Orripilante il modo in cui la squadra viene trattata. Nemmeno le squadre che veleggiano verso il fallimento (almeno, magra consolazione, noi non siamo in questa situazione) hanno un presidente per cui l’unico modo di interessarsi alla società è con battutine e simili.

L’ultima del barzellettiere #1 d’Italia: ad una cena di gala, dovendosi confrontare con dei milanisti, ha detto: “Nel Milan ci ho messo 427 milioni in sette anni, tutti di tasca mia. Poi ho visto il bilancio e sono svenuto”. Ultima novità insieme alla solita tiritera del “presidente che ha vinto più di tutti”, a cui oramai non crederebbe nemmeno un infante. Il Milan gli è servito ad arrivare dove è ora, ad arricchirsi, e a regalarci molti sogni. Ora lo venda, o qua finiamo come la Pro Vercelli: cullandoci sui successi passati, si arriva fino in C2.

Purtroppo per il Cavaliere,  i tifosi non sono solo quelli che comprano le magliette del primo vecchio a fine carriera che passa per Milanello a smaltire un po’ di ciccia o che si fanno regalare l’abbonamento per stare un po’ più quieti: sono quelli che contestano, che vanno davanti a Via Turati, che si fanno le notti per andare a seguire la squadra e che si sentono come defraudati, privati del proprio unico amore. Non conta niente la donna, il cane, il lavoro: il Milan è al primo posto. E non lo si vuole vedere scendere nel baratro.

Uno dei più grandi fuoriclasse di sempre, che ancora (sperando che quella panza vista sulle spiagge brasiliane non sia del tutto vera) può dare molto al Milan, è in procinto di essere venduto. Ai Galaxy. Uno spreco di talento. Lo seguirebbe via da Milano Huntelaar – altro errore – che potrebbe diventare una contropartita. Finché si prende Podolski, può pure andare bene. Ma se il nome su cui si fanno trattative è quello di questi giorni – Ibra – stiamo freschi. Si rischia di non arrivare in zona EL. Intanto sembrerebbe che Dzeko voglia ancora il Milan – coi giocatori che vorrebbero vestire rossonero (ma da quell’orecchio Via Turati non ci sente) si potrebbe allestire una squadra scudetto.

Si conclude con una lieve, buona notizia: almeno secondo Sportitalia (ma spesso ci hanno preso), sarebbe fatto l’accordo per Papastathopoulos: gran difensore, a mio parere. Ma 7 milioni per il diritto di riscatto (che almeno ci salva in caso di possibile stagione da bidone), sono troppi, e non penso si possa limare molto mettendo Oddo (Jankulovsi ce lo dovremo tenere un altro anno) come contropartita. Ma Braida (grande ritorno di quest’estate) “Nulla di concreto”. Come sempre.

Posted by bari2020

Vice-direttore del blog. Responsabile dei Post-partita del Milan e della Nazionale e della rubrica di approfondimento sulla Champions League: attivo sul blog da Gennaio 2010.