Nessun problema di calcoli complicati, regola del gol in trasferta o giù di lì. Quattro vittorie delle stesse squadre già vincenti all’andata, fra l’altro tutte con lo stesso scarto; Italia e Inghilterra rischiano di trovarsi senza squadre ai quarti/con una sola (va meglio agli inglesi, che hanno il Manchester City in vantaggio di due reti all’andata).

Martedì sera in scena la replica di Real Madrid-Roma, che più che per il 2-0 identico all’andata passerà alla storia per l’ovazione, forse l’ultima, riservata a Totti al Bernabeu e per la conferenza stampa del post partita di Spalletti: il tecnico toscano non vuole sentir parlare di “buona prestazione nonostante il risultato”. Gravi errori in fase di realizzazione come all’andata, e quello che non si è avverato a dicembre con il Bate dopo i 6 punti fatti arriva adesso. Eliminato anche il Gent, vera matricola degli ottavi, ad opera dei tedeschi del Wolfsburg; basta un 1-0 dopo il 2-3 fuori casa dell’andata, segna Schurrle per una storica prima volta.

La sfida “stellare” e più in bilico però si giocava ieri sera. Chelsea contro Paris Saint Germain, con la possibilità di un solo gol per cambiare tutto e qualificare gli inglesi. Vantaggio Psg con Rabiot, che esclude subito la possibilità dell’1-0, poi Diego Costa rimette in partita il Chelsea, ma il portiere dei francesi Trapp fa buona guardia in un paio di occasioni e al 67′ Ibra chiude i conti, assistito bene da Di Maria. Passa anche il Benfica, con un po’ di paura: Hulk porta in vantaggio lo Zenit, pareggiando l’1-0 portoghese dell’andata, ma all’85’ Talisca pareggia e in pieno recupero Gaitan firma l’1-2 finale. Il Benfica torna ad alti livelli in Europa dopo la finale di EL persa due anni fa.

Risultati della settimana: Wolfsburg-Gent 1-0 (4-2 agg), Real Madrid-Roma 2-0 (4-0 agg), Chelsea-PSG 1-2 (2-4 agg), Zenit-Benfica 1-2 (1-3 agg). Calendario: martedì Manchester City-Dinamo Kiev (3-1 andata) e Atletico Madrid-Psv Eindhoven (0-0), mercoledì Bayern Monaco-Juventus (2-2) e Barcellona-Arsenal (2-0).

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014

4 Comments

  1. Un Ibrahimovic stellare che era stato ceduto come carta regalo per impacchettare il diamante Thiago Silva. Quanto sia stato negativo l’approdo di Barbarella al Milan e delle prese di posizione di Marina è tutto qui. Il Milan scompare dalla scena europea ed al suo posto si insidia il PSG grazie ai due ex milanisti. Scelte che più scellerate non potevano essere ed il bilancio rossonero che, come con il governo Renzi per l’Italia, peggiora di giorno in giorno. Scelte politiche fatte da Barby&family? Non saprei dire con certezza. Ma una cosa è certa… è facilissimo distruggere una grande squadra ma è difficilissimo ricostruirla. Ora al Milan si mette in discussione persino Mihajlovic…quello che era riuscito a mettere ordine nel caos milanista. Povero Milan…quando mai riuscirai a riemergere se rimarrai ancora affidato ad un ottantenne e a degli incapaci che anziché lavorare per il bene comune si affannano ad alimentare quello che io tempo fa avevo chiamato il Palazzo dei Borgia!

    1. Ibra ha un monte ingaggio altissimo, non si poteva tenere per una questione di ingaggio e personalmente non mi ha mai entusiasmato perchè con lui i compagni rendono di reparto rendono meno.
      Il grosso errore è stato cedere Thiago Silva, che si poteva e doveva tenere.
      Per quanto riguarda Miha francamente non capisco queste preoccupazioni, Di Francesco lo preferivo e lo consigliavo anche l’anno scorso, per me è più bravo di Miha perciò il rischio è minimo.

      Tuttavia dopo molti allenatori messi allo sbaraglio, preferirei che a giugno scegliessero il signor Ranieri (ammesso che ci venga), che è un allenatore di esperienza e di sicuro affidamento, capace di far maturare la personalità di tutto il gruppo.

  2. Non capisco Borgofosco. Ma quando mai si e’ sentito in questi anni che Ibra e Thiago sono stati venduti per volonta’ di Barbara ? Mai sentita. Piuttosto tutti hanno sempre detto che vi erano problemi di bilancio e questa strada aveva il placet di Galliani e dell’allenatore.Fu cosi’ che Berlusconi si convinse che si sarebbero trovati degni sostituti. Sappiamo poi come furono dilapidati quei soldi e tanti altri ancora. Caro Borgofosco siamo piu’ rincoglioniti noi dell’ottantenne .

    1. Abbiamo dilapidato i soldi delle cessioni di Ibra e Thiago? Io pensavo se li fosse intascati.

Comments are closed.