Juventus Football Club ribadisce e sostiene quanto dichiarato dall’allenatore Antonio Conte, dal consigliere Pavel Nedved e da Andrea Pirlo al termine dell’incontro. La società si augura che la parità di trattamento, che sta perseguendo e perseguirà in ogni sede, venga applicata sempre in conformità con le regole del giuoco del calcio e della giustizia sportiva e ordinaria

Antonio Conte esulta dopo il rigore non dato al Cagliari

Che “FC Juventus” e “competizione pulita” fossero due termini tra di loro antitetici lo sapevamo già da un pezzo. Lasciando stare Calciopoli basti tornare più indietro nel tempo, al processo doping con Agricola o ancora alla coppa vinta sul campo con un rigore fuori area in quell dell’Heysel in una partita fuffa in cui Platini ebbe anche il coraggio di esultare di fronte ad un settore dove erano morti 39 tifosi. Un anno di B – pena lieve per chi dopo quanto aveva fatto nel 2006 meritava la cancellazione dal calcio professionistico – non ha evidentemente fatto sparire dal volto degli uomini di Agnelli quella arroganza che, grazie alle numerose pressioni, gli ha permesso di essere la squadra con più titoli in Italia nonostante la grande differenza tra noi e loro in Europa, dove si sa che rubare è molto più difficile.

Mi riferisco ovviamente al vergognoso comunicato con cui la seconda squadra di Torino appoggia le esternazioni di Antonio Conte dopo la gara col Parma – un capolavoro di mistificazione informativa. Innanzitutto dopo quanto accaduto nel girone di andata, fa veramente specie pensare che la Juventus è stata sfavorita dai direttori di gara: basti andare a vedere la classifica su calciomercato.com settimanalmente redatta per rendersi conto di tutto ciò. Conte però ci racconta un’altra realtà, quella in cui se la Juventus è danneggiata dai direttori di gara non se ne parla. In realtà la Juventus non è stata danneggiata nemmeno nelle due gare contro il Siena (mancata espulsione a Borriello) e contro gli emiliani (mancato rigore – quello esistente – su Giovinco) ma di questo non se ne parla. Allora Conte ci racconta veramente un’altra realtà, dato che sui numerosi episodi arbitrali a favore della Juventus si è glissato in fretta mentre di questi, dubbi, ne stiamo ancora parlando: i due bagher pallavolistici col Cagliari sono a quanto pare finiti in fretta nel dimenticatoio. Ci racconta un’altra realtà quando parla di stampa a loro nemica – la stessa stampa che fa passare in sordina il fatto che i bianconeri arrivino da due settimi posti o il fatto che una italiana negli ottavi di Champions League abbia vinto 4-0 contro una big europea. La stessa stampa che continua a calcare il dito contro il Milan per la cessione di Pirlo nonostante i numeri siano poco diversi da quelli dell’ultima annata rossonera e inferiori a quelli di Aquilani.

Perché quindi la Juventus fa tutto questo? I motivi sono molteplici. In primis chi si lamenta in questo modo lo fa perché sa di essere meno forte, e perché è ben conscio che con la cosiddetta “parità di trattamento” da loro invocata sarebbe molto più indietro in classifica. Lo fa quindi perché ieri doveva essere discusso il ricorso di Zlatan Ibrahimovic – abilmente rinviato di una settimana dall’avvocato Cantamessa onde evitare che tutto ciò possa influire su una decisione sacrosanta (quella di ridurre a due giornate) che, stiamo certi, verrà vista già come un complotto. Lo fa per giustificare un eventuale risultato deludente di fronte agli occhi dei propri tifosi – c’è sempre uno stadio da riempire ogni domenica, uno stadio che ottiene il tutto esaurito non per un particolare affetto dei tifosi verso la squadra, ma per la sua piccolezza – 31 mila posti circa, meno degli spettatori ottenuti in ogni singola partita dai campioni d’Italia in carica: una Juventus non competitiva lo riporterebbe a quei 20mila già visti lo scorso anno o, ancora prima, al Delle Alpi.

C’è poi la terza via – quella più semplice e immediata. Ovvero che da calciopoli non sia cambiato nulla: la Juventus ha sempre fondato gran parte delle sue vittorie sulle pressioni alle giacchette nere – in questo senso fecero storia e scalpore le dichiarazioni di Rivera negli anni settanta. Rimane il problema principale che vede il divieto dal 2006 di comunicare con arbitri e designatori e quindi tutto questo viene fatto alla luce del sole – ma è praticamente la stessa cosa che veniva fatta con le SIM svizzere da Moggi e compagni: affermare che vi sia un complotto contro la stessa lega che permette alla Juventus di tenere impunita nell’albo d’oro del proprio sito e del proprio stadio la scritta “29 scudetti” ha semplicemente dell’assurdo. Ritornando ai tifosi bianconeri – a loro piace vivere di illusioni e mistificazioni, partendo da quella che il campionato 2004/05 era regolare per una sentenza parziale le cui motivazioni hanno sentenziato che non era importante stabilirlo: si professano così tanto diversi da chi prescritto si faceva scudo col cadavere di Facchetti ma alla fin fine non lo sono per nulla: o accetti la loro verità custodita come la bibbia, ovvero un testo privo di fondamenti e prove scientifiche a cui credere ciecamente, o sei un eretico che di calcio non nè capisce nulla: basti guardare le rose per rendersi conto che lo scudetto alla Juventus passa per un regalo nostro e non certo per meriti altrui.

Ringrazio quindi il comunicato uscito sul sito ufficiale della Juventus – la migliore ammissione di inferiorità nei nostri confronti che la società bianconera potesse fare e auspico che al più presto la federazione possa porre fine a tutto ciò con pesanti squalifiche per gli allenatori che mettono in dubbio la regolarità del torneo come già accaduto a Ferguson proprio quest anno in inghilterra dopo aver attaccato duramente il direttore di gara. Guardando ai fatti sembra di vedere la brutta copia degli interisti con Mourinho nell’annata 2009/10, segno di quanto il peso deleterio del portoghese sulla serie A continui ancora a farsi sentire. A proposito di serie A: Mauro Suma affermava spesso lo scorso anno nei propri editoriali che la Juventus mancava al calcio italiano – tutto falso: il calcio italiano senza la Juventus sarebbe stato indubbiamente un posto migliore e, forse, avrebbe presentato dei tornei più puliti.

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

34 Comments

  1. Si stanno cacando sotto.

    1. Non so però mi han rotto i coglioni. Era da tempo che non mi veniva un post così.

  2. …a meno che il giudice non sia di parte come Patyq, il ricorso per Ibra verrà accolto: non può non succedere.

    1. non ricordo

      ma l’anno scorso con i ricorsi per le squalifiche di Ibra erano stati accolti ?

      1. Bari sì, Firenze no

        1. mi sembrava

          quindi visto le mani avanti messe da Conte e dalla Juve vedrai che non lo accolgono il ricorso

    2. Hai rotto i coglioni, bamboccio. Io sono di parte esattamente come te!
      L’unica differenza è che la mia è la parte giusta, la tua è quella dei cazzoni!

  3. gran bel post diavolino

    intanto Seedorf infortunato per oltre un mese e Mexes problemi alla gamba sinistra non si sa ancora la diagnosi

    per fortuna Aquilani dovrebbe rientrare già domenica con il Cesena ed anche Yepes dovrebbe essere disponibile per sedere in panchina

    risultato finale
    due entrano e due escono dall’infermeria

    e aggiungo per fortuna giocano nello stesso ruolo

    questa maledetta catena di infortuni prosegue

  4. oleee

    Il Milan perde Seedorf
    (ANSA) – MILANO 17 FEB – Clarence Seedorf ha riportato un infortunio muscolare durante la gara Milan-Arsenal di Champions League. Il centrocampista olandese si e’ procurato uno stiramento al bicipite femorale destro e solo fra una settimana sono previste ulteriori indagini strumentali per meglio stabilire i tempi di recupero.

  5. Sono cose che contrastano ampiamente con il loro “essere la Juventus”. “Siamo la Juventus” “La grande squadra” “Ci vuole rispetto” “Voglio gli arbitri professionisti e non alle prime armi”… E poi? Poi casca tutto con ste vaccate di una bassezza che raramente vedevo quando giocavo negli esordienti del malamocco calcio nella mia isola natia, tipo sventolare ai 4 venti qualche mese fa che Del Piero il prossimo anno non vestirà la maglia (e poi parlano di rispetto…).
    Come eleganza di comportamento Agnelli non ha preso una cippa dal suo parente predecessore e l’attuale digirenza gli va dietro fino al mister per poi arrivare anche ai giocatori (vedi James “Chiellini” Bond e le sue soffiate o Pirlo che fa scenate e tuffi segno che la modifica genetica Juventina ha preso il sopravvento). Mi vanno a protestare per rigori non dati con squadre che dovrebbero stracciare sul campo senza bisogno di tiri dagli 11 metri… e senza rendersi conto che la figuraccia la stanno facendo loro.

    1. Il punto è questo. “Siamo la Juventus”. E allora? Lo vedi che vogliono ancora quel trattamento privilegiato di cui erano abituati a godere?
      Conte sta dicendo il contrario di quello che accade. Sia lui che ghirardi hanno protestato ma si parla solo delle sue.

  6. Non hai postato il comunicato.

    Postalo e metti in evidenza l’ultima riga.

    Sta tutto lì il succo della questione.

    1. Juventus Football Club ribadisce e sostiene quanto dichiarato dall’allenatore Antonio Conte, dal consigliere Pavel Nedved e da Andrea Pirlo al termine dell’incontro. La società si augura che la parità di trattamento, che sta perseguendo e perseguirà in ogni sede, venga applicata sempre in conformità con le regole del giuoco del calcio e della giustizia sportiva e ordinaria

      Cioè?

  7. Giustizia ordinaria, penso che Matto si riferisca a questo.

    1. Esatto yom.

      Leggetelo bene questo comunicato e non scordate che nasce per una semplicissima richiesta di un calcio di rigore (vizio italico ormai conclamato per tutte le squadre di tutte le categorie):

      a cosa serve dunque il riferimento alla giustizia sportiva,ma ancor più grave a quella ordinaria????

      Io ho la mia opinione e credo sia corretta,ognuno ne tragga la sua anche il margine di interpretazione è a mio avviso minimo.

      L’ultima riga di questo comunicato è gravissima perchè sottointende……e dovreste esserci arrivati ormai.

      1. Matto curiosità, ma dopo l’1-0 col novara dov’eri? :mrgreen: :mrgreen:
        Ti cercavamo tutti per un commento 😀

        1. Io ci sono sempre stato e lo sai…..

          ma Inter – Novara è stato un colpo troppo duro anche per me e ho avuto bisogno di due/tre giorni per riprendermi! 😉

          Anch’io non sono più un ragazzino ed il mio fisico certe cose fa più fatica a smaltirle stile le sbronze.

    1. E’ la cosa più intelligente che hai mai detto. 😆

  8. Oh cazzo, il bradipo culone fuori per un mese ……. considerando che i tempi di Milanlab lievitano, speriamo che si arrivi almeno a due ……… vado a stappare uno sciampagnino!

    1. Bravo, poi prendi la bottiglia e mettila nel culo. Non dalla parte del collo. :mrgreen: 😈

      1. Bella battuta da bamboccio rincoglionito! Devo ridere?

        1. No, ridi a quella del tuo compagno di merende MD.

        2. Che cazzo c’è da ridere? muntari che sta per indossare la maglia RossoNera, mi fa solo vomitare!

  9. Grande ZIIIIDORFFF!!!

    Intanto c’ è chi dice che l’ Arsenal in termini assoluti rimane più forte di noi nonostante la scoppola . Basta basta, rispondete per me perché io non ho la forza.

  10. a te invece piace prendere il cazzo di seedorf nel culo

    tranquillo, avrete tempo per ricordare i vecchi tempi in questi 2 mesi in cui quella merda non vedrà mai il campo…

    in compenso per una merda che nn gioca ci dovremo sorbire bingo bongo muntari grazie al genio che ha deciso di acquistarlo

  11. Come sei fine e mai banale… 😈

  12. Io sono felice di Muntari e di non vedere Seedorf per un mes….facciamo due e ancora ringrazio per Gattuso.

    E soprattutto vorrei sapere quale sarebbe la formazione del Milan senza infortunati

    1. “Io sono felice di Muntari …”

      Sei uno scandalo: io rinuncio anche a cercare di capirti!

  13. Povero Matto.

    Se con il Novara ha preso qualche incazzatura, stasera con il bologna rischia il fegato…se tu fossi ad arezzo di farei imbucare a una festa a cui sto andando.

    Amica topa che festeggia i suoi 24 anni. In genere l’ alcol gira a fiumi con le amiche peccato che sono astemio 🙁

    1. Matto è superiore e si riprenderà da tutto questo.

      Se Matto non si riprende,Matto si da al cricket.

      Quando Matto parla in terza persona vuol dire che è proprio affranto.

      Ma Matto non molla mai.

      Matto ha mollato.

  14. httpvh://www.youtube.com/watch?v=QXDDwXA3imc

  15. Io comunque non mi fido di quell’Arsenal mollaccioso ed inconcludente, e non dimentichiamoci le due paratone di Abbiati (e la gioia del portierone sulla prima era un chiaro segno ad Amelia che ne stava mettendo in dubbio l’inamovibilità). Io il Liverpool non me lo scorderò mai, ma neanche il Deportivo che ci prese bellamente per il culo (anche se per me quella sera s’erano fatti di crack come minimo…). A londra vediamo di non andare a fare shopping…

Comments are closed.