Dopo due sconfitte il Milan è nuovamente in campo per il campionato, arrivato alla decima giornata. Avversaria la Sampdoria, sorprendentemente quinta.

La classifica non è ancora veritiera, per fortuna: è l’unico dato buono in un inizio di campionato da 12 punti in otto gare, dove all’euforia per la vittoria con la Roma hanno fatto seguito diversi scivoloni, come nel derby e contro il Betis. Le due partite in meno che dovrebbero raddrizzare, parzialmente, il corso sono entrambe in casa con le genovesi; oggi, e il recupero di mercoledì con il Genoa. I blucerchiati di mister Giampaolo hanno uno dei migliori attacchi “emergenti”, Defrel-Zapata (anche se il colombiano non si può più definire un giovane talento), oltre agli “eterni” Quagliarella e Barreto e alla nuova guardia dei vari Praet, Linetty, Saponara e Tonelli.

In pratica, tra recuperi e Europa League, si giocherà ogni tre giorni ancora fino a metà novembre. Si parla di un cambio deciso di modulo, con passaggio al 4-4-2 per Gattuso. G. Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Suso, Biglia, Bonaventura, Laxalt; Higuain, Cutrone. Ci sono Kessié e Calhanoglu, dati in bilico, e rientra nei 24 convocati anche Conti. 4-3-1-2 per la Samp con: Audero; Bereszynski, Tonelli, Andersen, Murru; Praet, Ekdal, Linetty; Ramirez (Saponara); Quagliarella, Defrel. Arbitro della partita Maresca di Napoli, con al Var il duo Orsato-Meli. Pericolo rinvio per maltempo per Genoa-Udinese, segnalata anche Lazio-Inter di stasera; si è giocata ieri, invece, Torino-Fiorentina terminata 1-1.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014