Una prima assoluta, la sfida inaugurale del girone F di Europa League; trasferta lussemburghese per il Milan, che alle 21 ha un’occasione da non fallire contro il Dudelange.

Tre i precedenti contro squadre della piccola nazione “schiacciata” tra Francia, Belgio e Germania: risalgono tutti agli anni Sessanta e Settanta, contro Union Luxembourg nella Coppa Campioni 1962-63 poi vinta, contro l’Avenir Beggen in Coppa Campioni 1969-70 e due anni dopo contro il Differdange, in Coppa delle Coppe (una delle due vinte dai rossoneri). Come prevedibile, il Dudelange – che si è fatto strada passando dai preliminari, eliminando Legia Varsavia e Cluj – ha in rosa in gran parte giocatori sconosciuti. Unica vecchia conoscenza del campionato italiano è un portiere, Landry Bonnefoi, francese già terzo di Buffon e Chimenti alla Juve.

I campioni di Lussemburgo erano i terzultimi nel ranking Uefa delle squadre sorteggiate. Solo 19 i convocati del Milan, senza Rodriguez, Bonaventura e Suso oltre a Musacchio e Cutrone. Un undici titolare che potrebbe schierarsi così: G. Donnarumma; Abate, Caldara, Romagnoli, Laxalt; Kessié, Biglia, Bakayoko; Halilovic, Higuain, Calhanoglu. La panchina, senza terzo portiere: Reina, Calabria, Zapata, Bertolacci, Mauri, Borini, Castillejo. Undici rimaneggiato (Calabria, Zapata e Borini i papabili per un eventuale ballottaggio) ma che parte comunque favorito sulla carta. Fischio d’inizio alle 21, partita visibile su Tv8 in chiaro. Arbitro il serbo Jovanovic.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014