La serata di Gala a San Siro ha lasciato una sensazione di accresciuta sicurezza nei nostri mezzi, nonostante le mille difficoltà che stanno costellando la nostra stagione. Ad onor del vero, i miei pensieri, riguardo la formazione iniziale schierata da Allegri, si sono materializzati sui Social Network attraverso l’ampio uso di sane bestemmie; vedere il nome di Seedorf ai blocchi di partenza mi ha fatto andare in acido l’umore e non solo: era uno dei pochi che speravo di non vedere calcare il terreno di gioco.

Ma come, direte voi, come puoi anche solo immaginare di vedere questo Milan senza il suo giocatore più d’esperienza in campo! Grazie al suo contributo abbiamo retto moltissime folate offensive blaugrana e siamo ripartiti come dei tornado in avanti!

Cosa vi devo dire, non sono obiettivo con Clarence. Non lo voglio più vedere in questo Milan, non ce la faccio più: è un mio problema, ci sto lavorando, abbiate pazienza. Continuo ad essere certo che, con lui in campo, siamo pacificamente uno in meno, e giocare con il Barcellona in 10 contro 11, non mi sembra proprio un’idea geniale. Se al discorso di Seedorf affianchi un Robinho in condizione imbarazzante, si capisce che il gioco si fa duro sin dall’inizio. Bisogna però ammettere che, a livello tattico, Allegri ha saggiamente imbrigliato il gioco di Messi e compagnia nella parte centrale del campo, limitando al minimo il loro classico gioco, fatto di passaggi corti, decisi e precisi tra Iniesta, Xavi e Messi, i veri fautori del gioco spumeggiante catalano.

Il Pallone d’Oro in carica ha dato solo raramente dimostrazione delle sue immense doti tecniche, il lavoro di Mexes e compagnia ha limitato al massimo la pericolosità del suo sinistro velenoso: ancora una volta l’argentino è stato disinnescato alla grande dalle difese italiane, fatte da giocatori veri, non da burattini come in tutto il campionato spagnolo, ad esclusione di qualche giocatore del Real e del Barca stesso.

Nella partita di ritorno il gioco sarà completamente diverso: la spinta dei tifosi spagnoli sarà costante per 90 minuti, il campo non sarà un patatao, per dirla alla Dani Alves, e il Barcellona potrà contare probabilmente su un Adriano in più sulla sinistra: questo potrebbe permettere ai campioni del Mondo di spingere costantemente sia sulla destra che sulla fascia opposta.

Aumentando la spinta offensiva, però, diminuirà il controllo in fase difensiva, ed è li che Ibra e compagni dovranno sfruttare al 110% le occasioni che si presenteranno. La partita di ieri ha mostrato quello che, contro una squadra più forte, non dovrebbe mai accadere: sbagliare l’insbagliabile: il tiro di Ibra, ma molto di più l’occasione di Robinho, erano appuntamenti con la vittoria da non disertare.

Il ritorno, purtroppo, è già Martedì prossimo, troppo vicino per sperare che i rossoneri possano guadagnare chissà quale condizione, ma dobbiamo fare di necessità virtù: l’apporto alla manovra di Boateng, Aquilani e Abate è fondamentale e potrebbe veramente darci la possibilità di superare l’immenso scoglio del Camp Nou. Il Barcellona visto in campionato non ha nulla di marziano, né di imbattibile.

L’impresa è difficilissima e resa, se possibile, ancora più ardua dalla condizione dei nostri giocatori migliori, ma se riuscissimo a passare il turno, la via verso Monaco potrebbe diventare veramente tinta di rossonero. Sia il Chelsea che il Benfica sono avversari tranquillamente alla portata di un Milan anche in grossa difficoltà: primi in campionato e in corsa per la Champions contro un Barcellona a tutti gli effetti battibile, nonostante mezza squadra in tribuna e qualche anziano di troppo in campo: se questa di Allegri non è impresa, poco ci manca.

Posted by zeussemper

Editorialista rossonero e programmatore web

31 Comments

  1. tornando a cose serie per catania non convocati nesta e van bommel con mesbah e muntari squalificati! rientrano abate e merkel

  2. manca anche il professore o.O

  3. Grande Zeus, ti fa onore ammettere di non essere obiettivo. Sei un ottimo esempio per tanti che scrivono qui e soffrono dello stesso problema. 😉

    Domani perdiamo ma fottesega. Al campionato ci ripenso da settimana prossima, anzi da quella dopo ancora che la prossima faccio un sacco di feste e festini.

    1. Ma non avevi detto niente disfattismo?

      1. Disfattismo sarebbe dire domani perdiamo e la Juve vince che ansia perdiamo il campionato, ho paurissima.

        Io dico che perdiamo o comunque non vinciamo. Ma me ne sbatto il cazzo, il campionato lo vinciamo lo stesso e in questo momento la priorità e scrivere la Storia contro il Barcellona.

        1. …a Barcellona passiamo.

  4. Comunque proprio per dimostrare che sono obiettivo devo ammettere che il lavoro degli ultimi di Allegri sembra veramente discreto. Dopo i disastri di dicembre-gennaio-primidifebbraio ora sta gestendo benino questa fase delicata. Bravino Max!

  5. Tu l’ obbiettività non sai nemmeno dove sta di casa, come tutti gli ancelottari seedorfati convinti del resto. Però è apprezzabile l’ impegno che ci metti, soprattutto a spacciarti per quello che non sei.

    E si Allegri sta facendo molto bene ora. Meglio dei suoi standard

    Senti a Milano dovevamo vincere 2-1 (poi rettificato a 2-0) ed è finita 0 a 0 e bisogna pure ringraziare. A metà marzo dovevamo aver già vinto il 19′ scudetto e la Juve si è svegliata di colpo dal coma profondo in cui era caduta.

    Se la pianti di portare sfiga con le tue inutili esaltazioni nel tentativo di ripulirti forse qualcosa di buono compicciamo sul serio.

    Speriamo di recuperare Nesta per la partita di ritorno.

  6. Ps speriamo in un grande El Shaarawi a Barcellona. Stiamo ad aspettare i tuoi miti stiamo freschi.

    1. Ma speriamo in un grande Milan, invece di continuare con queste cazzo di schermaglie sceme sui singoli!

  7. “Sadyq non ho ancora capito quali sono le dichirazioni di Berlusconi davanti ai giornalisti…”

    Ma cosa vuoi dire?

  8. E sarà meglio schierare la miglior formazione possibile contro il Catania, che’ questo campionato non è ancora vinto e per nessuna ragione al mondo lo voglio lasciare a questi gobbi di merda!

    1. Ma cosa deve fare di più questa cazzo di squadra per meritarsi un po’ di cazzo di fiducia?

      Sono mesi che giochiamo con 7-8-10-14 giocatori fuori e ogni volta le preoccupazioni della vigilia vanno a farsi inculare beatamente.

      Ormai siamo ad aprile, la tempra della squadra è quella e non è modificabile: chi andrà in campo darà sempre il massimo. Poi si può vincere e perdere e la Juve può vincerle tutte (………) però questa squadra arriverà a fine campionato che avrà dato tutto nonostante i miliardi di infortuni.

      1. E guardatevi il calendario della Juve, cribbio!

    2. E allora? A perdere i punti ci vuole un attimo e, finchè non ho la certezza matematica, io non mi fido!
      Posso dirlo?

  9. Che non mi risulta che Berlusconi abbia parlato davanti alla stampa nel dopo-partita come invece dicevi tu. Poi magari me lo sono perso io…difficile, ma possibile.

    Per quanto mi riguarda a Barcellona possiamo anche passare (e passeremo) con gol di Pato…mi sta sul cazzo, ma non ci faccio le guerre di religione come DNA su Ibra o Babbeorosicat sul Professore…

    1. “……come invece dicevi tu…..”

      No, io non l’ho mai detto!
      Ho solo detto che non deve farlo, visto che gli piace tanto e, le sue critiche in un momento particolare, possono dare fastidio!
      Vai a rileggere i miei commenti!

  10. Quest’anno ho una fiducia smisurata nei ragazzi, daltronde con tutte le cose che ci sono capitate quest’anno, pur nella mediocrità di un Campionato come il nostro, siamo riusciti a sopravvivere con un cuore grande così… da tifoso personalmente in una stagione come questa, sono proprio fiero dei ragazzi.

    Plauso, ma anche no, a Zeus per il discorso della poca obbiettività… 😕

    1. Anch’io sono fiero dei nostri giocatori, ma non vuol dire che abbiamo gia vinto! Calma!

      Non ho mai conosciuto, in vita mia, un tifoso di calcio obiettivo! Zeus non è certo una mosca bianca ….. o forse lo è perchè lo ammette! Ma non mi sembra una cosa eccezionale!

      1. assolutamente Sad, non abbiamo ancora vinto un cazzo, ma sono fiero lo stesso…

        Volevo dire una cosa che non c’entra un cazzo, poi; sembra che il prof che ha curato FavaPato ad Atlanta sia veramente un drago nel suo campo… speriamo che almeno lui possa avergli tolto un po’ di merda da muscoli, cervello, e soprattutto, palle.

        1. Deve essere vero, perchè sembra che martedì sarà a disposizione di Allegri!

        2. martedi la decide Pato!

        3. Su assist di culone!

        4. no no il fegato di milanrosicat e affini non resisterebbe, già all’andata ha rischiato!

  11. Ma è già disponibile Pato? Credevo avesse finito la stagione.

    Non credo che segni Pato. Non so in che condizione sia ammesso che giochi sul serio.
    Io spero che Ibra ne faccia 2 a Barcellona. E lo ringrazio pure se ci fa vincere il campionato o se ci porta in finale.

    Non per questo lo considererò migliore di Pato o comincerò a sbavare per lui o a pensarlo al pari di quelli che io reputo veri campioni

  12. DNA

    Pato è già disponibile e guarito da 15 giorni

    ma hanno paura a farlo giocare sul manto erboso di San Siro visto che lì si fa sempre male

    come avevo già detto giovedì mattina

    è molto probabile che giochi titolare a Barcellona

  13. non mi interessa chi segna contro il Barcellona ,

    ma passare il turno sarebbe un’impresa MEMORABILE

    di quelle che si tramandano tra generazioni

    cominciano a destare preoccupazione le condizioni fisiche di Van Bommel , il mal di schiena purtroppo non passa e continuano a rimandare il suo rientro

  14. Premettendo che se fossi Allegri e facessi questa scelta verrei esonerato anche in caso di impresa (forse);a Barcellona schiererei in attacco: Boa-El Shaarawy-Pato.Con Maxi Lopez-Ibra a sostituire il Faraone o Pato nel secondo tempo.
    Così nei primi minuti,quando li devi cogliere ancora impreparati perché studiano la nostra manovra,usi giocatori che sfruttano gli spazi.Poi,in caso di buona riuscita (almeno un gol),metti Ibra o Maxi Lopez,che hanno possanza fisica e in caso di contropiede riescono a far salire la squadra senza perdere (il più delle volte) palla.Sarà che ho sognato che El Shaarawy martedì segnerà,ma io gli darei la sua chance,consapevole del fatto che già la sera stessa Silvio mi rescinderebbe il contratto in caso uscissimo.
    IO CI CREDO,VAMOS A GANAR.

    1. non male l’idea

      considerando che lo zingaro ed il brasiliano con il piede storto di solito nelle gare decisive in coppa non incidono

      ma Ibra in panchina farebbe a dir poco un gran casino

      ed Allegri non ha le palle per fare una mossa così azzardata

      1. Appunto per quello.Tanti hanno criticato Ibra dopo Arsenal e Barca,ma nessuno ha neanche minimamente pensato di tenerlo fuori.

        1. Forse perché nelle altre partite è stato più decisivo di tutti gli altri attaccanti messi insieme?
          La colpa di Ibra quando non rende non è sua, ma della gente che non gli corre intorno non permettendogli le sponde e gli scambi che lo rendono pericoloso.

Comments are closed.