NEWS_1363536280_mil_v_pal_17_3_13Tutto come prima. Una giornata di campionato che non ha cambiato alcun equilibrio in vetta, a causa della vittoria di tutte le prime. Per noi era fondamentale vincere dopo la brutta sconfitta di Champions, e lo abbiamo fatto abbastanza agilmente, nonostante un pericoloso rilassamento ad inizio ripresa. Tre punti fondamentali, per riprendere coscienza dei propri mezzi e continuare a puntare al secondo posto, che fino ad una certa ora del pomeriggio avevamo anche raggiunto.

Ma andiamo con ordine. La gara di San Siro è stata sbloccata e chiusa da Mario Balotelli, sempre più leader e accentratore delle occasioni da goal dei rossoneri. Prima un rigore, naturalmente segnato con tanto di esultanza anche abbastanza inconsueta per lui, e poi una conclusione sotto misura facile facile. Nel segno di Super Mario quindi, e meno nel segno di El Shaarawy, che da quando è arrivato Balo ha come allentato la tensione sapendo che c’è qualcun altro al suo posto in grado di sbloccare le situazioni e togliere le castagne dal fuoco. Situazione delicata, che va gestita al meglio e in cui Allegri dovrà cimentarsi fin da subito, se non si vuole sprecare un talento come quello di Stephan. Contro il Palermo vi è stata poi l’ennesima conferma di De Sciglio a sinistra, giocatore puntuale e quasi sempre in grado di fare la giusta scelta. Su di lui, solo certezze da coltivare, sapendo che se ne parla forse poco solo perché è nel Milan e non nella seconda squadra di Torino; ma ormai ci siamo abituati anche a questo.

A dare conferme alla crescita dei rossoneri, sono arrivate le convocazioni in Nazionale, con i nostri giovanissimi chiamati a rapporto dal Ct Prandelli. Se per De sciglio è il giusto premio, per El Shaarawy potrebbe essere la giusta occasione per ritrovare un po’ di fiducia in se stesso e magari anche smentire chi in ogni modo cerca di convincerci della sua incompatibilità con Balotelli. Un toccasana, per lui, questa convocazione, e speriamo che lo sia anche in ottica Milan. Adesso quindi riposo per chi non è stato convocato e lavoro ulteriore per poter provare al rientro a cambiare ulteriormente la classifica e gli equilibri, e alla prossima giornata poter non dire “tutto come prima”.

Nicco

Posted by Nicco

Editorialista del blog. Responsabile degli approfondimenti sulla squadra immediatamente successivi alle gare italiane.