MSN599-405308-01-02-20130630-185219--630x365E alla fine concludiamo dove dovevamo essere – con un terzo posto che ci conferma, a fatica, sopra l’Uruguay e al di sotto di Brasile e Spagna che si giocheranno questa notte la finalissima (che seguiremo LIVE con @reostato). Contro la celeste il copione è stato esattamente quello della Spagna con un primo tempo giocato all’altezza dell’avversario che però non riusciamo a concludere in vantaggio grazie anche e soprattutto ad uno svarione difensivo di Chiellini che coprendo male la posizione smarca Cavani per un facile gol dell’1-1 in un primo tempo dove l’unica, altra, occasione azzurra è sui piedi di El Sharaawy che però si fa facilmente parare il tiro.

Nel secondo soffriamo invece terribilmente l’avversario con Diamanti che pesca il jolly (avesse segnato Pirlo ne parlerebbero per tre gare, minimo) a 15′ dalla fine per un nuovo vantaggio che dura, però, solamente i due minuti che consentono a Cavani di segnare nuovamente. I supplementari sono quindi una nuova sofferenza, con i nostri quasi impotenti a guardare gli uruguagi che – per fortuna – non sono gli spagnoli e pur mantenendo il pallino della gara creano solamente l’espulsione di Montolivo che si fa cacciare mettendo una pezza su un errore di Aquilani.

Per il resto le conferme sono le stesse che già sapevamo: in primis l’ennesima partita indecente di El Sharaawy negli ultimi sei mesi – e qualcuno ancora pensa se accettare o meno offerte da 40 milioni: questo non è e non può essere il nostro futuro, cediamolo al più presto e non ripetiamo l’errore di Pato. In secondo luogo la conferma che senza Balotelli non si segna su azione e che il nostro attaccante non può non essere il punto di riferimento della nazionale ai prossimi mondiali e consacra un De Sciglio (di cui si parlerà solo per il rigore sbagliato) lasciato troppo erroneamente in panchina da Allegri nel finale di stagione.

Ripartiamo da qua per il prossimo mondiale, sperando ci sia una nazionale con più merito e meno Juventini: Buffon è stato tecnicamente inadeguato per tutta la Confederations e tre rigori parati perché tirati male in una finalina non possono cambiare il giudizio già negativo. Bonucci e Chiellini si sono dimostrati ancora una volta dei mediocri, forti coi deboli in Italia solamente perché a loro tutto è concesso – Pirlo dopo una partita buona col Messico è sparito come sempre accade quando si gioca ad alti livelli. Si salva solo Giaccherini che ha azzeccato un paio di gare ma per il quale parlerei più di fortuna e stato di grazia che di abilità di un giocatore che non è nemmeno titolare: al mondiale occorrerà quindi ripartire dai ragazzi dell’Under 21 che possono dare a questa squadra la freschezza che manca.

Uruguay-Italia 4-5 d.c.r. (primo tempo 0-1, 2-2 al 90′)
MARCATORI: Astori (I) al 24′ p.t.; Cavani (U) al 13′ s.t., Diamanti (I) al 28′ s.t., Cavani (U) al 33′ s.t.
URUGUAY (4-3-3): Muslera; Maxi Pereira (dal 36′ s.t. Alvaro Pereira), Lugano, Godin, Caceres; Gargano, Arevalo Rios (dal 2′ s.t.s. Perez), C. Rodriguez (dall’11’ s.t. Gonzalez); Suarez, Cavani, Forlan. (Castillo, Silva, Aguirregaray, Coates, Scotti, Eguren, Hernandez, Lodeiro, Ramirez). C.t. Tabarez
ITALIA (4-3-3): Buffon; Maggio, Astori (dal 6′ p.t.s. Bonucci), Chiellini, De Sciglio; Candreva, De Rossi (dal 25′ s.t, Aquilani), Montolivo; Diamanti (dal 38′ s.t. Giaccherini), Gilardino, El Shaarawy. (Marchetti, Sirigu, Cerci, Giovinco). C.t. Prandelli
ARBITRO: Haimoudi (Algeria)
NOTE: spettatori 32mila circa. Espulso Montolivo per doppia ammonizione al 6′ s.t.s.. Ammoniti M. Pereira, Suarez, Chiellini. Recupero: 2’ p.t., 3’ s.t., 1’ p.t.s., 0’ s.t.s.
SEQUENZA RIGORI: Forlan (U) parato, Aquilani (I) gol, Cavani (U) gol, El Shaarawy (I) gol, Suarez (U) gol, De Sciglio (I) parato, Caceres (U) parato, Giaccherini (I) gol, Gargano (U) parato

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.