Fiorentina sola in testa. Questo il verdetto della 7^ giornata di campionato, che ci consegna la prima capolista solitaria da anni fuori dall’asse Milano-Torino-Roma, nel turno che segna il possibile inizio della rimonta della Roma e il crollo, l’ennesimo negli ultimi anni, del Milan contro una big.

Una sconfitta casalinga così non si vedeva, vado a memoria, dal tennistico 1-6 con la Juventus di fine anni 90. 0-4 senza giustificazioni, la classifica partita “buggata” (per usare un termine caro ai videogiocatori) in cui va tutto male. E non mi sento di pensare che il valore della squadra sia questo, ovvio: una caduta così contro una squadra che faticava con le piccole a inizio campionato era difficile da immaginare solo ieri mattina, tanto che avevo detto che questa partita era da 1×2. Vanno all’aria anche tutti i possibili calcoli sui punti fatti nelle stesse partite rispetto a Inzaghi, visto che il Milan dell’anno scorso buttava via punti con le piccole ma ne faceva paradossalmente di più con le big (4 con la Roma, 3 con il Napoli). Tornando al campionato, comunque, sabato è arrivato il primo storico successo del Carpi in A, battendo 2-1 a sorpresa il Torino di Ventura, mentre 1-1 è il punteggio finale del derby di Verona: prosegue la crisi dell’Hellas di Mandorlini.

Domenica, Milan a parte, è stato il giorno del rilancio di Roma e Juventus. Dopo la vittoria liberatoria dell’Empoli, dato già a rischio, sul Sassuolo alle 12.30, le partite delle 15 promettevano un maggiore spettacolo (che non è mancato). 1-1 tra Sampdoria e Inter, e tra Udinese e Genoa; i nerazzurri rimbalzano dopo le 5 vittorie di inizio campionato ma restano comunque secondi. 2-4, non senza qualche pericolo nel finale, per la Roma a Palermo, con un ritrovato Gervinho sugli scudi. Alle 18, torna a vincere soffrendo la Juventus con il Bologna (3-1) non senza qualche polemica sull’arbitraggio, mentre la Lazio non si ferma più: 2-0 al Frosinone nel derby regionale e terzo posto in classifica per una squadra stroncata troppo presto dopo l’eliminazione dalla CL. In serata, la Fiorentina domina l’Atalanta e ora ha tutti i diritti di sognare in grande. Staremo a vedere quanto durerà, se una o 31 partite.

Risultati 7^ giornata: sabato Carpi-Torino 2-1, Chievo-Verona 1-1; domenica Empoli-Sassuolo 1-0, Palermo-Roma 2-4, Sampdoria-Inter 1-1, Udinese-Genoa 1-1, Juventus-Bologna 3-1, Lazio-Frosinone 2-0, Fiorentina-Atalanta 3-0, Milan-Napoli 0-4.

Classifica: Fiorentina 18, Inter 16, Lazio 15, Roma 14, Torino 13, Napoli, Chievo e Sassuolo 12, Sampdoria e Atalanta 11, Milan 9, Juventus 8, Palermo, Udinese, Genoa ed Empoli 7, Carpi 5, Verona e Frosinone 4, Bologna 3.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014