Quest’anno tanti avversari l’avranno detto, qualcuno l’ha invece solo pensato, noi poveri cacciaviti l’abbiamo invece subìto.
Personalmente lo ritengo un anno sprecato per le ragioni ormai note.
I giocatori logori non sono stati adeguatamente sostituiti, Leonardo è stato prematuramente bruciato per la dabbenaggine di chi necessita di avere sempre i riflettori puntati addosso, ovviamente quando non brilla di luce propria, ma che sa tutto di tutti e di tutto.
Dalla ricetta segreta della Coca Cola alla composizione del kevlar, dal contenuto dei ravioli di Giovanni Rana al codice fiscale di Adriano Pappalardo. Un tuttologo fatto e finito.
Allegri, c’è il Milan. In pochi anni, da brusìo è diventato grido. Fastidioso, per chi è stato abituato a ben altri apprezzamenti. Mai, come quest’anno, la nostra guida ragliante è stata criticata. Gli si imputano, a ragione, tante mancanze. Inutile elencarle perché le conosciamo bene. Troppo bene, purtroppo.
Cosa ci serve l’abbiamo scritto in molti, ognuno ha messo online le proprie speranze, le delusioni e la rabbia per un immobilismo, improvviso nella nascita ma longevo nella durata, che non riusciamo a comprendere fino in fondo.
Serve chiarezza, unità d’intenti e condivisione obiettiva dei traguardi da raggiungere. Programmazione a breve/medio termine. Ricostruire quella credibilità perduta in manovre manageriali dissennate, in dichiarazioni e promesse mai mantenute, in balle spaziali sfornate a nastro.
Stiamo aspettando solo segnali chiari, concreti e confortanti.
Leggo che stanno valutando alcuni candidati alla guida tecnica. Con il prescelto occorrerà programmare, stavolta seriamente, la campagna acquisti e cessioni. Dai nomi in circolazione dipenderà il nostro futuro…sic!
Se il prescelto è in quei nomi e devo scegliere, allora ho scelto…..

Posted by Ghostrider2