Balotelli esulta dopo il 2-1

Balotelli esulta dopo il 2-1

Arrivano dal piede di Balotelli i primi tre punti di questa Confederations Cup nella gara contro il Messico che, sulla carta, può essere quella decisiva per il passaggio al turno successivo visto che il Giappone, sulla carta, dovrebbe essere inferiore. La tattica del Messico è essenzialmente attenderci per colpirci in contropiede o – in alternativa – abbattere i nostri al limite dell’area di rigore (ed è proprio in una di queste occasioni che arriva il gol di Pirlo su una punizione che Corona, forse, aveva battezzato fuori). La partita dopo l’1-0 sembra quindi totalmente in discesa se non fosse che Barzagli, all’improvviso, si dimentica di giocare in nazionale e non per la Juventus facendo un fallaccio da rigore che nemmeno in seconda categoria.

Il pareggio del Messico è tanto inaspettato quanto immeritato e fa suonare più di qualche campanello d’allarme nella testa dei nostri che, nonostante il grande sforzo del primo tempo, si sono trovati sul risultato di parità: risultato che è durato fino a pochi minuti dalla fine quando Balotelli ha fatto il Balotelli, uscendo vincente in mezzo a tre difensori messicani e consegnandoci la vittoria nella gara inaugurale del girone nonostante la larga inferiorità numerica in campo data dallo schieramento dal 1′ di Marchisio e Giaccherini: il primo fuori ruolo – il secondo, addirittura, fuori luogo.

Il resto è sempre la solita fanfara mediatica che esalta il solito Pirlo – su cui nessuno mette in dubbio le qualità nel momento in cui gioca da fermo e non marcato se non fosse che il problema con lui sorge quando si gioca a ritmi alti (citofonare Milan, Inter, Spagna e Bayern Monaco) – e, addirittura, Giaccherini scelto da Sky nei due migliori in campo dell’Italia mentre i milanisti, non potendo godere di analogo trattamento mediatico, si godono l’ennesimo gol di Balotelli (uscito tra gli applausi di tutto lo stadio) ed una straordinaria prestazione di De Sciglio – titolare in una competizione con la nazionale a soli 21 anni e passato sotto un generale silenzio in considerazione del fatto che non gioca nella seconda squadra di Torino. Ora tra Mercoledì e Giovedì si va a giocarsi la qualificazione col Giappone per evitare sorprese col Brasile che già ci eliminò quattro anni fa dalla competizione con la certezza che, comunque, contro un Messico che sta rischiando di uscire dal mondiale per mano di Honduras ci vuole, forse, qualcosa di più.

MESSICO-ITALIA 1-2 (primo tempo 1-1)
MARCATORI: Pirlo (I) al 27’, Hernandez (M) al 34’ p.t.; Balotelli al 33’ s.t.
MESSICO (4-2-3-1): Corona; Flores, Rodriguez, Moreno, Salcido; Zavala (dal 39’ s.t. Jimenez), Torrado; Aquino (dall’8’ s.t. Mier), Dos Santos, Guardado; Hernandez. (Ochoa, Reyes, Molina, Barrera, Reyna, De Nigris, Meza, Herrera, Torres, Talavera). All. De la Torre.
ITALIA (4-3-2-1): Buffon; Abate, Barzagli, Chiellini, De Sciglio; De Rossi, Pirlo, Montolivo; Marchisio (dal 23’ s.t. Cerci), Giaccherini (dal 43’ s.t. Aquilani); Balotelli (dal 39’ s.t. Gilardino). (Sirigu, Marchetti, Maggio, Bonucci, Astori, Candreva, Diamanti, Giovinco, El Shaarawy, Gilardino). All. Prandelli.
ARBITRO: Osses (Cil).
NOTE: spettatori 74.000 circa. Ammoniti Barzagli, Moreno, Dos Santos, Balotelli, De Rossi. Recupero: 1’ p.t., 3’ s.t.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.