Disordine. Nonostante si parli tanto di Entusiasmo, questa è la parola che meglio rappresenta la condizione attuale del Milan.

Disordine mentale, perché nessuno sa cosa fare con il pallone tra i piedi; disordine tattico, perché ci muoviamo poco e ci muoviamo male. Il Milan che ho visto a San Siro contro la Fiorentina ha giocato a non far giocare l’avversario, idem i Viola; il Milan sceso in campo contro il Cagliari, invece, ha giocato a non giocare e basta. Il problema è molto semplice: non tiriamo. Creiamo poco, tiriamo ancora meno; fortunatamente, il cross di Bonaventura rientra in questo fortunatamente, quel poco che creiamo siamo bravi a concretizzarlo. Ma se crei 2 e realizzi 1, non basta a vincere le partite, almeno non tutte, perché l’avversario può creare 5 e realizzare 2. Il Milan ha, statisticamente, il miglior attacco del campionato: ma 8 gol li abbiamo fatti in sole due partite, contro Lazio e Parma a stagione appena iniziata. Un metro di paragone debole, considerando la situazione attuale: la nostra mole di gioco nella metà campo avversaria è molto bassa. Vero, giochiamo spesso di rimessa, ma ultimamente non ci stanno riuscendo bene nemmeno le ripartenze; gli ultimi due gol sono arrivati su calcio d’angolo, De Jong, e su un cross fortuito, Bonaventura.

Giocare a non giocare, alla lunga, non paga: Allegri docet. E non è solo questione di mancanza di qualità: i giocatori non sanno cosa fare, si va sulle fasce e via, giù a pregare. Ho detto che avrei giudicato Inzaghi dopo una stagione intera, come sempre ho fatto con tutti i precedenti allenatori del Milan; ma qualche dubbio, alla luce dell’intera preparazione estiva e di due mesi di campionato trascorsi, non può non venire. La squadra non è completa, ok, ma il disordine in campo non è giustificabile con la mancanza di qualità: cosa dovrebbero fare altrimenti Cagliari e Sampdoria, che pur non avendo giocatori di alto livello qualitativo hanno identità e stile di gioco? Non mi esprimo sul dualismo Lopez-Abbiati, che non dovrebbe esistere, mi esprimo su Torres, eccome: il miglior nome da stampare sopra la maglia numero 9 in circolazione, il più inutile, immobile, inguardabile centravanti che il Milan potesse acquistare. Come si dice “scaldabagno” in spagnolo? E “comodino”?

Per chiudere: il disordine non è per forza una cosa cattiva: Boris Arkadiev, sul disordine, aveva costruito la leggenda della Dinamo Mosca. Quel disordine, però, Arkadiev lo aveva organizzato. Non voglio farla suonare come una bocciatura, ma Inzaghi può davvero riuscire a mettere ordine in questo Milan?

Posted by Giangi_Ceresara

Classe '93, studente di Linguaggi dei Media in Cattolica, è redattore del blog da quasi un anno. Il Milan è la passione di una vita, nel bene e nel male rossonero per sempre.

3 Comments

  1. Ho seguito i passi di Inzaghi come allenatore delle giovanili e talvolta non era affatto in sintonia con le sue scelte. Vincere il Viareggio è stato un expolit che era sfuggito l’anno prima a Dolcetti. Poi però una Primavera molto forte non è approdata neppure alle final eight(cosa riuscita a Dolcetti l’anno prima). Inzaghi è un grande motivatore e ci mette veramente tanto entusiasmo. Ma come allenatore deve crescere molto. Ho la sensazione che sia un po fissato nell’applicazione del modulo 4-3-3. Inzaghi difficilmente cambia parere sul modulo di giuco. Il calcio moderno che si gioca nel resto d’Europa difficilmente si focalizza sull’applicazione paranoica di un unico sistema di giuco. Il portiere è ormai ovunque il libero aggiunto sul modello di Manuel Neuer. Ecco la prima contraddizione che imputo a Pippo e non è questione di antipatia nei confronti di Christian Abbiati. Ci vuole elasticità mentale così come ha dimostrato Zednek Zeman che fa giocate, alla Neuer, un ragazzo di ventanni: Cragno. Il Cagliari non ha un centravanti di ruolo(Sau è un falso nueve) ma gli gli attaccanti esterni si inseriscono benissimo sfruttando i tagli verticali che molti giocatori, dai piedi buoni, sono in grado di fare. Ieri sera Conti e Crisetig sembravano Bellini e Orlando del Brasile 1958. Inzaghi aveva cominciato benissimo. Il falso nueve mi era parsa una idea geniale. Honda ed El Shaarawy/Bonaventura si inserivano dall’esterno. I due terzini soprattutto Abate si sovrapponeva in continuazione all’esterno offensivo. I gol fioccavano. E’ vero ne prendavamo tanti ma la fase difensiva era da sistemare e nel centrocampo è sempre mancato il fulcro del giuoco(Montolivo?). Ora Pippo si è un po’ perso e non capisco perché. Un centravanti vecchia maniera necessita di moduli di giuoco diversi dal modo di giocare descritto. Avanzare la pretesa d’avere sempre in area un centravanti è modo vecchio e superato di concepire il calcio(forse aveva ed ha ragione Balotelli?) Pippo deve avere il coraggio di scegliere e dire se ha gli uomini a disposizione per attuare un giuoco moderno. Certo mi lascia perplesso quando tra un portiere moderno che sa giocare con i piedi e che sta stabilmente fuori dalla porta(non avremmo preso il gol a Cagliari in questo modo d’interpretare calcio)sceglie un bravissimo portiere al quale però non gli si può chiedere di cambiare la carta d’identità e tanto meno di giocare così come ha fatto a Cagliari quel ragazzo di ventanni voluto da Zednek Zeman. Ecco spiegato perché mi è parso che il Cagliari abbia impartito una lezione di calcio al Milan.

  2. D’accordo ,tranne che sul falso nove ( ma perche’ uno come te
    scrive nueve….?) . Torres e’ il migliore dei nostri attaccanti . Tu
    puoi ricordare Sormani . In questo momento il jolly deve essere il
    presuntuoso e maleducato Faraoncino . Per il suo bene . Insisto sul modulo alterativo anche io . E consiglio il 3/5/2 .

  3. Come si dice “scaldabagno” in spagnolo? E “comodino”?

    Se vuoi ti dico come si dice cesso di giocatore strafinito ma iperpagato, comprato da un pelato bastardo marchettaro ignorante di calcio proprietario di un allenatore fantoccio leccaculo arrivista.

Comments are closed.