Dopo la sbornia di Fa Cup del fine settimana – che ha visto due risultati shock per le squadre inglesi che disputano la Champions – torna la massima competizione europea, con quattro sfide da dentro o fuori.

Vincono subito Atletico Madrid e Manchester City; la squadra di Simeone ipoteca i quarti dopo il 2-4 di Leverkusen contro il Bayer derivato da un lungo tiramolla. Dopo il doppio vantaggio di Saul e Griezmann segna Bellarabi, allunga nuovamente Gameiro, l’autogol di Savic riporta sul 2-3 la squadra di casa prima della rete finale della bandiera Torres. Vince, non senza fatica, anche il Manchester City di Guardiola che soffre contro Falcao e il diciottenne Mbappé; gli sky blue vanno addirittura sotto per due volte prima di dilagare sul 5-3 nel finale. E in Francia il discorso è tutt’altro che finito; con un 2-0 o un 3-1 passerebbero Jardim e soci.

Mercoledì hanno vinto Siviglia e Juventus, rispettivamente contro Leicester e Porto. La squadra di Ranieri, dopo l’eliminazione shock dalla Fa ad opera del Millwall (League One, di fatto la serie C1) riesce a limitare i danni sul 2-1 per gli andalusi in una stagione che è l’esatto contrario della precedente in cui tutto girava bene. Alle reti di Sarabia e Correa risponde Vardy. A Oporto, partita risolta dai favoriti bianconeri nell’ultimo quarto di gara da Pjaca e Dani Alves nel giro di due minuti. Gli strascichi delle presunte liti evidentemente non hanno inficiato il percorso juventino in Europa.

Per i quarti, Bayern Monaco, Psg e Atletico Madrid hanno praticamente ipotecato il passaggio del turno con vittorie larghe o comunque con molti gol in trasferta; un piede al turno successivo ce l’hanno Juventus e Real Madrid, mentre visti alcuni rovesci imprevisti stagionali Benfica, Manchester City e Siviglia – che partono con un gol di vantaggio, e i gol in trasferta subiti per le ultime due – dovranno fare molta attenzione contro Borussia, Monaco e Leicester che hanno tutte e tre il ritorno in casa.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014