https://i2.wp.com/it.uefa.com/ml/images/ucl/interim/header.jpg?resize=711%2C41

CSKA Mosca – Inter 0-1


Decide Snejider. Ma non chiamatela Impresa. Il CSKA ha dimostrato anche in questa partita che basta un po’ di fortuna per arrivare nei quarti. Una squadra impresentabile, che non è riuscita mai a imporre il proprio gioco, giocando a ritmi bassi e spedendo l’Inter a nozze. Ce l’avevano pompata all’inverosimile, ci avevano persino fatto passare il giapponesino Honda come un fenomeno senza farci notare che le punizioni tutte in tribuna le so tirare anche io. Inter che riesce a fare il compitino, il proprio dovere niente di più. Non chiamatela impresa. A meno che non sia considerata tale tornare in semifinale dopo 7 anni di astinenza

Barcellona – Arsenal 4-1


Come all’andata per ritmo e qualità di gioco si conferma tutta un’altra partita rispetto a quella della seconda squadra di Milano. Si era illusa l’Arsenal con Bentder. Si era illusa di poter battere un Barça senza Puyol, Piqué, Iniesta ed Ibrahimovich. Sono bastati i soliti due marziani Xavi e Messi. In particolare il secondo che ne ha messi quattro, entrando in quella stretta elité di grandissimi campioni (a parte Simone Inzaghi) ad aver segnato 4 gol in una gara di Champions League. Barcellona in semifinale come da pronostico e favoritissima per la vittoria finale. Come li fermi questi? Temo per le incolumità delle loro caviglie in semifinale.

Bordeaux – Lione 1-0


Ce la fa. Per la prima volta nella sua storia il Lione passa i quarti di finale eliminando i campioni di Francia in carica. Partita non bellissima ma che il Lione riesce a portare a casa attaccando nel primo tempo e riuscendo a contenere il passivo nel secondo. Partita che a un tratto si è anche rivelata nervosa (graziato due volte Cissocho) ma che alla fine regala al Lione la possibilità consistente di andare a Madrid. E attenzione a Lisandro Lopez. L’anno prossimo lo troveremo in qualche big europea ‘furba’.

Manchester United – Bayern Monaco 3-2

Era forse la partita più interessante dei quarti. E l’ha spuntata il Bayern. Anzi l’ha spuntata ancora una volta Robben, come a Firenze, con un suo grandissimo gol (a proposito, Bitcha insignito del premio Massimo Mauro 2010). Sembrava dovesse fare peggio di noi il Bayern, sotto 3-0 al 40′. La differenza tra noi e i tedeschi però è che come noi loro non hanno mai mollato ma senza stravolgere la loro formazione. Come invece ha fatto Ferguson. E’ vero, Rooney non era al 100%, ma tirandolo fuori è stato dato il pallino della partita al Bayern. L’espulsione di Rafael ha fatto il resto. Lo United non veniva eliminato ad Old Trafford dal 2003/04. E di solito chi lo batte alza la coppa. E pensare che a Novembre questo Bayern era una squadra considerata in crisi… ora ha la grande occasione. Col Lione sono 50%-50%.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.