mil aja

Mercoledì 11 dicembre, ore 20.45, San Siro. Sesta e ultima giornata dei gironi di Champions: la sfida da dentro o fuori del Milan 2013 è contro gli olandesi dell’Ajax.

Il doppio successo contro Celtic e Catania sembrava aver portato una ventata di ottimismo anche per i più scettici sulla stagione rossonera, poi è arrivata Livorno e tutto è tornato a prima della trasferta in Scozia. E, con la gara decisiva per il futuro in Champions alle porte, niente è scontato. Dopo l’1-1 dell’andata, a San Siro le cose in teoria dovrebbero andare meglio causa fattore campo, ma in Champions mai niente è scontato (vedasi 0-2 con l’Arsenal nel 2008). Buone notizie sembrano arrivare, però, dall’infermeria.

Subito convocato Emanuelson, che potrebbe anche scendere in campo, sarà del lotto anche Giampaolo Pazzini, punta non eccelsa tecnicamente, ma decisivo l’anno scorso con le sue 15 reti. Purtroppo è tornato anche il cocco di Allegri Muntari, che appena rientrato sarà subito titolare a scapito di Poli. Classico 4-3-3 per entrambe le squadre; l’Ajax di De Boer dovrebbe partire senza il goleador dell’andata Denswil, solo in panchina, ruolo che spetterà anche all’ex rossonero Bojan. La formazione rossonera dovrebbe essere: Abbiati; De Sciglio, Mexes, Zapata, Emanuelson (Constant); Montolivo, De Jong, Muntari; Kakà, El Shaarawy, Balotelli. Speculare lo schieramento dell’Ajax: Cillessen (Vermeer); Van Rhijn, Van der Hoorn, Moisander, Blind; Serero, Poulsen, Klassen; Schone, Hoesen, Fischer.

Tutte e tre le italiane saranno impegnate oggi: il rinvio di Galatasaray-Juve per neve ha modificato il calendario. Ai bianconeri serve un pari contro i giallorossi turchi, esattamente come al Milan; quasi impossibile il compito del Napoli, chiamato a sconfiggere con 3 gol di scarto l’Arsenal al San Paolo. Ieri sera hanno passato il turno il Bayer, che si piazza dietro al Manchester United nel gruppo A (Shakhtar in EL); l’Olympiacos che elimina il Benfica per gli scontri diretti, nel C, e nel D la coppia City-Bayern (terzo il Viktoria Plzen), con i tedeschi che mantengono il primo posto nonostante la sconfitta 2-3 all’Allianz. Stasera, oltre ai gironi delle italiane, sono impegnati anche l’E -con la sfida diretta da dentro o fuori Schalke-Basilea- e il G con la sfida a distanza Zenit-Porto. Grande notte di Champions, e speriamo che come l’anno scorso la visita presidenziale a Milanello (che portò bene alla squadra) sortisca lo stesso effetto.

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014

9 Comments

  1. Sono sicuro del passaggio del turno perchè ieri il Nostro Top Player ha visitato la squadra a Milanello.

  2. Anche se non mi convince quel tridente perchè il FaraCiccione sulla sinistra toglie spazio a Ricky che anche lui si trova più a suo agio sul centrosinistra.

    E tra il FaraCiccione e Riccardino la priorità va data senz’altro a Musica&Magia.

  3. Speriamo che ci buttano fuori altrimenti tocca sentire GLANDIANI ripetere tutto l’anno che siamo l’unica italiana in Champions.

    FORZA AJAX.

  4. A saperlo prima il Presidente Berlusconi si sarebbe risparmiato una visita a Milanello in mezzo a quelle teste di cazzo così facevamo pure noi la fine della Juventus (noi su un campo regolamentare, non su uno pulito solo in una certa metà……..) e GLANDIANI non aveva scuse.

  5. “Milanello in mezzo a quelle teste di cazzo”

    Allora c’eri anche tu!

  6. “Milanello in mezzo a quelle teste di cazzo”

    E comunque si sarà trovato a suo agio di certo, tra i suoi simili!

  7. Le persone presenti a Milanello, eccetto Kakà e De Sciglio, non sono nemmeno degne di sfilargli i preservativi, siamo seri.

  8. De Sciglio può sedersi a tavola con Lui ma dall’altro lato, Kakà può sedersi vicino a versarGli il vino.

  9. Certo, sono serissimo: ho forti dubbi dhe sia meglio anche solo di quello che fa le pulizie dei cessi degli spogliatoi di Milanello!

Comments are closed.