1101903-17472318-640-360La settimana di Champions si è configurata come negativa per le formazioni italiane. Oltre al pareggio in extremis del Milan, infatti, le squadre del Bel Paese hanno portato a casa la sconfitta del Napoli a Londra contro l’Arsenal e il rocambolesco pareggio della Juve contro il Galatasaray. Gli uomini di Benitez (ora secondi insieme al Dortmund dietro ai londinesi), ben lontani dalla compagine che aveva portato a casa i tre punti contro il Borussia (e inoltre privi di Higuain), hanno dovuto soccombere sotto i colpi, nel primo quarto d’ora di partita, di Giroud e un ritrovato Ozil – che molti a Madrid già rimpiangono; la squadra di Conte, invece, dopo aver trascorso buona parte della partita in svantaggio contro i turchi di Roberto Mancini grazie al gol di Drogba, ha ribaltato il risultato grazie a un rigore di Vidal (ci stava, ma va ringraziata la clamorosa ingenuità del difensore turco) e a Quagliarella, per poi vedersi beffata all’89° da una rete di Umut Bulut. Juve che esce con le ossa rotte, più che sul piano della classifica (dove è seconda dietro al Real Madrid ancora vincitore per 4-0 sul campo del Copenhagen, grazie a un Wiland lontano parente di quello visto due settimane fa), su quello fisico, con Lichtsteiner e Vucinic usciti malconci.

Se nel nostro girone il Barça ha liquidato non troppo agevolmente (1-0 in 11 contro 10, con rete di Fabregas) la pratica Celtic, negli altri gironi di Champions le vere sorprese arrivano dalle squadre di Manchester. Mentre lo United ha pareggiato soffrendo contro lo Shakhtar, facendosi rimontare da Taison il vantaggio iniziale di Welbeck, il City ha perso 1-3 al City of Manchester contro il Bayern Monaco di Guardiola, autore per i primi 70 minuti (nei quali i Citizens non sono proprio entrati in campo) di una vera e propria lezione di calcio. Perché quelli da battere sono ancora loro, più di Barça e Real. Il City si fa raggiungere al secondo posto dal CSKA Mosca, vittorioso per 3-2 in sofferenza contro il Viktoria Plzen, mentre United e Shakhtar continuano la loro marcia appaiata, avvicinati dal Bayer Leverkusen che ha sconfitto in casa il Real Sociedad grazie ad una splendida rete di Hegeler in zona Cesarini.

Per quanto riguarda i rimanenti gruppi, nel girone C il PSG ha sconfitto agevolmente per 3-0 il Benfica (doppietta di Ibrahimovic e gol di Marquinhos), mentre a Bruxelles si è assistito ad una sorprendente vittoria dell’Olympiakos contro i padroni di casa dell’Anderlecht, che per lunghi tratti avevano dominato la partita, senza perciò meritare l’impietoso 3-0 finale. Nel gruppo E non sembrano fare fatica nemmeno in trasferta lo Schalke (vincitore 1-0 a Basilea grazie a Draxler) e il Chelsea (perentorio 4-0 sul campo della Steaua Bucarest), mentre il gruppo G vede la prosecuzione, con il 2-1 sul Porto firmato Godin e Arda Turan, dell’incredibile striscia positiva dell’Atletico Madrid.

Posted by bari2020

Vice-direttore del blog. Responsabile dei Post-partita del Milan e della Nazionale e della rubrica di approfondimento sulla Champions League: attivo sul blog da Gennaio 2010.