https://i2.wp.com/2.bp.blogspot.com/_sn8H5PfkpdM/TI8XOF-k-FI/AAAAAAAAADs/lt2pH7zQjn8/s1600/champions-league.jpg?resize=239%2C150Le milanesi ci sono. La Roma, di fatto, anche. Insieme a loro altre 10 squadre. Ma è la settimana del ritorno del Barça, vincente, dopo quasi un anno, in trasferta in Europa, del Real che si conferma. Ma andiamo nel dettaglio, stavolta girone per girone.

Girone A – E’ grande Tottenham. In casa 9 punti su 9, 10 gol fatti e due soli subiti. Non ha la continuità per il campionato ma può essere la sorpresa tra le prime quattro di coppa. Si qualifica anche l’Inter, con una partita ostica contro un avversario facile risolta con molta fortuna da Cambiasso. Inter che comunque si conferma lontanissima parente di quella del 2010 anche se er valutarla non ha avuto test probanti causa la facilità del gruppo. Ultimo Turno: Il Tottenham vince il girone se fa almeno lo stesso risultato dell’Inter. Twente in Europa League.

Girone B – La prima gufata di Inzaghi va a segno. Raul a secco, doppietta di Huntelaar (19 gol in stagione, meglio di Ibra e Cristiano Ronaldo). Schalke che batte il Lione 3-0 e rende il girone B come quello da cui chiunque vorrebbe pescare la propria avversaria negli ottavi di finale. Benfica travolto a Tel Aviv, in piena crisi, con contestazioni all’allenatore (di recente sconfitti 6-0 dal Porto) fuori per lo scontro diretto a sfavore nei confronti del Lione. Ultimo Turno: Lione primo se vince e lo Schalke 04 perde. Hapoel in Europa League se vince e perde il Benfica.

Girone C – Il fortino dei Rangers ha retto per 175′. Poi Rooney lo sfonda su calcio di rigore. E’ il gol che manda lo United verso un probabile primo posto nel girone a meno di suicidi nel big match del prossimo turno ad Old Trafford. Manchester qualificato insieme al Valencia che non ha avuto problemi ad asfaltare il Bursarspor che dopo aver subito 15 gol in 5 gare di Champions League è riuscito a mettere a segno il suo primo. Attenzione allo United. Non ha ancora subito gol in questa Champions. Non ha i  grandi nomi ma Ferguson è sempre da tenere d’occhio. Ultimo Turno: Valencia primo per lo scontro diretto se vince ad Old Trafford con qualsiasi risultato. Rangers in Europa League, Bursaspor eliminato.

Girone D – Guardatevi il terzo gol del Barça e capite perché loro sono ancora i favoriti. Un’azione tutta di prima, da Playstation con il solito Messi che insacca. Il Pana è poca cosa e si vede. Resta il fatto che il Barça anche senza Eto’o, anche senza Ibrahimovic è la squadra da battere. Nel pomeriggio invece il Rubin Kazan si da una piccola speranza di passaggio del turno battendo il Copenaghen in una gara che non verrà ricordata per la sua spettacolarità. Ma difficilmente leveranno il sogno degli ottavi al calcio danese. Ultimo Turno: Barcellona primo. Rubin Kazan qualificato come secondo se vince al Camp Nou e non vince il Copenaghen o se pareggia e il Copenaghen perde in casa. Panathinaikos quarto.

Girone E – Sussulto Roma. Battuta in casa una grande (anche se effettivamente viste le situazioni attuali delle due finaliste 2010 l’ultima finale di Champions come livello si colloca appena un gradino sopra Porto – Monaco). Roma che si trasforma dopo un disastroso primo tempo. Gran gol di Borriello da terra. Qualcuno mi spiega perché l’abbiamo venduto? Il Basilea batte il Cluj qualificandosi almeno per l’Europa League. Ultimo Turno: Bayern primo. Roma qualificata se vince, pareggia, o perde e il Basilea non vince a Monaco. Cluj quarto in ogni caso.

Girone F – 5 su 5. Insieme al primato della premier Ancelotti lancia il Chelsea ‘capolista’ della Champions League. Il girone facile ha fatto il suo, ma era una vittoria che serviva per scacciare i fantasmi della crisi dopo Birmingham e Sunderland. Girone che si è già chiuso con il Marsiglia che vince 3-0 a Mosca, vendica l’andata e condanna i russi all’Europa League. Chelsea tra le teste di serie quella che farà meno rumore. Ma, chi la preferirebbe al posto di Barça e Real Madrid?  Ultimo Turno: Chelsea primo, Marsiglia secondo, Spartak Mosca terzo e Zilina quarto in ogni caso.

Girone G – Il girone di ferro, quello delle 20 coppe dei campioni si chiude nella maniera più prevedibile. Lo vince il Real che dimostra di essere la grande favorita di questa coppa. Lo vince espugnando per 4 a 0 l’Amsterdam Arena. Noi ci accontentiamo del secondo posto. Pesano il passivo di Madrid, il gol incassato da Pedro Leon ma anche il pareggio proprio in terra Olandese. Troppe. Con qualsiasi altra squadra della seconda fascia il primo posto sarebbe stato alla nostra portata. Ultimo Turno: Real Madrid primo, Milan secondo, Auxerre in Europa League se vince a Madrid e l’Ajax non vince a Milano o pareggia e l’Ajax perde.

Girone H – Dulcis in fundo il girone più incerto. O meglio, certa l’eliminazione del Partizan (grazie Platini, mai viste così tante squadre chiudere a zero punti) il resto è tutto in gioco. In gioco grazie alla bella vittoria del Braga sull’Arsenal, Braga che si è ritrovato troppo tardi e ora dovrà fare l’impresa in terra Ucraina per passare. Ultimo Turno: Shaktar qualificato come primo se pareggia o vince in casa con il Braga. Qualificato come secondo se perde con un gol di scarto e l’Arsenal vince con qualsiasi risultato o perde con due gol di scarto e l’Arsenal non vince (primo Braga). Partizan quarto.

Power Ranking: ecco la mia visione in una personale classifica delle squadre per la vittoria finale 1) Real Madrid 2) Barcellona 3) Chelsea 4) Manchester United 5)Milan 6) Arsenal 7) Bayern Monaco 8) Tottenham 9) Roma 10) Inter 11) Schalke 04 12) Lione 13) Valencia 14) Marsiglia 15) Shakthar 16) Rubin o Copenaghen.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.