A distanza di qualche giorno dal derby, posso parlarne senza avere un magone fermo alla gola.
Ennesimi 2 punti persi, e soprattutto ennesimi punti persi a San Siro.
E questa volta, in un San Siro pieno, davvero pieno, ed una curva che questa volta ha davvero fatto il possibile.
Lo dico proprio perché c’ero: abbiamo cantato ed incitato i ragazzi sempre.
Anche dopo il gol subito…
Anche dopo la traversa di Stephan.
Devo ammettere che quella traversa mi ha fatto abbastanza incazzare.
Un traversa troppo importante.
Un gol sbagliato alla Niang contro il Barcellona, uno di quelli che (seppure con un peso diverso) hanno un’importanza che va oltre tutto e tutti.
Era Il gol, non un gol qualunque.
Ed ancora oggi, a rivedere quel video e quella traversa mi viene quasi da piangere per il nervoso.
Ero lì, sulle gradinate di San Siro pieno, lì che cantavo ed urlavo…
Mi sono fermata in un nano secondo vedendo Stephan solo davanti ad Handanovic, mi si è fermato il cuore, le gambe e le braccia.
Ho creduto davvero che fosse gol…
Poi la traversa, il nervoso, la delusione e l’inizio, di nuovo, dei cori a favore dei ragazzi.
Perché “noi siamo con voi” come ci avete chiesto.
Sempre.

Ed a proposito di quella traversa, ci vedo troppo accanimento a livello mediatico e mi dimostra ancora di più che, quando si deve sparlare di Milan e dei giocatori, si è tutti in prima linea senza alcun problema.
Mentre se si tratta di Juve, Inter o Roma tutti tacciono.
Vi porto due esempi con una piccola differenza.
Il primo è l’errore di Icardi, proprio nel derby: a pochi minuti dal fischio di inizio si è trovato a tu per tu contro Diego Lopez e con Muntari e Mexes che stavano recuperando.
Su di lui, non vedo davvero alcun link.
Alcuna immagine di sfottò, alcuna immagine di derisione su Facebook.
Eppure, anche quel gol sbagliato da Icardi, era un gol fatto.
Nonostante, ci tengo a sottolineare, che se nel caso di Stephan l’errore è del ragazzo, in quanto Handanovic da quella palla si sarebbe trovato letteralmente superato, ad Icardi si è opposto un ottimo Diego Lopez con un piede.
Ma anche qui, nessuna rilevanza.
Nessun link e nessun complimento.
Dite un po’ che quella parata la faceva Buffon, lo sapete già il finale giusto?
Bene, come dicevo, Icardi.
Nessuno che ne parla, tutti contro Stephan a livello mediatico e il resto è aria fritta.
Altro esempio, Vidal.
Il rigore, da buffone, tirato (e sbagliato) contro l’Olympikos.
Già prima di partire per tirarlo, era convinto di riuscire a fare gol, già esultava e invece si è preso una bella padella in faccia per la delusione.
E chi ne ha parlato?
Chi ha messo in copertina la faccia di Vidal?
Chi ha detto qualcosa sulla supponenza, o sulla arroganza di Vidal?
Nessuno.
E stiamo parlando di Champions, eh.
Tutto tace.

E’ quando si deve parlare di Milan, dei giocatori, e di società che tutti son pronti a sparare a zero le notizie pur di destabilizzare l’ambiente, di rovinare i giocatori (a livello mediatico) e pur di infangare la società o i giocatori che ne fanno parte.
Il resto della serie A, può fare quello che vuole.
Perin si ubriaca, e a parte una domanda a Gasperini, nessuno dice nulla.
Buffon scommette, due articoli e ciao a tutti.
Stessa cosa vale per Bonucci.
Poi Balotelli va in discoteca e viene messo nelle prime pagine di giornale con le solite frasi provocatorie, lo fa Vidal e non se ne parla, mai.
El Shaarawy sbaglia un gol fatto, e nascono immagini, link e sfottò su internet dei più disparati, lo sbaglia Vidal (rigore o meno, era un gol) o Icardi e poco importa.
Una piccola menzione in fondo, e tutti sono felici.
Come quelle clausole nei contratti che nessuno legge perché scritte in basso, scritte fitte, scritte in un carattere che può essere paragonato ad un -12 e scritte con parole che nemmeno Leopardi nell’800 riusciva a comprendere.
Due pesi e due misure, cosa che mai ho intenzione di accettare e fino a che posso, scriverò fino alla morte su questo argomento, a costo di sembrare ridondante e palesa.

La mia domanda è: ma voi da tutto ciò ci ricavate qualcosa?
Siete felici?
Vi pagano il triplo per dire cose a caso contro il Milan?
L’ultima è il flirt tra Barbara e Inzaghi: invece di #weareacmilan, noi dovremmo usare come hashtag #inventiamouncasoacasocontroilMilan.
Direi che ci è più che azzeccato.
Chi sarà domani sulle prime pagine dei giornali?
Apro un toto scommesse, a voi la scelta.

Intanto #ForzaMilan.

MargheritAxen

Posted by MargheritAxen