10 aprile 1993, stadio San Siro, Milano, 27esima giornata. E’ la partita della stagione. Un Milan in evidente affanno, che aveva dominato il campionato fino a qualche settimana prima, ma che da qualche giornata pian piano stava perdendo inesorabilmente strada nei confronti dell’Inter, che aveva iniziato una cavalcata inarrestabile. Ricordo bene la tensione di quella partita, soprattutto per i milanisti, che nonostante la netta superiorità della squadra rossonera avevano la netta sensazione che l’Inter avrebbe vinto in quanto era più in forma.
Ma sono proprio queste le partite grazie alle quali Fabio Capello si è dimostrato il più grande allenatore del mondo. Don Fabio lascia fuori Savicevic e propone Papin (detto JPP) in attacco insieme a Gullit, confermando la difesa titolare ormai celebre in tutto il mondo (Tassotti-Baresi-Costacurta-Maldini).
L’Inter gioca meglio ma il risultato non si sblocca fino alla fine del primo tempo, quando Berti al minuto 44 raccoglie una punizione di Sosa e da pochi passi, di testa, infila la porta di Sebastiano Rossi.  Milanisti nel panico, il campionato sembra ufficialmente riaperto. Nel secondo tempo i rossoneri non riescono quasi mai a rendersi pericolosi, Papin delude e lascia il posto a Massaro, ma il risultato non cambia. All’83esimo, quando tutto sembrava perduto, arriva il gol-scudetto: lo firma Gullit, che con un perfetto diagonale non lascia scampo a Zenga e rimette a posto le cose.
Il risultato non cambierà più, e quel pareggio si dimostrerà poi decisivo per la conquista dello scudetto. Il Milan continuerà a perdere qualche punto (clamorosa la sconfitta contro la Juventus la settimana successiva), ma alla terz’ultima giornata arriverà un fondamentale pareggio a Cagliari che toglierà tutti i dubbi.

INTERNAZIONALE: Zenga, Bergomi, De Agostini, Berti, Paganin, Battistini, Orlando (55′ Taccola), Manicone, Schillaci, Shalimov, Sosa – All.: Bagnoli
MILAN: S. Rossi, Tassotti (27′ Nava), P. Maldini, Albertini, Costacurta, Baresi II, Lentini I, Rijkaard, Papin (63′ Massaro), Gullit, Eranio – All.: Capello
Reti: 44′ Berti, 83′ Gullit
Arbitro: Pairetto

Posted by elbonito