C_3_Media_1786444_immagine_obigNon è bastata una vittoria, per la verità più di riffa che di raffa, col Celtic nella prima partita del girone di Champions League per risollevare il morale dei tanti tifosi milanisti demoralizzati dal gioco, se c’è n’è davvero uno, che la squadra sta esprimendo in questi giorni e dai tanti infortuni. A peggiorare se possibile la situazione si aggiunge anche il grande esordio di due ex rossoneri con le loro nuove maglie: Antonini col Genoa e Boateng con lo Schalke 04.

Il fatto stesso che si arrivi a rammaricarsi per aver venduto forse il giocatore che negli ultimi tempi più si era accaparrato gli strali della tifoseria rossonera, solo perchè in gol all’esordio nel derby con la Sampdoria, fa ben capire quanto al situazione attuale della rosa possa essere disastrosa. Senza De Sciglio e Abate la coppia di emergenza di esterni Zaccardo e Constant sta facendo sfracelli dimostrando poco o nulla nella fase difensiva e forse anche di peggio in quella offensiva.

Anche a causa dell’infortunio di Kakà ( che con un gesto toccante per chi conosce il sig. Bosco Leite ha deciso di non ricevere lo stipendio per il mese che passerà in infermeria) ci tocca a nostra malgrado dispiacerci anche per aver venduto il “pantagonnato”, giocatore che ormai riempiva più le pagine dei giornali di cronaca rosa che di quelli sportivi ma che sembra aver ritrovato nuova linfa in quel di Gelsenkirchen(anche se aspetterei il trasferimento in pianta stabile della Satta in Germania prima di esserne proprio certissimo). Anche per lui gol sia in campionato e in coppa, mentre da noi la sterilità offensiva è ormai di casa se si esclude il solo Balotelli, rimasto il solo a cantare e a portare la croce. L’acquisto di Matri, fortemente voluto da Allegri, non si è dimostrato ancora vincente e i due in coppia hanno dato dimostrazione di avere pochissimo feeling l’uno con l’altro. Probabilmente la situazione  migliorerà  da sola con qualche allenamento in più nelle gambe dell’ex bianconero anche perchè se così non fosse si dimostrerebbe un buco nell’acqua clamoroso per Allegri che ha scelto lui per sostituire l’infortunato Pazzini.

Non ci resta dunque che sperare che il periodo di magra passi il più velocemente possibile e nel frattempo turarci il naso approfittare anche di quelle vittorie che arrivano anche grazie alla dea bendata e ad un gioco non propriamente da spaccarsi la mascella.

Posted by Angelo Raffaele Torre

Responsabile dei LIVE ed editorialista. @RaffoTorre on Twitter