Dopo il pari dell’andata, serve almeno un 2-2 (o una vittoria) all’Italia per raddrizzare la situazione a Chorzow nella fase a gironi di Nations League, lega A.

La prima uscita ufficiale della nazionale di Mancini, nel sistema di soste tanto amato dai tifosi italiani e non, vide un 1-1 con il pareggio di Jorginho su rigore al vantaggio polacco di Zielinski. Il successo di giovedì sera del Portogallo in Polonia (2-3) ha messo un po’ di pressione a una nazionale ricca di “italiani”; sono 8 i polacchi che militano in Serie A, a cui si aggiungono gli “ex” Glik e Blaszczykowski. A metà esatta del girone, la classifica è Portogallo 6, Polonia e Italia 1. La squadra di casa è in vantaggio, avendo per ora 1 gol in trasferta segnato negli scontri diretti (un criterio in più per le squadre a pari punti): un 1-1 darebbe comunque un leggero vantaggio ai polacchi, ma solo nei gol segnati in generale. A decidere tutto saranno comunque le due sfide col Portogallo di azzurri e “biancorossi”, anche se lo 0-0 per i motivi sopra spiegati sarebbe letale in caso di arrivo a pari punti.

Confermato l’assetto azzurro da 4-3-3 visto finora, con: Donnarumma; Florenzi, Chiellini, Bonucci, Biraghi; Verratti, Jorginho, Pellegrini; Chiesa, Insigne, Bernardeschi. Almeno questo è l’undici probabile di casa Rai. 4-4-2 per la Polonia con Szczesny; Bereszynski, Glik, Bednarek, Jedrzejczyk; Zielinski, Krychowiak, Klich, Kurzawa; Lewandowski, Piatek. Arbitro lo sloveno Skomina. Negli altri gironi, le classifiche di metà percorso sono queste. Gruppo A: Francia 4, Olanda 3, Germania 1 (martedì Francia-Germania a Parigi), Gruppo B: Belgio 6, Svizzera 3, Islanda 0 (lunedì Islanda-Svizzera, gli islandesi hanno perso 6-0 all’andata…), Gruppo D: Spagna 6, Inghilterra e Croazia 1 (lunedì Spagna-Inghilterra a Siviglia). Tra un mese, la fine dei gironi.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014