Ormai credo siamo tutti d’accordo sul fatto che il Milan, quest’anno, abbia vinto lo scudetto soprattutto grazie a un assetto difensivo davvero ai limiti della perfezione. Una squadra che probabilmente non era neanche la più forte di tutte è riuscita a dominare il campionato per quasi tutta la stagione, credo sia la dimostrazione migliore del fatto che si vince sempre quando subisci pochi gol, non basta farne tanti.

Allegri, dopo un avvio di campionato in cui ha dovuto prima capire come funzionavano le cose e poi pian piano, ma inesorabilmente, ha rivoluzionato la squadra, ha fatto capire molto chiaramente a chi di dovere la sua linea di pensiero. Non è un caso che davanti alla difesa abbia preferito trattenere Van Bommel piuttosto che Pirlo, proprio perchè la sua idea di calcio prevede un centrocampo di giocatori che corrono e soprattutto lottano sempre e comunque.

Io sono d’accordissimo con la linea del mister rossonero, perchè un gioco offensivo come quello del Barcellona si può ottenere solo se hai quei 3-4 fuoriclasse che ti permettono di giocare in quel modo, e quel tipo di fuoriclasse o li crei tutti insieme in casa tua oppure comprarli non è davvero possibile farlo, perchè si spenderebbero una barca di soldi.

Io non credo che il Milan il prossimo anno potrà competere con le grandi d’Europa (ma rimango in attesa di possibili sorprese), ma di sicuro avremo la possibilità di ripeterci in Italia. E l’unico modo per fare bene nel nostro campionato è quello di avere un assetto difensivo come quello che i rossoneri hanno mostrato di avere in questa stagione.

E per far sì che ciò accada non basta avere grandi difensori. Thiago Silva e Nesta sono fondamentali, ci mancherebbe, così come è importante avere un ottimo portiere come lo è stato Abbiati quest’anno. Ma senza il filtro che ha garantito quest’anno il centrocampo non si va da nessuna parte.

L’era ancelottiana è davvero finita, ora si deve andare nella direzione di Max.

Posted by elbonito