Dopo il ritorno in Europa, nella fase a gironi e quindi nell’eliminazione diretta, a 4 anni di distanza il Milan ritrova anche un’avversaria degna per blasone e importanza europea. Si tratta dell’Arsenal di Wenger.

Fischio d’inizio alle 19 contro i Gunners, quinti nella passata Premier League e tornati a vincere trofei l’anno scorso con l’accoppiata FA Cup-supercoppa. Una multinazionale in Europa League, più anche del Ludogorets dei brasiliani: solo cinque inglesi in rosa (più il gallese Ramsey). Tra gli stranieri, diversi nazionali: da Shkodran Mustafi e Mesut Ozil, a Pierre Aubameyang  che non ci sarà avendo già giocato in CL col Borussia, passando per il “vecchio” Petr Cech. L’ultimo precedente europeo, la doppia sfida di Champions del 2011-12: 4-0 Milan in casa, 3-0 Arsenal all’Emirates Stadium già nel primo tempo con però la qualificazione ai quarti, nell’ultima campagna europea di successo (che finì con un’eliminazione per 3-1 in casa del Barcellona ai quarti).

18 convocati contati, con una formazione stabile. Si va avanti probabilmente con i soliti 11 titolari; se turnover sarà, sarà domenica (a meno di un rinvio della trasferta col Genoa che intaserebbe ancora di più il calendario). G. Donnarumma; Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Biglia, Bonaventura; Suso, Cutrone, Calhanoglu l’undici titolare. A disposizione: A. Donnarumma, Zapata, Borini, Montolivo, Locatelli, Kalinic, A. Silva. L’Arsenal risponde con: Ospina; Bellerin, Mustafi, Koscielny, Kolasinac; Ramsey, Xhaka, Wilshere; Mkhitaryan, Ozil; Welbeck. Su Tv8 si vedrà Lazio-Dinamo Kiev, quindi niente diretta in chiaro, che ci sarà probabilmente al ritorno (a Londra si giocherà alle 21.05). Arbitrerà il francese Turpin.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014