Il Milan rispetto allo scorso anno ha cambiato faccia tattica – grazie a Dio, aggiungo io. Non se ne poteva veramente più di quel gioco scarso, sterile, anti estetico dello scorso anno. Avessimo avuto una squadra normale lo scorso anno avremmo perso il campionato perché, giocando da provinciale, se non hai chi ti risolve le magagne con le giocate individuali dei campioni non vai da nessuna parte. Entriamo nel dettaglio dei punti di rottura rispetto allo scorso anno:

1) Movimento dei terzini: I terzini rispetto a prima non sono bloccati e partecipano attivamente alla costruzione del gioco. In fase di non possesso fanno pressing vicino alla linea di centrocampo, coperti, quando questo accade, dal movimento delle mezzali o dei mediani (a seconda di chi gioca) che scendono. In fase di possesso cercano soventemente il palleggio con i centrali e con i centrocampisti: questo permette abbastanza bene il controllo del pallone anche nelle zone esterne del campo. Da notare la differenza di movimenti fra il terzino destro e quello sinistro nelle proiezioni offensive. Abate difficilmente cerca il fondo esterno destro: più probabile cerchi il cross dalla trequarti o il taglio verso il vertice esterno dell’area piccola – quando questo avviene il mediano o la mezzala destra si allarga sensibilmente e copre la fascia. A sinistra invece il movimento del terzino rimane verticale lungo la fascia per dare supporto alla seconda punta di sinistra.

2) La partecipazione alla creazione del gioco dei centrali. A differenza dello scorso anno i centrali partecipano molto di più alla costruzione della manovra e l’ azione parte di più dalla nostra metà campo. Questo permette una manovra meno frenetica e più ragionata, oltre che un possesso di palla con un senso: serve infatti ad ottimizzare il movimento di terzini, seconde punte e mezzali.

3) I centrocampisti. Il rinunciare a giocare con i 3 mediani ha permesso prima di tutto una fluidità diversa in mezzo al campo e soprattutto un’organizzazione diversa del pressing. Più intelligente, basso, meno dispendioso e più efficiente nel favorire le ripartenze. Il modo di giocare cambia ovviamente a seconda dei giocatori che scendono in campo: con Aquilani e Nocerino come esterni del centrocampo a tre la squadra è equilibrata e risulta avere il giusto mix di caratteristiche: Nocerino non è proprio una mezzala e l’ impostazione passa più da Aquilani. Con Seedorf e Aquilani c’è squilibrio: c’è meno velocità e la linea del pressing si abbassa assieme alla posizione dei terzini anche se aumenta (o dovrebbe aumentare) la qualità del possesso.

4) La prima vera rivoluzione dallo scorso anno è costituita dalla regia. La regia della squadra non è a centrocampo ma in attacco con Ibraimovic e con Cassano prima e Robinho poi nelle vesti di rifinitori in zone diverse di campo. Sono loro che da posizione avanzata dettano l’ inserimento e il movimento dei compagni. Giochiamo senza una prima punta centrale vera ma con due seconde punte più il trequartista (che talvolta diventa attaccante esterno) che interagiscono per uno-due veloci con i quali possono mandare a rete i compagni.

5) La posizione di Ibrahimovic è più arretrata di una quindicina di metri e soprattutto più defilata. Questo evita l’intasamento degli spazi al centro e contribuisce a portare via l’ uomo per l’ inserimento dei compagni.

6) La seconda grande rivoluzione riguarda la posizione della seconda punta. Defilata sulla sinistra a sfruttare gli spazi nelle ripartenze, a raccogliere i cambi di gioco e a giocare con i compagni che s’inseriscono centralmente.

Sinteticamente il gioco del Milan ha guadagnato i sospirati 50-60 metri per dare fiato alla sua manovra che i più esperti avevano richiesto a gran voce lo scorso anno quando la manovra si concentrava in 15 metri. Con l’accantonamento della posizione della prima punta il gioco è diventato più orizzontale – nel senso che che viene sfruttata l’ ampiezza del campo per mandar a rete il compagno.

Questi cambiamenti a dire il vero non sono arrivati in maniera indelebile: in diverse partite abbiamo giocato da cani riproponendo alcune cose raccapriccianti viste per gran parte della scorsa stagione. Gli infortuni ci hanno dato una mano, soprattutto quello di Gattuso, senza il quale sarebbe stato difficile vedere Aquilani a destra e Nocerino a sinistra oltre a un pressing strutturato tanto intelligentemente per aprire gli spazi.

Sinteticamente la differenza il milan attuale e quello dei tre mediani sta nella maggiore qualità del palleggio e, soprattutto, nell’intelligenza del pressing: viene sempre congegnato per permettere ripartenze veloci. Riguardando i goal fatti in questa stagione se ne possono trovare diversi venuti a seguito di un pressing importante e diligente nelle giuste zone di campo per dare metri alle seconde punte. In particolare con Cassano la ripartenza prevedeva un contropiede più manovrato, mentre con Robinho abbiamo visto delle ripartenze veloci palla al piede con partenza larga a convergere al centro.

Il risultato di questi cambiamenti ha permesso di segnare con facilità tre-quattro goal a partita contro gli uno-due dello scorso anno, di ottimizzare meglio le risorse della rosa e di centrare – o quasi – il fatidico 100% di rendimento della rosa che non abbiamo quasi mai visto lo scorso anno. Finalmente sfruttiamo abbastanza bene il campo e siamo in grado di utilizzare le ripartenze. A livello difensivo, interessante il movimento delle mezzali che scendono a ridosso della nostra metà campo permettendo una certa facilità di diagonale e accentramento ai terzini.

Insomma, in poche parole, diamo l’ idea di essere allenati come un top club d’ europa e non come una provinciale.

Posted by La cantera

27 Comments

  1. Bel post ma non sono d’accordo su alcuni punti:
    1) Quando gioca Aquilani di fatto la regia è a centrocampo dato che Aquilani gioca nel ruolo che fu di Pirlo nella prima parte di stagione scorsa
    2) Ibrahimovic più che giocare in posizioen arretrata corre e si muove per tutta la partita cosa che lo scorso anno non faceva
    3) I centrali non mi sembra partecipino al gioco ma fanno una serie interminabile di passaggi tra loro quando non sanno che fare

  2. gran bel post DNA

    mi ha anticipato diavolino

    concordo con quanto espresso da Diavolino

  3. concordo anche io con diavolino e aggiungo che secondo me la tattica di quest’anno non differisce molto nella concezione da quella dell’anno scorso ma ne è solo una naturale evoluzione. Sono i giocatori che la sanno interpretare al meglio.

  4. Bella analisi DNA,la partita con il Barcellona sarà un bel banco di prova per la qualità del gioco.
    Credo che Allegri farà giocare Seedorf dato il valore dell’avversario e non so se è la scelta migliore. Di certo l’olandese spingerà per giocare.

    In ogni caso l’aspetto principale è la spinta dei terzini con il recupero dei centrocampisti. Il Barcellona è una squadra che va attaccata,non pressata che è diverso.

    Bisogna attaccare,attaccare,attaccare. Mancando Dani Alves gli mancherà una spinta importante sulla destra sia in fase di scarico che di costruzione del gioco offensivo. Pedro è fuori per infortunio e anche Sanchez è in dubbio,per cui è probabile che avanzeranno Iniesta facendo giocare Fabregas con Xavi e Busquets.
    Dietro è possibile che allargheranno Puyol al posto di Dani Alves riproponendo Mascherano centrale,una cosa da sfruttare a meno che non giochi Abidal in mezzo con Maxwell terzino che cmq spinge più che difendere.

    Può essere una partita molto spettacolare. Il Milan ha buone possibilità e ha gli uomini per fare male. All’andata il Milan non ha visto palla, ma ha trovato due gol in due episodi guarda caso all’inizio e alla fine trovando un Barcellona superarrogante e presuntuoso che cercava di entrare in porta con la palla con un 80% di inutile possesso palla. Se il Barcellona riproporrà quello stesso atteggiamento di arrogante superiorità fatto di uno sterile ed infinito possesso palla, potrebbe prenderle stavolta.

  5. Non è male questo post.

    Si può discutere sui dettagli, ma non è male.

    Unico vero appunto… Le cose che descrivi succedono, tra alti e bassi, già da Gennaio dell’anno scorso.

    Mi fa piacere che ora le abbia notate anche tu… 😛

    1. Uhm non sono d’accordo su questo. Almeno da gennaio dello scorso anno fino a fine stagione abbiamo preso la metà dei gol presi in questo inizio se non erro. Qualcosa deve essere cambiato

  6. Veramente se proprio si vuole essere pignoli siccedono a grandi linee dal derby di ritorno dopo la caziatona di Buffa.

    Prima si giocava in verticale su pochi metri anche senza Ibra. Le cose sono cambiate da quell’ intervento (perché la dirigenza ha evidentemente strigliato l’ allenatore) e hanno preso corpo durante le assenze di Ibra quando Abbiamo giocato con Pato, Robinho e Cassano. E’ in questa fase che Allegri ha scoperto il calcio. 🙂

    Aquilani al centro ci ha giocato 1-2 partite poi Van Bommel o Ambrosini.

    Sono felice di vederti qui camisa. Ehi Boldi. Senti mitico, rinnego, rodiota, rossonero e gli altri amici nel mbc se hanno voglia di capitare. Mi piacerebbe sentire il loro parere in merito.

    Diavolo hai seccato il forum della redazione?

    1. Lo sto riaprendo da un’altra parte. Vi faccio avere il link domani. Il plugin per renderlo privato ha qualche problema, e con le carogne che ci svolazzano qua sopra è meglio che sia sicuro che resti privato.

      1. Diavolino… Ti ringrazio per la stima in un precedente commento su DM… Ciò detto la definizione carogne è quantomeno fuori luogo… E non uso termini diversi per evitare litigi.

        1. Camisa
          Penso che semplicemente tu giudichi volta per volta cosa ci sia scritto e non chi lo scrive.

          Io non trovo altra definizione per chi per sei mesi è andato a spiare conversazioni che dovevano essere segrete.
          Perché è esattamente questa la situazione: da mesi c’è chi qua legge aspettando l’errore, la cazzata, quello che non gli va per riportarlo di là attaccando il sottoscritto facendolo passare per pirla.

  7. Bravo. Concordo

  8. Voglio estendere anche qui il mio appello:

    Comprate i titoli di stato Italiani. Danno ottimi rendimenti e permetteranno al vostro paese di reggere all’ urto. L’ Italia non salterà e se dovesse saltare ricordatevi che i soldi che avete in tasca non varranno nulla lo stesso. Quindi comprate i titoli di stato italiani e fatelo subito.Non avete nulla da perdere, solo da guadagnare. A breve lo Spread si dovrebbe abbassare e avrete perso l’ occasione di fare un affare oltre che aiutare il vostro paese.

  9. Lascio ancora mezza giornata domani questo post perché merita. Posterò alle 15

  10. Il termine è sbagliato anche perché comprende bravi utenti e sarebbe un grave errore generalizzare.

    Detto questo non mi ci soffermerei troppo sui dettagli delle parole spese. Sarebbero tante le cose su cui dover discutere. Anche troppe quindi meglio evitare

  11. buona sera agli squilibrati

    Diavolino quando vai dal dottore ti accompagno e mi faccio visitare

    lascia perdere il Forum della redazione , là in passato si scherzava fra di noi ed è finita come sappiamo , con copia incolla alla cazzo per inguaiare qualcuno

    per quanto riguarda il Barcellona

    non credo che commetteranno l’errore dell’andata , questa volta saranno tremendamente concreti
    l’occasione di vincere l’abbiamo sprecata a Barcellona

    1. Beh boldi uno strumento per organizzarmi mi serve a livello di sapere chi posta cosa

  12. Diavolo ha tutto per essere un grande manager. In un paese evoluto. Nel nostro troverà più difficoltà perché è un paese arretrato di 70 anni a livello manageriale.

    L’ idea del forum della redazione è di livello e denota tutta la capacità organizzativa di questo ragazzo.

    Il fatto che qualcuno si sia messo a copia incollare una simile cosa mostrando tutta la mancanza di rispetto dell’ idea e di diavolo è una cosa spregevole.

    diavolo non deve cambiare le sue abitudini organizzative. Al massimo deve scegliersi meglio le compagnie. Ma si sta evolvendo da questo punto di vista

  13. intanto l’altra sera mentre portavo a casa dopo l’allenamento di basket l’amico di mio figlio
    che abita nella via dopo ha comprato casa Thiago Silva , ho incontrato il nostro giocatore
    alla guida di una ferrari rossa , il modello non sono riuscito a capirlo perchè era molto buio. Siccome la strada è molto stretta abbiamo rischiato la collisione degli specchietti laterali delle auto .
    Sta a vedere che ho rischiato pure di dover pagare lo specchietto di una Ferrari
    ma quanto costa lo specchietto di una Ferrari ?

    ma per la partita di domani Allegri fa un mini turn over ?

    1. Ritieniti mooooooolto fortunato a non averlo strisciato!!!!!!! La 430 monta uno specchietto di circa 3000 euro!!!! 😆

      1. cazzo matto mi è andata bene allora

  14. meglio quello di Maldini

  15. Ricordo che il nuovo post esce alle 15

  16. ——-
    OT X DNA:

    ma con “attività (o passsività) finanziare detenute a scopo di tradin” si intende che sono state comprate per poi venderle/scambiarle sul mercato giusto?rientra anche la speculaizone tra i fini del trading?

  17. come vi avevo già detto un mesetto fa quando nessun giornale ne parlava

    su DE ROSSI si sta scatenando un’asta

    tutti lo vogliono sopratutto il City da quando si sono resi conto in ritardo che con la Roma molto probabilmente non rinnova

    cmq noi stiamo partecipando la nostra offerta è sui 7 mil annui , ma non è detto che riusciamo anche perchè si parla di proposte di ingaggio da 9 mil a salire da squadre straniere

    su queste cifre conviene prendere un giocatore di 29 anni con il contratto in scadenza quindi senza pagare il cartellino che nel suo ruolo è uno dei migliori al modo ?

Comments are closed.