Adesso ripartiamo da zero: Thiago e Ibra sono andati, rimbocchiamoci le maniche e ripartiamo. Lo sapevamo tutti che sarebbe andata a finire così, tranne qualche falso illuso che ancora dà peso alle parole di Galliani. I soldi ormai sono la priorità e davanti a cifre del genere il vero affare lo fa chi incassa. Si, io sono di questo parere. Dirò di più: il Milan ha fatto il suo grande affare appioppando al PSG Ibra con tutto il suo stipendio faraonico e incassando altri 20 milioni, quando i francesi erano interessati solo a Thiago, che in un modo o nell’altro sarebbe partito. Operazione riuscita, e zavorra rifilata ai cugini d’oltralpe: adesso lo svedese andrà lì a creare rotture nello spogliatoio, ad accentrare il gioco e le attenzioni della squadra. Lui ha detto che è un sogno che si realizza, ma su queste dichiarazioni i dubbi erano ben pochi: con 14 milioni di euro all’anno a Ibra riesci a far dire qualsiasi cosa.

Con la partenza di Zlatan Ibrahimovic, adesso tocca al nostro allenatore far vedere cosa realmente sa fare, ed è questa la cosa che più mi preoccupa. La mia critica principale al Milan delle passate stagioni era la totale centralità di Ibra in ogni azione di ogni partita, senza la possibilità di alcuna alternativa. Adesso che da questo ci siamo finalmente liberati, ripartiamo da qualcosa di diverso. Ad Allegri spetta il compito di rivalutare Pato, di creare un gioco di squadra e una mentalità di gruppo vincente senza dittatori che impongano le loro decisioni a compagni e staff tecnico. Questo è l’anno della verità per il tecnico livornese, che se dovesse sbagliare potrebbe lasciare Milanello anche prima della fine della stagione.

La cosa principale sarà però quella di cercare di rimpiazzare i partenti con giocatori di valore. I nomi che si sentono sono tanti, ed è difficile dire cosa ci sia di vero riguardo ad ognuno di questi. Riguardo al difensore non mi pronuncio, perché qualsiasi sia la scelta bisognerà valutare l’adattamento al calcio italiano ed ai suoi schemi. Per quel che riguarda l’attaccante invece, la mie valutazioni le ho fatte e penso che una vera prima punta sia la scelta ideale per la squadra. Che sia Dzeko o Damiao, senza tralasciare Van Persie, un giocatore che sappia rappresentare un riferimento sia tecnico che fisico è a mio parere da preferire ad un attaccante mobile come Tevez, di cui invece abbiamo molta meno necessità. Se il bottino verrà reinvestito in modo oculato, e su questo qualche certezza inizio ad averla, ci ritroveremo con una squadra più giovane, con più voglia di vincere e con meno prime donne ad attrarre le luci dei riflettori. Una squadra degna di essere chiamata tale, che lotti in modo unito e coeso dalla prima all’ultima giornata, senza mal di pancia o interessi personali.

Io ci spero, e continuerò a farlo fino al 31 agosto, che il Milan 2012/13 possa essere competitivo almeno quanto quello degli scorsi anni. Perché se si lavora da squadra, si può andare molto più lontano rispetto a quando ci si affida solo a due colonne. Ripartiamo da zero, con la stessa passione e le solite speranze, perchè non saranno due giocatori in meno a cambiare la mentalità e la voglia di vincere di una squadra.

Nicco

Posted by Nicco

Editorialista del blog. Responsabile degli approfondimenti sulla squadra immediatamente successivi alle gare italiane.

8 Comments

  1. le vendite non sono finite , ora tocca a alla punta che non segna mai

    Raiola ha il mandato per venderlo pure questo dopo Ibra

    ieri sera al ristorante Giannino c’era anche Prade il direttore della Fiorentina

    comincio ad essere fiducioso vuoi vedere che alla fine prendiamo qualche giovane come Jo-Jo ?

    il problema è che ci si concentra troppo per l’attacco e non per la difesa ed il centrocampo che hanno assolutamente bisogno di innesti giovani e di valore

    1. Diavolo1990

      Questa dirigenza è alla frutta, Galliani e Berlusconi devono andare via al più presto.

  2. Ripartiamo da sto cazzzzzzzzzzzzzzzzzzzzoooooooooooooooooooo…………..

  3. ma destro ci faceva proprio schifo? miglior attaccante italiano di prospettiva (escluso ovviamente balotelli) e costa la metà di damiao.
    parlare di austerity e aprire trattative per dzeko e tevez (>6mln di ingaggio annuale a testa) è l’ennesima presa per il culo.
    in difesa puntiamo papadopoulos (chi?) e tasci (altro signor nessuno) quando abbiamo intorno astori e ogbonna, con tutti i giovani passati al Torino negli ultimi anni (oduamadi, verdi) e la trattativa mesbah in corso non capisco perché nessuno si sia ancora svegliato.
    sulla cessione di robinho non mi esprimo neanche, tanto più inutile dell’anno scorso non può diventare.

  4. Borgofosco

    Credo ci debba armare di molta pazienza ed attendere gli eventi. In questo momento tutto sembra cascarci addosso. La cosa più importante è capire se si pensa di riorganizzare anche lo staff dirigenziale. Chiarire le funzioni di tutti, se questo non è ancora stato stabilito da un nuovo ‘organigramma ufficiale, per poi far conoscere la programmazione che riporterà il Milan ad occupare le posizioni che gli competono sia a livello nazionale che internazionale.I giocatori rimasti a disposizione dello staff tecnico possono formare una buona/ottima squadra che, nella migliore delle ipotesi, potrà lottare per conquistare una posizione di classifica utile per giocare in CL. Vincere il t itolo sarà molto difficile ma non impossibile se Alexandre Pato dimostrerà finalmente il suo reale valore. Ora questo è quel che passa il convento! Stozzarsi per acquisire un cosiddetto top player sarebbe controproducente ed acuirebbe ancor più i contrasti che hanno condotto a questa ‘rivoluzione culturale’. Pazienza, attendiamo con fiducia le prime uscite della nuova squadra. Giudicheremo dopo che avremo constatato se i nuovi calciatori acquisiti non sono da Milan. Indispensabile è il sostituto di Ibra a meno che non si cambi radicalmente il modo di giocare.

  5. ma Silvio non voleva tornare in politica? non è che magari caccia qualche colpo come due anni fa?

  6. rossonerosempre 20 Luglio 2012 at 18:39

    Non ho parole per definire l’atteggiamento di Berlusconi. A questo punto ? meglio che se ne vada fuori dalle balle: dal Milan e dalla vita politica italiana!

    1. Diavolo1990

      Magari. Sarebbe un sogno.

Comments are closed.