successo in Italia? Ci sarebbe sicuramente stata la crocifissione dell’arbitro in questione.

Molti hanno pensato a delle soluzioni e, sopratutto come conseguenza della partita tra Juventus e Roma, il pulitissimo Presidente della FIGC, Tavecchio, ha proposto l’uso della moviola e quindi della tecnologia in campo. Non è la prima volta che si sente una proposta simile e di certo non sarà l’ultima, ma siamo sicuri che questa è la soluzione a tutti i nostri dispiaceri arbitrali?

Per rispondere a questa domanda bisogna fare un excursus su quali siano i pro e i contro riguardo l’uso della tecnologia in campo. In molti sport l’uso della tecnologia ha preso già piede. Nel Tennis così come nel Volley l’uso del falco o del video-Challenge è riuscito a risolvere molti dubbi riguardo decisioni che destavano sospetti ma in questi due casi stiamo parlando di sport che non hanno nulla a che fare con il tempo. Nel calcio il tempo conta. A differenza di altri sport dove si può fermare il cronometro e quindi la moviola è ininfluente, nel calcio il cronometro non si ferma per nessun motivo e non credo che con la moviola sarà diverso.  Questo è il primo aspetto che va contro la moviola difatti una partita potrebbe durare dai normali 90′ più recupero ad un tempo indefinito.

Un altra questione che bisogna affrontare sarebbe nell’identificare quali  episodi richiederebbero l’uso della tecnologia. Gol fantasma? Fuorigioco? Rigori? Falli da ultimo uomo? Ammonizioni? Espulsioni? Se si utilizzasse la moviola per tutti questi episodi il gioco sarà spezzettato in un infinità di episodi e di certo si giocherà per ricevere l’episodio a favore e non per favorire lo spettacolo calcistico. Altro punto a sfavore sarebbe, quindi, la mancanza di spettacolo.

In più, con l’aggiunta della moviola, si priverebbe l’arbitro dell’unico potere che gli è rimasto: prendere decisioni in completa autonomia. Molti credono che utilizzando la tecnologia si faciliterà il lavoro dell’arbitro ma non è così. Chi fa l’arbitro lo fa per passione e non di certo per guadagnare lo stipendio (ve lo dice uno che sta in quell’abbiente) . Vi siete mai chiesti perchè quasi tutti gli arbitri sono contrari all’utilizzo della moviola? Sicuramente mi rispondereste per continuare a ricevere i regali dalla famiglia Agnelli ma vi garantisco che non è così.

Per ora ho evidenziato i principali aspetti negativi ma come ogni questione che si rispetti ci sono anche dei risvolti positivi.

Ovviamente inutile sottolineare come con la moviola si eviteranno gli errori clamorosi che domenica dopo domenica condizionano quasi tutte le partite di Serie A e non. Si eviterà la moviola nei post partita e scompariranno le critiche nei confronti della Juventus. Ma siamo sicuri di ciò? Io non ne sarei tanto sicuro!
Siamo Italiani e su ogni cosa facciamo critica. Di sicuro ci sarà chi ipotizzerà che la moviola sarà gestita da entità oscure, dalla famiglia Agnelli oppure dalla FIGC stessa.

Per come la vedo per tre aspetti negativi ne trovo solo uno positivo.
Gli errori arbitrali fanno parte del calcio e continueranno a farne parte anche con la moviola perché la tecnologia non potrà “mai” coprire gli infiniti episodi che capitano in 90′ minuti su un campo da calcio.

Per concludere: la mia posizione sembra palese ma sono pronto a discuterne con chiunque ne abbia voglia.

Posted by Nocerino Giuseppe

Nato a Napoli nel 1994. Frequenta il corso di Laura in Scienze dell'Amministrazione e Organizzazione. Schermidore. Tifoso del Milan da sempre e amante della classe arbitrale di cui faceva parte. In passato ha collaborato con vari di siti di Wrestling e Sport. Dal 05/10/2014 è entrato a far parte di Rossonerosemper come Moviolista.