Z_Mexes1Siamo ormai agli sgoccioli di questo calciomercato di riparazione di Gennaio e una cosa è assolutamente certo: mai come quest’anno si sbaglierebbe accusando la società di essere rimasta a guardare e di eccessivo immobilismo sul mercato. I colpi ci sono stati, alcuni come quello di Adel Taarabt sono stati dei veri colpi di scena visto che nemmeno i giornalisti più informati avevano previsto il suo arrivo in quel di Milano.

Ma visto che ormai al tifoso rossonero difficilmente gli va bene qualcosa e riesce sempre a trovare un pretesto per lamentarsi ecco che si alza a gran voce un coro: “E la difesa?” . Indubbiamente il reparto che si è palesato come vero e proprio punto debole del Milan in questo campionato (ma non solo) è stato quello arretrato, dove nonostante i vari innesti non si è mai giunti neanche lontanamente alla quadratura del cerchio. Forse con il solo Zapata ci si è andati vicini,ma a giudicare da chi lo ha preceduto il colombiano “a bei tempi” sarebbe stato relegato tranquillamente in panchina visto che ha dato prova più volte di alternare prestazioni dignitose e veri e propri scempi.

Però il discorso a questo punto si allarga: le colpe delle amnesie difensivi, dei fuorigioco errati e non di poco, dei tagli fatti “a membro di canide“, dei gol ingenuamente presi su calcio da fermo sono da affibbiare ai vari interpreti che man mano si sono  avvicendati in questi anni oppure a chi in allenamento aveva il compito  di istruirli. Io credo fermamente che la nostra difesa non sia perfetta,ma che considerando anche l’ultimo innesto di Rami, non possa essere considerata di certo inferiore rispetto a quella di molte compagini che attualmente ci precedono in classifica. Insomma, se pensiamo che la Roma al momento seconda gioca con un certo Benatia che sicuramente non è il nuovo Beckenbauer non credo ci sia altro da aggiungere.

Da non sottovalutare poi l’arrivo di Biabany che è si un giocatore dalle attitudini spiccatamente offensiva ma all’occorrenza ha anche le doti per ripiegare e dare una mano dietro. Insomma pare che Seedorf abbia davvero in mente un Milan “Mourinhano” che ha costruito proprio i suoi successi su una  manovra difensiva molto corale e totale. L’unica vera e propria pecca quindi di questo mercato è probabilmente quella di non aver saputo sfoltire una rosa troppo ampia ma almeno dopo tanto tempo abbiamo visto una sessione di mercato coerente e concordata appieno tra allenatore e società.

Posted by Angelo Raffaele Torre

Responsabile dei LIVE ed editorialista. @RaffoTorre on Twitter