Prima partita del 2018 per il Milan di Gattuso che affronta a San Siro il Crotone, quartultimo a questo punto della stagione; esattamente la posizione in cui la squadra allora allenata da Nicola aveva terminato il campionato 2016-17.

0-3 il risultato dell’andata allo Scida, figlio di un rigore ed espulsione nei primissimi minuti. Una vittoria che aveva illuso molti sulle reali potenzialità della squadra, che già una settimana dopo col Cagliari aveva dovuto faticare parecchio per portare a casa i 3 punti. Nel mezzo, entrambe le squadre hanno esonerato il loro tecnico: al Milan è stato promosso dalla primavera Rino Gattuso, mentre i calabresi hanno salutato il tecnico della rocambolesca salvezza 2017 Davide Nicola, dimessosi un mese fa, chiamando al suo posto Walter Zenga, tornato ad allenare in Italia a due anni dall’esonero con la Samp.

4-3-3 confermato per Gattuso. G. Donnarumma; Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Biglia, Bonaventura; Suso, Cutrone, Calhanoglu il probabile undici. Esclusi Borini e Kalinic, c’è una remota possibilità di vedere Montolivo in mezzo al posto di Biglia. Modulo speculare per Zenga con: Cordaz; Sampirisi, Ajeti, Ceccherini, Martella; Rohden, Barberis, Mandragora; Trotta, Budimir, Stoian. Solo due ex a livello giovanile, Sampirisi e l’ex primavera Crociata in panchina. Arbitro della partita Maresca di Napoli, al Var il duo Massa-Rapuano. Dopo gli 1-1 di Chievo-Udinese e Inter-Fiorentina, in chiave europea si giocano Benevento-Samp e Spal-Lazio alle 15, mentre l’Atalanta fa visita alla Roma alle 18. Prosegue anche la sfida scudetto a distanza: nel pomeriggio Napoli-Verona, alle 20.30 Cagliari-Juve.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014