Domenica 3 luglio 1977, stadio San Siro, Milano. E’ estate piena in Italia, e c’è un caldo da morire. Eppure il calcio non si è ancora fermato e presenta, come ultima partita di una stagione lunghissima, una finale di Coppa Italia emozionantissima: Milan e Inter si sfidano per riscattarsi dopo una stagione deludente soprattutto per i rossoneri, finiti nelle parti basse della classifica. Una stagione a dir poco assurda quella appena finita, con la Coppa nazionale iniziata nell’estate del 1976 e conclusasi con il derby appunto quasi un anno dopo, per non parlare del campionato, che comincia addirittura a ottobre.
Per l’occasione la Domenica Sportiva manda in onda una sintesi della gara, fatto eccezionale in quel periodo.

Inter subito pericolosa con Anastasi, che raccoglie da pochi passi un cross di Oriali ma mette clamorosamente alto. Nereo Rocco schiera la potente ma poco precisa punta Calloni in avanti, con Rivera che come al solito agisce a tutto campo, senza una collocazione ben precisa ma in grado di risolvere la gara in qualsiasi momento. Da segnalare l’infortunio quasi immediato subito dal rossonero Morini, che viene sostituito da Boldini, gregario che giocò tre anni nel Milan collezionando comunque 27 presenze e autore del 2-0 con il quale il Milan, in semifinale, riuscì a superare la Spal. Nel primo tempo non accade quasi nulla con il Milan che rimane chiuso dietro e prova a colpire i nerazzurri in contropiede, tanto che nell’intervallo tutti danno per scontato che si andrà ai tempi supplementari.

Invece nella ripresa succede quello che deve accadere quando nella tua squadra gioca uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi al mondo: al 64′ Gasparini commette un duro fallo da dietro ai danno di Calloni, l’arbitro fischia la punizione che Rivera si incarica di battere. Il destro del capitano rossonero è di quelli davvero magnifici che scavalcano tutta la retroguardia interista, Maldera è bravissimo a calciare al volo da pochi metri e battere il portiere. L’Inter proverà a buttarsi in avanti ma non riuscirà a fare nulla, mentre sono i rossoneri a trovare il raddoppio grazie a un perfetto contropiede grazie al quale Braglia, a un minuto dalla fine, riesce a firmare il due a zero che chiude definitamente i conti.

MILAN: Albertosi, Sabadini, Maldera, Morini (12′ Boldini), Bet, Turone, Bigon, Biasiolo, Calloni, Rivera, Braglia. All. Rocco
INTER: Bordon, Canuti (70′ Guida), Fedele, Oriali, Gasparini, Facchetti, Pavone, Merlo (76′ Grosselli), Anastasi, Mazzola, Marini. All. Chiappella
Arbitro: Gussoni
Reti: 64′ Maldera, 89′ Braglia

Posted by elbonito